Connect
To Top

Presentata Ufficialmente la Rally Dakar 2010: ecco le novità


Come annunciato qualche giorno fa, anche per il 2010 si conferma la location sudamericana della competizione fuoristradistica più celebre al mondo. E se lo scorso anno il motto degli organizzatori della Dakar era stato “nuovi luoghi, stessa avventura“, quest’anno il messaggio recita così “stessi luoghi, nuova avventura“, un gioco al rilancio che nostra come, dalle parti della ASO, credano fermamente in questa nuova stagione che la competizione sta vivendo.

Nuova stagione che ha per protagonisti i tracciati che si snodano tra Cile e Argentina, e che rispetto alla scorsa edizione vedranno qualche modifica nel 2010, con l’intenzione, da parte degli organizzatori, di dare maggiore risalto alla zona di sabbia e dune del deserto di Atacama nel nord del Cile. I due paesi, inoltre (come esplicitamente richiesto dal governo cileno), avranno in quest’edizione un numero uguale di chilometri, anche se l’Argentina manterrà il privilegio di ospitare la tappa di partenza e quella di arrivo.  Il lancio ufficiale del nuovo tracciato si avrà ai primi di maggio, mentre le date della competizione sono state fissate dal 2 al 17 gennaio 2010.

Tra le novità della prossima edizione anche requisiti più rigorosi per la partecipazione dei piloti. Lo scopo è di salvaguardare la sicurezza, ed è diretta conseguenza del triste episodio della morte del pilota francese Pascal Terry, e dell’incidente allo spagnolo Carlos Guerrero, anche lui in moto nella Dakar 2009. È stato deciso che potranno iscriversi all’edizione 2010 solo coloro che avranno disputato almeno una competizione del circuito Dakar negli ultimi 3 anni, oppure una prova del calendario mondiale della federazione internazionale motociclismo. In periodo di forte crisi, poi, non mancano le iniziative “tampone”: gli organizzatori hanno annunciato che l’iscrizione alla prossima edizione manterrà le stesse tariffe del 2009; iscrizione che potrà essere effettuata dal 15 maggio al 15 luglio prossimi. 


1 Comment

  1. Pingback: Africa Race 2009-2010: tutta la magia del continente perduto | Pianeta Riders

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Competizioni