Connect
To Top

MotoGp Donington 2009: presentazione della Gara più orari e programmazione Tv


Insoddisfazioni, riscossa e voglia di continuare a vincere. Sono questi i sentimenti con i quali i protagonisti del campionato MotoGp hanno attraversato la manica per sfidarsi all’ultima piega sul circuito del Donington Park. Rossi, Lorenzo, Stoner e Pedrosa ancora una volta al via per accendere gli animi e incendiare la bagarre.

 

qqq-moto-competizioni

Donington Park è da sempre un appuntamento affascinante. E se il Dottore (che qui è “di casa”) non fa mistero di adorare il tracciato britannico (come dire, “quasi quasi faccio il bis”), c’è più di qualcuno, in pista, che dovrà darsi un gran da fare per tenere a bada la propria carica agonistica pronta ad esplodere, come un petardo, ad oltre 300 Km/h.

Jorge Lorenzo, ad esempio, oramai stufo di recitare il ruolo del “pivello promettente”; ma anche l’australiano desmodronico si ritrova a fare i conti, da un po’, con la sua bile trasformatasi in nitroglicerina. È da troppo tempo, oramai, che Casey è costretto a volare basso… non si esclude, per domenica, che una fucilata rosso Ducati possa bucare la bandiera a scacchi.

Last but not the list il duo Honda PedrosaDovizioso. Il primo, quando è in forma, ha una tempra di basalto; il secondo, invece, ha un conto aperto con la sfiga.

 

Ma adesso conosciamo meglio il circuito di Donington Park.

I numeri innanzi tutto: 4.023 Km di lunghezza, 7 curve a destra, 4 a sinistra, percorrenza in senso orario; ed una media velocistica prossima ai 160 Km/h. Un circuito medio/veloce, quindi. Sì, ma a patto che non piova! Perché su nessuna pista, come al Donington Park, l’asfalto sa diventare viscido non appena scende un po’ d’acqua, al punto da trasformarsi in una vera trappola saponata. E considerando il tasso di precipitazioni britannico, una gara bagnata è ipotesi tutt’altro che remota. Tornando al tracciato, questo si presenta piuttosto vario, con un tratto particolarmente spedito ed un altro, viceversa, piuttosto lento; ovunque, cambi di livello e saliscendi.

La prima parte, che comprende una sequenza di curve tra le più veloci del motomondiale, premia uno stile di guida fluido e pulito, dove è molto importante lasciar correre la moto evitando manovre spigolose. Diversa la seconda parte, quella lenta, in cui, nella famosa sezione Melbourne, sono presenti una serie di curve in grado di mettere a dura prova l’assetto della moto e la capacità del pilota di staccare forte mantenendo tuttavia una motricità adeguata in percorrenza così da poter avere la necessaria accelerazione in uscita fino alla piega successiva.

Fondamentale, per i vari team, poter trovare il giusto equilibrio nei settaggi della moto, al fine di renderla efficace tanto nel primo, quanto nel secondo tratto di gara. E per avere le idee ancora più chiare sulle caratteristiche del circuito, gustiamoci uno spettacolare video di Donington on.-board (a seguire orari e programmazione della gara in TV)

 

httpv://www.youtube.com/watch?v=MD2rlaZBvKU

. 

ORARI e PROGRAMMAZIONE TV MotoGp, Gran Bretagna, Donington 2009

 

Venerdi 24 luglio 2009

·        ore 14:55, MotoGP Prove libere 1

 

Sabato 25 luglio 2009

·        ore 10:55, MotoGP, Prove libere 2

·        ore 14:55, MotoGP, Qualifiche – diretta Italia 1


Domenica 26 luglio 2009:

·        ore 11:40, MotoGp, Warm Up

·        ore 16:30, MotoGp, Gara – diretta Italia1


2 Comments

  1. Pingback: MotoGp Donington 2009: presentazione della Gara più orari e programmazione Tv | Mememoto.it

  2. Pingback: Motomondiale 2009 classe 250: De Rosa pronto per il Donington Park | Pianeta Riders

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in headline