Connect
To Top

Andare in moto fa bene al cervello. Parola di giapponese



Andare in moto fa bene al cervello? È questo il quesito cui ha dato risposta l’esito di un serissimo studio condotto dall’università di Tohoku in Giappone (ad onor del vero, in collaborazione con Yamaha… ma non è detto che occorra esser sempre mal pensanti 😉 ): l’utilizzo delle due ruote stimolerebbe le funzioni celebrali migliorando le capacità di risposta dell’organismo.

Lo studio è stato condotto monitorando le capacità cerebrali di 21 uomini alla guida della propria motocicletta, rilevando , in ognuno di loro, un’intensa attività dell’aera del cervello responsabile per la memoria, la gestione delle informazioni e la concentrazione. Inoltre, è stata verificata un sensibile miglioramento nelle capacità cognitive in un gruppo che ha guidato la moto per due mesi consecutivi, rispetto ad un altro che si è astenuto dalla guida. Ma la notizia che provocherà un sicuro moto d’orgoglio nello zoccolo duro dei Riders duri e puri, è che gli stessi risultati non sono stati riscontrati tra coloro che hanno guidano un’auto.

“Per condurre una moto sono necessari bilanciamento e altre funzioni di controllo sensoriale – spiega Kawashima, il professore alla guida dell’equipe di scienziati -. Il cervello di un motociclista può divenire più attivo proprio per processare tutte queste informazioni attivamente durante la guida”.

Andare in moto fa davvero bene al cervello? E chi lo sa! Una cosa però è certa… di sicuro, fa benissimo al cuore!



(fonte ANSA)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in curiosità