Connect
To Top

SBK 2012, una stagione di emozioni, rabbia e passione: il bilancio di fine anno!

Siamo arrivati al bilancio di fine anno. È consuetudine che, proprio in questo periodo, si ripercorra l’anno trascorso per riviverne i momenti salienti. Vediamo quali episodi hanno reso indimenticabile la stagione SBK 2012.

26 Febbraio 2012, Phillip Island. Prima gara della stagione e prima pole position per l’inglesino di casa Kawasaki, Tom Sykes. Il pilota tingerà di verde tutto il campionato collezionando ben 9 pole su 14 e arrivando ad un soffio dal Titolo Mondiale.

Aprile si apre con il ritorno della SBK ad Imola, storico e affascinante circuito, sogno di tutti i motociclisti. Purtroppo,  proprio durante i test successivi il GP d’Italia, le acque minerali diventano scenario di un bruttissimo incidente che vede coinvolto il promettente pilota Kawasaki, Joan Lascorz. Per lui diversi mesi in ospedale e un tristissimo epilogo che lo costringerà alla sedia a rotelle. Meraviglioso l’affetto dimostrato da Kawasaki, e da tutti piloti, amici ed avversari.

Data storica è il 22 Aprile, 300° round del campionato mondiale SBK. I festeggiamenti si tengo alla rinomata università dei piloti, il mitico circuito olandese di Assen. Successivamente, a Donnington Park, l’anniversario delle 600 gare del campionato delle derivate dalla serie che, dal 1988, ci accompagna e ci entusiasma con sfide all’ultima piega.

Maggio si apre con un altro anniversario, venticinque anni di Gran Premi Superbike corsi sull’Autodromo Nazionale di Monza. Purtroppo, però, è proprio il leggendario circuito al centro di una burrascosa polemica. Problematiche riguardanti il drenaggio dell’acqua sull’asfalto costringono i commissari a dimezzare le attesissime competizioni.

Dopo una settimana dal GP d’Italia, la prima vittoria BMW tra le derivate dalla serie conquistata a Donnington Park con Marco Melandri, egregio portabandiera della Casa Tedesca, che arriva sul gradino più alto del podio, con ottimi risultati per tutto il resto della stagione.

Prima vittoria anche per il Team Pedercini nel campionato Stock 1000 sul Motorland di Aragon, il giovane australiano Brian Starring conquista l’oro e premia il duro lavoro del famoso team italiano.

Agosto 2012: altra prima volta, si corre a Mosca, il circuito russo ospita il campionato mondiale.

A Magny Cours, il 07 Ottobre, si conclude la stagione 2012 e Biaggi è campione del mondo per la sesta volta. Max, dopo una stagione combattutissima, arriva al successo con 358 punti e un miserissimo distacco di mezzo punto dell’inglese della Kawasaki Tom Sykes che, dal canto suo, rimane costante tutta la stagione e combatte fino all’ultimo per il titolo. Il grande successo del pilota romano, firma la fine della sua carriera nelle corse e lascia il ricordo di un campione che si è fatto notare più e più volte per la bravura, la caparbietà e per il suo caratterino non indifferente.

Dopo un tuffo nei bellissimi momenti passati insieme tra paddock e chicane, siamo tutti pronti per la stagione 2013 che promette tante novità – come il passaggio alle reti Mediaset – e la consueta adrenalina… are you ready?


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in SuperBike