Connect
To Top

2° sessione test Qatar MotoGp 2009: cade Pedrosa, Stoner e Rossi davanti a tutti


Sfortuna nera per Dani Pedrosa. Durante la seconda sessione di test sul circuito di Losail, Qatar, cade rovinosamente e si procura un trauma alla mano sinistra, la stessa già interessata da un infortunio lo scorso anno in Germania. Ancora non si conosce la gravità della lesione, ma si tende a escludere l’ipotesi di frattura. Per una prognosi più precisa, ad ogni modo, sarà necessario attendere il secondo esame. Coinvolto nell’infortunio anche il ginocchio sinistro dello spagnolo, sul quale si sarebbe riaperta la ferita dell’operazione subita lo scorso dicembre.

Per quanto riguarda la dinamica dell’incidente, Dani avrebbe perso il controllo della sua RC212V all’altezza della curva 10 del tracciato di Losail battendo rovinosamente a terra. Davvero un brutto colpo per il pilota della Honda che anche nel 2009 sembra proseguire il trend negativo di cadute e traumi che si trascina dalla scorsa stagione.

A fare da mattatore per l’intera giornata di Test, condizionata dalla presenza di un forte vento, è l’inesauribile Casey Stoner. L’australiano stacca il Rossi nazionale (secondo) di oltre 6 decimi, facendo segnare un discreto 1’57.139. Ottimo quindi il lavoro svolto sulla Ducati GP9 che sembra trarre notevole giovamento dal nuovo telaio in fibra di carbonio. Anche se a rovinare parzialmente la festa ci pensa l’oramai conclamata Maledizione Rossa delle seconde guide Ducati, con Hayden che deve accontentarsi solo del 9° tempo, a fronte dell’ottima performance del compagno di squadra: proprio come previsto!

La seconda giornata di Test sul circuito di Losail premia anche Colin Edwards, terzo su Yamaha Tech3 e l’ottimo Dovizioso che inizia a prendere le misure alla sua Honda ufficiale. Benissimo anche l’inossidabile Capirossi, sesto, appaiato al compagno di squadra Chris Vermeulen, quinto, a riprova del buon livello di competitività raggiunto da Suzuki per la stagione 2009.

Attesissimo, poi, sul circuito del Qatar, Macio Melandri. Come saranno andati per lui i primi test dell’era Kawasaki? Per ora non troppo bene: 14° tempo per lui, e circa due secondi di distacco da Stoner. Ecco la dichiarazione del ravennate:

“Siamo d’accordo per fare i test. Poi ci incontreremo con Kawasaki e Dorna per definire tutto. Se la moto sarà ok, nella norma per andare avanti e competere ad un certo livello allora va bene, altrimenti se in media saremo 3 secondi dietro tutti, sarebbe stupido fare una stagione che potrebbe essere devastante per tutti. Nel team vedo tutti molto sereni, c’è voglia di lavorare e fare bene. Tre mesi senza moto sono stati veramente tanti.”

A seguire, i tempi della seconda sessione di test:

1. Stoner (Aus, Ducati) 1’57″139 (37 giri)
2. Rossi (Ita, Yamaha) 1’57″747 (51)
3. Edwards (Usa, Yamaha) 1’57″817 (41)
4. Dovizioso (Ita, Honda) 1’57″879 (60)
5. Vermeulen (Aus, Suzuki) 1’58″018 (24)
6. Capirossi (Ita, Suzuki) 1’58″264 (42)
7. Lorenzo (Spa, Yamaha) 1’58″400 (63)
8. De Angelis (Rsm, Honda) 1’58″441 (53)
9. Hayden (Usa, Ducati) 1’58″577 (54)
10. Pedrosa (Spa, Honda) 1’58″619 (28)
11. De Puniet (Fra, Honda) 1’58″936 (55)
12. Elias (Spa, Honda) 1’59″036 (56)
13. Takahashi (Jap, Scot) 1’59″153 (65)
14. Melandri (Ita, Hayate) 1’59″195 (63)
15. Canepa (Ita, Ducati) 1’59″266 (36)
16. Kallio (Fin, Pramac) 1’59″764 (48)
17. Toseland (Gbr, Yamaha) 2’00″234 (51)

More in headline