Connect
To Top

Lightning Motorcycles: ancora più elettrizzante con targa e fanali

Richard Hatfield e il gruppo di ingegneri della Silicon Valley sono pronti a conquistare la strada lanciando un modello elettrico completamente omologato.

L’elettrico incalza. E non è certo un male visto che il greggio sta oramai diventando un lusso per molti di noi. La Lightninng Motorcycle, casa motociclistica americana impegnata da sei anni nelle competizioni a emissioni zero, sta pensando così di vestire con targa e fanali la propria sportibike elettrica per competere con le sorelle sportive a combustione.

Vediamo. Immaginate di essere “sdraiati” sulla vostra Panigale, a tutto gas, lungo una deserta autostrada tedesca, mentre il motore urla come un forsennato e i pistoni della rossa scalciano all’impazzata. Tu che sei alla guida provi quella tipica sensazione di onnipotenza e, all’improvviso, una silenziosissima moto elettrica ti riporta sulla terra, sverniciandoti. Non apprezzereste sicuramente!

Meglio non sottovalutarla

Le prestazioni di questo mezzo sono decisamente impressionanti. Un razzo, un concentrato di energia e Kilowatt ora! In versione standard, il propulsore raffreddato ad aria\olio è in grado di erogare 12Kwh, mentre l’unità da 14 Kwh sarà presto opzionabile. Per i più esigenti è in fase di sviluppo una versione ancora più prepotente da 22 Kwh!

E sapete quale velocità stratosferica ha raggiunto questo missile terra-terra? Sul famosissimo lago salato di Boneville, patria della velocità, la Lightninh Motorcycle è stata proclamata la moto elettrica di serie più veloce al mondo con i suoi 218.637 mph – circa 350 km\h. Adrenalinica!

Tutti noi sappiamo che i modelli sportivi prodotti in larga scala, pur raggiungendo potenze impensabili fino a poco tempo fa, sono comunque lontani anni luce dalle versioni appositamente preparate per le competizioni (WSBK, WSS). Nel caso della Lightning Motorcycle non funziona così. Ciclistica e motore accomuneranno il modello di serie e quello impiegato negli svariati campionati in cui ha preso parte, tra i quali spiccano il TTXGP e la road race più famosa al mondo, il TT.

Insomma, per rendervi l’idea, è come se avessimo la possibilità di gironzolare su strada con la Ninja di Tom Sykes e tutta la sua cavalleria sotto le nostre natiche… mica male!

A cambiare sarà esclusivamente il vestito. Linee più incisive e meno tondeggianti, a discapito di qualche km/h (nella foto in alto potete gustarvi un’elaborazione grafica realizzata da Glynn Kerr; qui in basso, invece, l’attuale versione da pista)

Il prezzo? 38.888 Dollari. Certo, un giocattolo particolarmente costoso. Ma se teniamo in considerazione la tecnologia impiegata – per esempio il sistema di ricarica parziale delle batterie in fase di decelarazione o il motore portante, proprio come sul progetto 1199 – e l’addio al caro e vecchio benzinaiobeh Riders, fatevi due calcoli.


3 Comments

  1. Salvatore Fiato via Facebook

    2012/09/03 at 4:13 PM

    Fantastica. Ora la moto elettrica c’è ma mancano i soldi. Uff

  2. Domenico Verde via Facebook

    2012/09/03 at 7:38 PM

    si va be elettrica ma deve fa rumore la moto, è ancora piu pericolosa la moto silenziosa

  3. motoelettriche

    2012/09/04 at 1:18 AM

    Il pacco batterie da 22 kwh è sperimentale ed equipaggia la Lightning da corsa e non si vedrà sulle strade! Ci saranno due versioni da 12 e 14 kwh (record di capacità di accumulo sino ad ora installati)!

    Una nota interessante :
    Il Motore di derivazione Remy che equipaggerà la Lightning è capace di erogare 240 cv e pesa solo 34 kg per una durata al 90% della sua efficienza di circa 1 milione e 448 mila km ; per darvi un metodo di paragone un Motore di una maxisportiva CBR 1000 rr ha 176 cv e dura 1/10 di quello della moto elettrica americana (ovviamente nel corso degli anni l’efficienza calerà del 20-30%).

    Questo è il video girato da Motorcycle.com di un test della Lightning vincitrice a Laguna Seca lo scorso Luglio, per la cronaca il tester ha dichiarato di non aver mai guidato una moto così potente nella sua vita e che l’accellerazione l’ha fatto rimanere basito:

    https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=nztLjEs_2Kw

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in curiosità