Connect
To Top

SBK Phillip Island 2013: i commenti alla Doppietta Aprilia

Guintoli e Laverty regalano una partenza esplosiva alla Casa di Noale, che con la RSV4 domina la prima gara di stagione del mondiale SuperBike. Una doppia doppietta a punteggio pieno. Dichiarazioni e commenti

Un dominio pressoché totale, se si esclude l’incursione di Melandri in  Gara2, che ha visto le Aprilia ufficiali, e quella “clienti” di Michel Fabrizio, sgranocchiare avversari e cordoli senza pietà. Una partenza a colpi di bazooka che archivia una volta per tutte i timori del dopo Biaggi e fa pensare al futuro con Eugene e Sylvain appaiati a 45 punti nella classifica iridata, e Aprilia a punteggio pieno (50 punti) nel mondiale Costruttori. Difficile pensare ad un fuoco di paglia, ma per la prova del 9 dovremo attendere dopo la lunga pausa che ci separa da Aragon (in Aprile), prossima tappa del Mondiale. Intanto, ecco i commenti alla gara di LAverty e Guintoli

[box_dark]

Eugene Laverty

“Siamo partiti col piede giusto. Il lavoro fatto nei giorni scorsi ha dato i suoi frutti. La mia Aprilia era veloce e mi ha assecondato dal primo all’ultimo giro. In Gara1 forse sono stato troppo conservativo con le gomme, ottenendo comunque un ottimo secondo posto, mentre in Gara2 ho spinto con più decisione. Alla fine, quando eravamo io, Sylvain e Melandri, ho provato a staccarli e ci sono riuscito, togliendo ancora qualche decimo al mio ritmo. Il record del tracciato a due giri dalla fine è una bella conferma, siamo arrivati alle gare nelle migliori condizioni possibili. 45 punti dopo la prima gara sono un buon bottino, non avevo mai iniziato così bene la stagione, ora pensiamo ad Aragon e a come continuare su questa strada”.

[/box_dark] [box_dark]

Sylvain Guintoli

“Bello iniziare con una vittoria! Devo essere sincero, dopo i test sapevo di poter fare bene e sono partito con l’idea di provare il tutto per tutto. Il mio obiettivo è sempre quello di vincere, a volte però devi adeguarti alle condizioni. Oggi invece il setting era ok, non avevo grosse preoccupazioni sulla durata delle gomme e tutto è andato come previsto. Nella prima gara non sono partito benissimo, ho perso qualche posizione ma giro dopo giro ho trovato il ritmo giusto per risalire la classifica. Eugene ha guidato forte, quando l’ho sorpassato sono riuscito a mantenere la distanza e conquistare questa importante vittoria. In Gara2 Eugene aveva qualcosa in più negli ultimi giri, ha attuato una strategia simile a quella che ho usato io nella prima, comunque per la squadra questo è un risultato fantastico anche se siamo solo all’inizio del campionato”.

[/box_dark]

5 Comments

  1. Emanuele Borgonovo via Facebook

    2013/02/24 at 9:47 AM

    Mondiale 2012 vinto x merito della moto e nn del pilota ,ora mi sembra abbastanza chiaro che ne dite?

  2. Ezio

    2013/02/24 at 12:07 PM

    Dico che non capisci una beata mazza.
    Checa out e Melandri out alla prima e a podio alla seconda a 1,5 sec dal primo nonostante le sue condizioni.
    DICIAMO INVECE CHE L’APRILIA HA SEMPRE PUNTATO SULLO SQUADRONE, CI FOSSE STATO IL MITICO ***3*** AVREMMO ASSISTITO CERTAMENTE A 2 ASSOLI. La Ducati ufficiale è una sola, la BMW FATTA DAL VECCHIO TEAM YAMAHA PUNTO SU UNO SOLO, non è la pista della Honda men che meno della Suzuki.
    Facendo 2 più 2 invece io proporrei di arrestare chi spara certe castronerie; CHE NE DITE?

  3. Ezio Balsamo via Facebook

    2013/02/24 at 12:13 PM

    Checa fuori subito e la Ducati punta solo su di lui

  4. Ezio Balsamo via Facebook

    2013/02/24 at 12:13 PM

    Melandri fuori ma alla seconda vicinissimo nonostante tutto…

  5. Ezio Balsamo via Facebook

    2013/02/24 at 12:14 PM

    L’Aprilia invece ha sempre puntato su più piloti, ci fosse stato Biaggi erano 2 assoli.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in SuperBike