Connect
To Top

Rumors: ipotesi Laverda. Il Gruppo Piaggio potrebbe rilanciare lo storico marchio nel 2011


Questa la voce che inizia a farsi sempre più insistente da qualche tempo a questa parte. Laverda potrebbe finalmente rispolverare il suo blasone dopo la lenta agonia che ha portato al definitivo oblio alla fine degli anni novanta. Divenuto nel frattempo proprietà del gruppo Piaggio, si vocifera che il marchio sarebbe pronto a ripresentarsi sul mercato a partire dal 2011.

Già un primo tentativo di rinascita fu tentato tempo fa, quando si provò a lanciare una roadster  750 che potesse beneficiare del know how Aprilia (altro marchio del gruppo) per quanto riguardava la dotazione motoristica. Tentativo che non ebbe un seguito di mercato; esattamente com’era avvenuto anni prima per i prototipi Lynx (in foto; realizzato nel 1996 e motorizzato Suzuki) ed SFC 1000 (che montava il bicilindrico della RSV 1000 Aprilia).

Sarà finalmente il 2011 la volta buona per la rinascita vera di Laverda?  E in questo caso, che tipo di moto dovremmo aspettarci?  Probabilmente si tratterà di una moderna café racer forse motorizzata “Shiver” che ricalcherà un po’ le orme della rediviva Norton con la Commando 961. Ma queste, per il momento, sono solo ipotesi… stay tuned!


1 Comment

  1. Littlegeek

    2010/06/17 at 11:28 PM

    Ma c’é posto sul mercato per un altro marchio? E per di più mi immagino sarà un marchio di nicchia e costoso.
    Sarebbe meglio che Piaggio rilanciasse Moto-Guzzi, svecchiando l’immagine e magari mettendo di nuovo l’aquila su una moto da corsa.
    Inoltre dovrebbe pensare a migliorare la rete dei concessionari Guzzi e Aprilia, soprattutto l’assistenza. Già adesso la mancanza di concessionari adeguati frena le vendite, ma per la Laverda da chi si andrebbe? Da quelli che vendono la Vespa?
    E poi fare marketing tipo BMW.
    Di un nuovo marchio, seppure storico, non se ne sente il bisogno, farebbe la fine della Moto-Morini (purtroppo).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in curiosità