Connect
To Top

Giacomo Agostini e la MotoGp che verrà


Interessante l’intervista apparsa qualche giorno fa su ilsole24ore.com in cui Giacomo Agostini dice la sua sulla MotoGp che verrà, azzardando un pronostico sui nuovi protagonisti della prossima stagione 2009; e fatti salvi i soliti Rossi e Stoner, Agostini conferma quanto più volte sostenuto anche qui, sulle pagine di Pianeta Riders, indicando su tutti i nomi di Lorenzo e Dovizioso. Due piloti giovani, che durante il 2008, hanno avuto l’occasione di acquisire tutta l’esperienza necessaria per imporsi in modo maturo e consapevole già dal prossimo motomondiale. E proprio lo spagnolo della Yamaha, probabilmente, è stato quello che ha saputo  mostrare con maggiore evidenza le proprie potenzialità esplosive, nonostante la stagione appena trascorsa lo abbia visto vittima di cadute rovinose, mix di  sfortuna e inesperienza; sfortuna ed inesperienza talvolta sottolineate in maniera abnorme e distorta proprio dall’ala estrema degli stessi simpatizzanti Fiat-Yamaha –lo zoccolo duro dei tifosi di Valentino Rossi– che ha da subito mal digerito i primi guizzi da campione di Jorge Lorenzo in avvio di stagione (mi chiedo, ma non sarebbe ora di finirla con certi integralismi un po’ ottusi?).

Ma si sa, la vita dei piloti all’interno dello stesso team può essere davvero difficile. Difficoltà che sicuramente riguarderanno anche Dovizioso, che in Honda HRC, dovrà fare i conti con un Pedrosa assai ingombrante; proprio come sottolineato da Agostini in questo stralcio di intervista:

I rivali di Rossi? Ancora la Ducati con Casey Stoner?
«L’australiano vorrà rifarsi, ma occhio ai giovani che avanzano: dal compagno di Rossi alla Yamaha, Jorge Lorenzo, ad Andrea Dovizioso. Sono poi curioso di vedere cosa farà Pedrosa: dopo tanti anni di fiducia illimitata da parte della Honda, per l’iberico è arrivato di contraccambiare e di provare veramente a vincere il titolo».
Appunto. La Honda ufficiale sarà affidata alla coppia Pedrosa/Dovizioso: problemi di convivenza in vista?
«Guardi, glielo dico francamente: il tuo compagno di squadra è sempre il tuo peggior rivale. È normale: con lui si condividono box, uomini, strategie, moto, dotazioni tecniche. Normale, quindi , che sia il duello più difficile. Perché stavolta dovrebbe andare diversamente?».


3 Comments

  1. Pingback: diggita.it

  2. Pingback: Jorge Lorenzo cambia numero in carena | Pianeta Riders

  3. Pingback: MotoGp Giappone 2009: vittoria di Lorenzo e doppietta Yamaha | Pianeta Riders

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in headline