Connect
To Top

Grande successo per il WDW 2012… e Bayliss batte Rossi al photo-finish (Video)

Più di 65.000 i Ducatisti accorsi a Misano: edizione da Record per il WDW 2012.

La settima edizione del WDW – World Ducati Week – raduno internazionale che ha chiamato a raccolta il popolo dal Cuore Rosso sul Circuito Marco Simoncelli di Misano, è stato caratterizzato da un afflusso record di visitatori che hanno infiammato di passione la 4 giorni desmodromica. Un successo sotto ogni punto di vista, che ha coinvolto ed emozionato le decine di migliaia di motociclisti che si sono dati appuntamento per celebrare l’amore per le “Rosse di Borgo Panigale”.

Cinque Continenti, 52 nazioni in tutto il mondo, 65.000 presenze stimate. I “ducatisti” del WDW, oltre che dall’Italia, sono giunti da USA, Europa, Australia, Russia, India, ma anche da Brasile, Cina, Malesia, o addirittura Gabon, Islanda o Nepal. Tutti appassionati e uniti dal “rosso” comune denominatore di passione desmo che, in un evento come questo, trova la sua massima espressione.

Quattro giorni intensi, con il culmine toccato nella giornata di sabato 23 giugno, che ha visto la massima affluenza.  A caratterizzare la giornata, oltre alle tantissime attività previste dal programma dell’evento, la gara di accelerazione che ha chiuso la serata e che ha visto sfidarsi, in sella a delle potentissime Ducati DIAVEL Carbon, in pista i piloti Ducati (MotoGP e SBK) coinvolti nella “Diavel Drag Race by Tudor”. Naturalmente, come era facile aspettarsi, la sfida si è animata sin dall’uscita dal box e gli otto piloti (Valentino Rossi, Nicky Hayden, Troy Bayliss, Carlos Checa, Niccolò Canepa, Kuba Smrz, Sylvain Guintoli e Lorenzo Zanetti) non si sono risparmiati e hanno voluto dare il massimo per divertire il pubblico che affollava il paddock e le tribune di Misano.

Dopo una serie di batterie di qualificazione, Troy Bayliss ha vinto la sfida, staccando al photo-finish Valentino Rossi, seguito da Hayden e Checa.

Subito dopo la gara, davanti ad un pubblico stimato di oltre 10.000 persone, tutti i piloti e il management (il Presidente Gabriele Del Torchio, accompagnato dal Direttore Generale Claudio Domenicali, insieme a Filippo Preziosi – Direttore Ducati Corse, Ernesto Marinelli – Responsabile Progetto SBK – Alessandro Cicognani – Responsabile progetto MotoGP e  Vittoriano Guareschi – Team Manager Ducati MotoGP) sono saliti sul palco in Piazzale Roma a Riccione. Un saluto e un altro bagno di folla e poi la ribalta è stata lasciata ad altri famosi “ducatisti”, la “Ducati All Stars” band. Un vero e proprio gruppo rock, formato da rockstar di fama internazionale, accomunate dalla passione Ducati. Nomi del calibro di Steve Jones (Sex Pistols) Duff Mckagan (Guns N’ Roses) Franky Perez (Pusher Jones) Steve Stevens (Billy Idol band), Billy Morrison (The Cult) Isaac Carpenter (Loaded) che hanno animato Piazzale Roma con un concerto, unico, esclusivo, e assolutamente coinvolgente, che il WDW ha offerto a tutti gli appassionati presenti alla settima edizione di questo grande happening.

A condurre la serata Valerio Staffelli (che QUI ci spiega il suo amore per le “rosse di Borgo Panigale”) che, dopo aver girato in pista per tutta la giornata in sella alla sua 1199 Panigale, ha voluto salutare i tifosi, presentando dal palco la serata conclusiva, supportato dal fascino e dalla professionalità di Anne Laure Bonnet, che ha contribuito a rendere ancora più unica e magica questa fantastica serata.

Questo successo in Piazza a Riccione ha confermato la validità delle serate “fuori-circuito” che, proprio con questa settima edizione, ha permesso di organizzare tre serate in tre differenti e significative località della Riviera. Giovedì sera a Cattolica si è tenuta la “rustida” e il beach party, con circa 4.000 persone presenti, quindi lo “Speed Show”, nell’ovale, appositamente realizzato, a due passi dal lungomare di Misano Adriatico, dove circa 2.500 persone hanno fatto da cornice alle spettacolari esibizioni e derapate, per poi concludere, sabato sera, con la ”Notte dei Campioni” in Piazzale Roma a Riccione, con oltre 10.000 presenze.

Veramente tante le attività, gli eventi, le opportunità che hanno coinvolto i partecipanti: dalla pista, ai corsi di guida DRE (compresa la Ducati Accademy con Troy Bayliss a fare da “professore” in sella alla 1199 Panigale) e di meccanica, (con vere e proprie “Ducati University” tenute da ingegneri, piloti e manager della casa di Borgo Panigale), moto storiche e la celebrazione dei 40 anni dalla vittoria di Paul Smart alle 200 Miglia di Imola,  evoluzioni acrobatiche di stuntmen, dragster, esibizioni in pista dei piloti Ducati (SBK e MotoGP) spettacolo di motocross freestyler, oltre alle potenti Audi e Lamborghini che hanno fatto mostra di se stesse nel paddock e auto da sogno quali le Audi R8 LMS e R8 V10, affidate all’esperienza e al talento di piloti professionisti Audi, hanno emozionato il pubblico con spettacolari giri in pista.


1 Comment

  1. Cristina Desmo Andrea via Facebook

    2012/06/25 at 10:18 AM

    peccato non esserci stata…..

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Ducati