Connect
To Top

Focus: BMW R 1200 R 2011. Quando innovare il classico è una ragione di stile


(di Davide Petrachi)

BMW R 1200 R, una naked d’impostazione classica che talvolta ha fatto storcere il naso proprio ai puristi del “classico”. Atteggiamento un po’ tipico di noi motociclisti da sempre attenti alle novità ma irrimediabilmente conservatori. Eppure, se guardiamo con occhi neutri, la naked di casa BMW è bella, armoniosa e anche efficace da guidare; “facile” nell’accezione migliore del termine  e in grado di mettere tutti a proprio agio. Il modo di reinterpretare il “classico”, da parte della casa dell’Elica, la rende inoltre subito riconoscibile fra 1000 altre naked.

Per il 2011 la R 1200 R si presenta sul mercato rinnovata e ulteriormente arricchita: anche per lei arriva il nuovo motore boxer derivato dalla BMW HP2 Sport, di cilindrata 1 170 cm³, con doppio albero a camme in testa (DOHC), identico ai propulsori che già equipaggiano la BMW R1200 GS e la BMW R 1200 RT. Ma le novità arrivano anche sul fronte estetico. La Roadster tedesca, infatti, si “sdoppia” in due versioni: la “Standard”, caratterizzata da un’atmosfera più dinamica e sportiva; la “classic” che accentua lo stile roadster, elegante e senza tempo, a partire dai bellissimi cerchi a raggi. QUI le caratteristiche tecniche in dettaglio e la ricca Foto-Gallery.

Ma Torniamo al nostro Focus. Osservando la BMW R 1200 R si apprezza sin da subito l’estrema pulizia dell’insieme e una buona armonia delle sovrastrutture. Le forme, rispetto al passato, hanno meno “abbondanza”, meno tagli squadrati e danno la sensazione di avere ingombri molto più contenuti  esprimendo una piacevole sensazione di maneggevolezza anche solo poggiandole lo sguardo sopra. In altre parole, l’estetica non delude, anzi. La moto ha perso molto di un certo imprinting teutonico e la cosa, almeno a parere di chi scrive, gli ha fatto guadagnare diversi galloni.  E’ armoniosa, dall’aspetto “sottile” quel tanto che basta per farla apparire agile fra le gambe, con un minimo di classico unito alla giusta modernità e con un dimensionamento delle parti e delle sovrastrutture che regala alla tedesca eleganza e dinamicità allo stesso tempo.

Certo, non si tratta di una naked cattiva e né tantomeno vuole esserlo: la R 1200 R non è una castiga sportive o la classica brucia semafori. Piuttosto, siamo di fronte ad una fascinosa “tuttofare”, una signora per tutte le stagioni e da servire, possibilmente, in tutte le salse.  Proprio quest’armonia d’insieme – sia estetica che di utilizzo – è il lato più intrigante di questa moto. Forse non tutti i particolari saranno azzeccatissimi, come ad esempio il silenziatore un po’ troppo ingombrante che avrebbe meritato uno studio più attento, ma per il resto: ottimi voti. A mio giudizio la R 1200 R rimane una delle BMW più sobrie e affascinanti in assoluto.

Ovvio che tanta classe, tanta tecnologia (diversi gli ammennicoli che BMW mette a disposizione sia di serie che come optional)  e raffinatezza estetica richiedano un pubblico esigente, che abbia una fascia di età “matura” e che cerchi in una moto tutto quello che si può desiderare: viaggi, passeggiate, brevi volate autostradali (magari con parabrezza montato) e – perché no –  anche qualche bella groppata tra le curve del proprio percorso preferito, grazie a una ciclistica ottima e ad un motore brioso quanto  basta per far “viaggiare” a dovere la R 1200 R. Insomma – come si diceva – una moto tutto fare, un vero “jolly” nel listino BMW. 


4 Comments

  1. Emiliano79

    2010/12/06 at 12:40 PM

    ho avuto modo di provare la versione 2010. Si tratta di un mezzo che non delude e concordo, una moto per motociclisti “MATURI” ma aggiungo anche “intelligenti”. E’ una moto intelligente… che però si fa pagare, e se ti lasci prendere la mano dagli optional diventa un vero salasso

  2. Mario

    2010/12/06 at 2:42 PM

    NOn metto in dubbio la qualità ma a me la R 1200 R non dice niente…

  3. Lemmy

    2010/12/06 at 9:19 PM

    la chiamerei un “classico immortale”…..ovviamente il prezzo è BMW ma vuoi mettere?!?e poi tanto è finita l’era dell’usato che tiene,quindi tra un paio d’anni la si potrebbe trovare ad un prezzo più abbordabile da usata………comunque brava BMW……. :mrgreen: :mrgreen:

  4. Pingback: BMW “Fun2Ride Tour” 2011: calendario e info per testare la gamma BMW Motorrad sulle strade più belle d'Italia | Pianeta Riders

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Bmw