Connect
To Top

In attesa di Jerez 2010: Pedrosa, il cavaliere senza testa


Tra le teste di serie “decapitate” di questo avvio di Motomondiale 2010 c’è lo spagnolo Pedrosa, apparso già sofferente durante i lunghi test invernali sulla nuova RC212V in versione 2010 (di cui vi abbiamo svelato QUI tutte le peculiarità). Per Dani, però, sfumato il Gp del Giappone, questo è il momento di far bene davanti al suo pubblico che a Jerez sa trasmettergli sempre una grande carica. Un’iniezione di potenza che, unita all’ottima conoscenza del tracciato e alle migliorie che dovrebbero essere apportate al telaio della sua moto, potrebbero riportare lo spagnolo a frequentare i quartieri alti del tabellone.

A proposito del Telaio della RC212V il lavoro dei tecnici dovrebbe essersi focalizzato sul tentativo di rendere la moto meno nervosa sotto le bordate di potenza del cattivissimo motore (quest’anno tra i più pompati e scorbutici in pista). A Jerez, il GP dove Pedrosa ha trionfato nel 2008 (ma pericolosamente affine anche ai due Yamahisti Rossi e Lorenzo) lo spagnolo della Honda non ha alternative e dovrà lavorare “di mestiere” per tornare competitivo prima che il campionato prenda il largo senza di lui; ma soprattutto, dovrà darsi da fare per riaffermare una leadership all’interno del Team Repsol messa in discussione dal compagno di squadra Dovizioso che contrariamente a lui sembra trovarsi a suo agio sulla nuova moto, come conferma il bel podio di Losail.


1 Comment

  1. Duca Rosso

    2010/04/27 at 11:29 AM

    La vedo dura per Pedrosa. In Qatar wera partito bene, ma poi… non so, non credo si tratti solo della moto, altrimenti come si spiega che Dovizioso riesce ad andare forte. Comunque sti spagnoli in spagna si esaltano, staremo a vedere!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in honda