Connect
To Top

Sbay Flying 1800: streetfighter-café in stile minimal targata Spagna


Oramai è un dato di fatto, i preparatori spagnoli vanno affermandosi sempre di più sulla scena internazionale grazie a creazioni che sanno andare oltre il semplice esercizio di stile. Moto in grado di innescare  un processo emozionale istantaneo scatenando l’immediato desiderio di possesso. E se realtà come Radical Ducati sono oramai un punto di riferimento consolidato (godetevi QUI e QUI le ultime gallery inserite sulla nostra pagina FB) ci sono anche altri preparatori iberici che sanno catturare l’attenzione mandandoci in visibilio le terminazioni Riders.

È il caso di Sbay Motor Company, attiva appena dal 2009, che con questa Flying 1800 tenta la strada della streetfighter-café in stile minimal. E la tenta talmente bene che, come ci fa notare Giovanni nell’anteprima postata QUI, “pure sul serbatoio sembra esserci scritto Sbav”. Eh sì, perché basta posarle appena un istante gli occhi addosso per non poter fare a meno di desiderarla. Ma cerchiamo di scoprire qualcosa in più su questa special che potrebbe essere un ottimo spunto per tutti gli amanti delle trasformazioni.

Il motore, in bella mostra, è uno spettacolare Rev-Tech 110i Evolution da 1840cc e circa 115 cavalli di potenza distribuiti talmente bene, da rendere la spinta della Sbay (o Sbav, se prefeirte) Flying 1800 incredibilmente corposa su tutta la curva d’erogazione. Sul fronte ciclistico, poi, solo componentistica di prim’ordine. Le sospensioni, completamente regolabili, sono marcate Öhlins, mentre ad aggredire i dischi Galfer Wave da 320mm ci pensano un bel paio di pinze Brembo radiali a quattro pistoncini. Il tutto per un peso totale di circa 211 Kg a secco che se da un lato potrebbero sembrare non pochi, dall’altro, rapportati al tipo di moto (parliamo sempre di un motore da 1840cc), racchiudono in sé un dato interessante.

Ed è proprio quando ci si ritrova davanti a moto così che immancabilmente, a noi amanti del tuning e non, ci si propone il solito quesito: perché prima di mandare in commercio certi modelli, sempre più anonimi e somiglianti, le grandi case costruttrici non chiedono una piccola consulenza a chi sa far vivere “creature da Sbav“?  

 


via| Moto22

3 Comments

  1. Duca Rosso

    2010/11/29 at 7:39 PM

    Spettacolo!!!! Ma almeno per il momento Radical Ducati non si batte 😉

  2. Lemmy

    2010/11/30 at 7:06 PM

    Bella!ma ha addosso troppa roba………fosse un pò più sobria….. 😉 :mrgreen:

  3. Bastard Machine

    2010/11/30 at 11:57 PM

    fichissima. Certo che il bombardone da 1800cc sarà bello pensante da gestire, però lo scarico così dovrebbe accentrare le masse e renderla comunque guidabile. Si si, mi piace proprio 😈

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Cafe racer