Connect
To Top

Il Dottor Costa lascia: la Clinica Mobile a Michele Zasa

Il Medico dei piloti lascia, dopo 40 anni, le redini della Clinica Mobile. Al suo posto Michele Zasa.

[divider]

Claudio Costa, noto come il “Dottorcosta”, cede il timone della Clinica Mobile, l’unità sanitaria da lui stesso fondata negli anni ’70, che da decenni presta assistenza ai piloti sui campi di gara. Il suo posto verrà preso dal più giovane Michele Zasa “Come in tutte le epoche, c’è un sole che tramonta ed uno che sorgele parole del Dottore in una intervista rilasciata al portale della Federmoto. ” Ho deciso di affidarmi al cuore e alla passione di Michele Zasa, che essendo giovane può interpretare al meglio la filosofia della Clinica Mobile: aiutare i piloti, ovvero i nostri più cari amici, i nostri eroi.”

E’ inutile dire che con Costa, esce di scena (anche se all’inizio accompagnerà comunque l’avventura di Zasa), oltre che un esemplare professionista, anche un grande personaggio nel mondo delle corse. Figlio del celebre Checco Costa, per anni lo abbiamo visto impegnato in prima linea per la sicurezza dei piloti, per i quali ha sempre portato avanti battaglie per migliorarne le condizioni in cui spesso si trovavano a gareggiare. Proprio per questa sua volontà, verso la metà degli anni ’70, fondò la sua Clinica Mobile, un’unità in grado di prestare servizi di primo soccorso in caso di incidente ad un pilota in pista; un servizio volto a stabilizzare il quadro clinico del paziente, prima di trasferirlo poi in ospedale.

Tanti i piloti rimasti legati a lui, per l’amore e la passione profusi nel coccolarli letteralmente e prendersi cura di loro. Su tutti, vogliamo ricordare la vicenda Mick Doohan, con il pilota australiano strappato di notte ai medici olandesi per portarlo in Italia e salvargli così una gamba fratturata e malcurata ad Assen, e che rischiava la necrosi con conseguente amputazione.

5 Comments

  1. Mario Nardone

    2014/02/25 at 7:27 PM

    Noooo!!che perdita incolmabile
    Ancor piu’ per l’immensa sensibilita’ed umanita!!
    Nulla sara’ come prima!!!

  2. Francisco Sereno Paolucci

    2014/02/25 at 7:34 PM

    NOOOOOOO :'( e perché 🙁 ?

  3. Simone De Franceschi

    2014/02/25 at 8:53 PM

    Passavo piloti e moto ma lui era sempre lì con la sua bravura,sensibilità. Peccato, un vero peccato.

  4. Matteo Furlan

    2014/02/25 at 9:35 PM

    Ciao dottore, ci mancherai

  5. Michele Cancelliere

    2014/02/25 at 10:03 PM

    Nooo! Che peccato

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in MotoGp