Connect
To Top

Nuovo Yamaha Tricity: video, caratteristiche e prezzo

Disponibile a partire dalla prossima estate, ad un prezzo molto aggressivo, sotto i 4.000 euro, Yamaha Tricity promette di portare scompiglio nel segmento dei 3 ruote

[divider]

Mobilità urbana. Per chi vive nelle grandi città, un problema da fronteggiare giorno dopo giorno. Yamaha Tricity, nuovo veicolo a 3 ruote da 125 cm3 della Casa giapponese,  promette di dettare nuovi standard qualitativi in questo segmento in grande espansione… il tutto con un prezzo molto aggressivo, sotto i 4.000 euro.

Ecco come la casa dei Tre Diapason descrive la sua nuova creatura: un veicolo facile da guidare, leggero e contenuto nelle dimensioni, agile nel traffico, e capace di garantire una sensazione di grande stabilità nelle diverse condizioni stradali urbane, tutto ad un prezzo accessibile.

Motore da 125 cc a 4 tempi raffreddato a liquido

Fluido, brillante e contenuto nei consumi. Grazie alle moderne tecnologie, al giorno d’oggi possiamo godere di motori sempre più prestazionali e brillanti, caratterizzati, però, da bassi consumi e rispetto dell’ambiente. Non fa eccezione questo nuovo propulsore Yamaha dotato di un cilindro speciale,  in lega di alluminio con una specifica percentuale di silicio, sviluppato con le più avanzate tecnologie di pressofusione. La sua particolarità è di non avere la camicia in acciaio, perché il pistone scorre direttamente a contatto con l’alluminio. Questa soluzione garantisce un’eccellente distribuzione del calore, che contribuisce a stabilizzare le prestazioni del motore e a prolungare l’efficacia del lubrificante.

Nuovo sistema “Leaning Multi Wheel”

Una confidenza superiore. L’esclusivo sistema LMW, Leaning Multi Wheel (multi ruota in grado di piegare) adotta un meccanismo brevettato che è stato progettato per creare una sensazione di grande stabilità, e per offrire da subito una grande facilità di guida anche a coloro che non si sono mai avvicinati al mondo delle due (e tre) ruote. Posizionata dietro il frontale, una sospensione a parallelogramma concede al pilota la possibilità di guidare il Tricity come un tradizionale scooter a 2 ruote, ma con una sensazione di stabilità maggiore. I componenti del parallelogramma sono collegati alle forcelle ed al cannotto di sterzo, e quando il pilota di Tricity entra in curva il sistema permette alle due ruote anteriori di “piegarsi” in parallelo per assicurare una percorrenza di curva facile e istintiva. Un altro elemento fondamentale della sospensione a parallelogramma LMW Yamaha è l’utilizzo di una speciale forcella teleidraulica cantilever di tipo “tandem” con due steli separati per ogni ruota. Gli steli posteriori fungono da guida, mentre quelli anteriori hanno una funzione ammortizzante che provvede all’assorbimento delle oscillazioni con un’escursione di 90 mm.

Fattore leggerezza

Un peso di soli 152 kg in ordine di marcia, unito a dimensioni compatte, rende il Tricity un mezzo facile, alla portata di tutti, caratterizzato da grande agilità. I cerchi in alluminio riducono i pesi non sospesi, per mantenere leggero lo sterzo e facilitare l’azione di assorbimento e la reattività delle sospensioni. Il robusto telaio tubolare mette a disposizione del pilota una pedana piatta, con tutto lo spazio che serve, e contribuisce al contenimento del peso.

Distribuzione dei pesi 50:50 e baricentro centralizzato

La distribuzione dei pesi gioca un ruolo fondamentale nel modellare il carattere e le caratteristiche di guida di ogni veicolo, e su Tricity la distribuzione dei pesi 50 avantreno e 50 retrotreno (stesso approccio impiegato da Yamaha nella MotoGP™) contribuisce in modo sostanziale alla sua maneggevolezza, rendendo la guida piacevole e istintiva. Inoltre il baricentro di Tricity è collocato in una posizione ideale, appena sotto la parte anteriore della sella e, grazie al peso ridotto e la distribuzione dei pesi 50:50, garantisce oltre che una guida facile e reattiva, estrema facilità di posizionamento dello scooter sul cavalletto centrale.

Sistema di frenata integrata Unified Brake System (UBS)

Tricity è dotato del sistema di frenata integrata UBS (Unified Brake System), progettato per esaltare l’efficacia della frenata e per renderla più progressiva. Il sistema prevede due freni a disco anteriori da 220 mm ed un freno a disco posteriore da 230 mm. Quando si frena solo con la leva di sinistra la forza viene ripartita su tutte e 3 le ruote, per una frenata bilanciata ed efficace, quando il pilota frena solo con la leva di destra invece agisce solo sui freni anteriori. La tecnologia intelligente UBS non solo rende Tricity facile da guidare, ma assicura anche frenate pronte e progressive, senza la minima oscillazione al manubrio, riducendo la possibilità che i pneumatici si blocchino.

Colori, disponibilità e prezzo

Il nuovo Yamaha Tricity sarà disponibile in 4 diverse colorazioni: Anodized Red, Mistral Grey, Competition White e Midnight Black ed arriverà sul mercato nel corso dell’estate 2014 ad un prezzo inferiore ai 4.000 euro, a conferma dell’intenzione di Yamaha di creare un nuovo segmento nel mercato della mobilità urbana, a prezzi accessibili.

Yamaha Tricity in sintesi

  • Il primo modello a 3 ruote Yamaha della gamma “New Mobility”
  • Motore da 125 cc a 4 tempi raffreddato a liquido, consumi ridotti
  • Innovativa tecnologia Leaning Multi Wheel (LMW)
  • Peso di soli 152 kg (in ordine di marcia), il più leggero scooter a 3 ruote
  • Design elegante e moderno, dimensioni compatte
  • Ruote di generose dimensioni con cerchi in alluminio da 14 pollici anteriori, 12 pollici posteriore
  • Doppio freno a disco anteriore da 220mm e singolo posteriore da 230mm
  • Frenata unificata Unified Brake System (UBS) per frenate pronte e progressive
  • Pedana piatta ampia, e posizione di guida eretta e ergonimica
  • Vano sottosella capace di ospitare un casco integrale
  • Luci anteriori di posizione e luci posteriori a LED
  • Strumentazione full LCD, hi-tech
  • Prezzo d’acquisto sotto i 4.000 euro


2 Comments

  1. Fabio V Maddiona

    2014/03/26 at 5:02 AM

    Sarà la fine del piaggio Mp3

  2. Lippi Stefano

    2014/03/26 at 6:23 PM

    Un cesso da 125cc di 150 kg cc però sotto i 4000 euro….. e bè allora…..Yamaha hai toppato

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in News