Connect
To Top

MotoGP Le Mans 2013: trionfo di Pedrosa. Applausi per Crutchlow, Marquez e Dovizioso

Vittoria di Pedrosa. Grande gara di Dovizioso e Crutchlow. Marquez, nel finale, fa una rimonta clamorosa. Rossi KO. Risultati e commento della Gara MotoGP di Le Mans, Francia, 2013.

[divider]

Nonostante un determinatissimo Andrea Dovizioso nella prima parte di gara, nulla può fermare Daniel Pedrosa che espugna Le Mans e conquista una strepitosa vittoria tra gli umidi cordoli francesi. Alle sue spalle, una sfida elettrizzante a tre: Crutchlow, Marquez e Dovizioso regalano splendide emozioni al pubblico della MotoGP, chiudendo la gara, rispettivamente, secondo, terzo e quarto. Ma vediamo com’è andata.

Parte forte Andrea Dovizioso, e tiene banco, in prima posizione, ad inizio gara. Ci mete cuore, anima e manico, sull’acqua, ma poi è costretto a dare strada ad uno scatenato Pedrosa che ne ha di più con la sua Honda. Poi Pedrosa, però,commette un errore e i due si ritrovano ancora in bagarre, con Dovizioso che – tornato primo – difende la posizione con freddezza e tenacia. Ma lo Spagnolo è un osso duro, e seziona col bisturi un sorpasso chirurgico, al millimetro, di cattiveria, che lo rimette alla testa della gara. Ma se pensavate che il Dovi fosse uno che molla, state sbagliando persona: ancora davanti a tutti. Ma ancora anche bagarre e cambi di posizione tra i due che – pian piano – fanno il largo dietro di loro, mentre Cal Crutchlow – dopo aver macinato un giro veloce dietro l’altro – infila anche Valentino Rossi e si piazza in terza posizione. Otto giri dalla fine. Pedrosa – primo – allunga rispetto al gruppo, intanto Dovizioso si ritrova un pericolosissimo Crutchlow alle calcagna. Poi Andrea sbanda, tiene la moto come può… Cal ne approfitta, lo infila e se ne va. Quando oramai le posizioni sul podio sembravano consolidate, ad un pugno di giri dalla fine, la carena di Marquez, autore di una disastrosa prima parte di gara, inizia a fare capolino alle spalle della Ducati Numero 4. Una progressione mostruosa, quella dello spagnolo, che in poco tempo lo porta alla zampata vincente su Dovizioso, che dovrà accontentarsi della quarta posizione. Ottima giornata, comunque, per la Ducati che ha mostrato tanta sostanza e competitività, grazie anche al quinto posto di Nicky Hayden.

Domenica da dimenticare, invece, per le Yamaha ufficiali. Valentino Rossi, caduto a 11 giri dalla fine mentre era quarto alle spalle di Crutchlow, torna in pista ma non riesce ad andare oltre la 12° posizione. Problemi, invece, per Lorenzo che, a un certo punto della corsa, inizia a perdere posizioni, venendo scavalcato dagli avversari, uno dietro l’altro. Concluderà, mestamente, settimo alle spalle di Bautista.

 

Risultati MotoGP Le Mans 2013

01- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – 28 giri in 49’17.707
02- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 4.863
03- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 6.949
04- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 10.087
05- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 18.471
06- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V – + 23.561
07- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 27.961
08- Michele Pirro Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 40.775
09- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 41.407
10- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – + 1’00.995
11- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 1’05.110
12- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 1’16.368
13- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 1’24.200 (CRT)
14- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 1’25.726 (CRT)
15- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 – + 1’32.111 (CRT)
16- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 1’40.602 (CRT)
17- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 – a 1 giro (CRT)
18- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR – a 1 giro (CRT)
19- Hiroshi Aoyama – Avintia Blusens – BQR FTR – a 1 giro (CRT)

9 Comments

  1. Massimiliano Alvisi

    2013/05/19 at 1:08 PM

    E Vale, non vale più…

  2. Fabio Galizia

    2013/05/19 at 1:16 PM

    Le ducati posso far sognare quando piove(purtroppo). Non dimentichiamoci che scorso anno i tifosi ducati hanno festeggiato il podio.

  3. Luigi Peraldo

    2013/05/19 at 1:18 PM

    Marquez è un fenomeno, ma il vero fenomeno è la moto che guidano lui e Pedrosa, una spanna sopra alle altre!

  4. Giuseppe Pucacco

    2013/05/19 at 1:37 PM

    E Rossi anche quest´anno darà la colpa alla moto.

  5. Marco Suzuki Elmi

    2013/05/19 at 1:56 PM

    L´anno scorso rossi arrivo 2 quindi le polemiche stanno a 0 …

  6. Stefano Acciarri

    2013/05/19 at 2:32 PM

    “Le ducati possono andar forte e far sognare i propri tifosi” Si, con un´altra moto forse.. Purtroppo è solo un fulmine a ciel sereno.. 🙁

  7. Gianluca Moschetti

    2013/05/19 at 3:04 PM

    Vale ha ammesso una serie di colpe! Perché dire che darà la colpa alla moto?

  8. Domenico Oricchio

    2013/05/19 at 5:15 PM

    Camomillo quando sbrocca e pianta il marcione son cazzi per tutti…..il resto dopo Marquez é roba da TORTE!!!!!

  9. Pingback: MotoGP Le Mans 2013, Dovizioso: "weekend positivo, anche sull'asciutto" | Pianeta Riders

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in MotoGp