Connect
To Top

Honda CB1100F e la psicologia del contrario: che si tratti di una nuova frontiera del marketing? (video)


Un quesito che nasce subito dopo aver letto la notizia, sul magazine Motorevue, che in Francia è nato addirittura un sito internet dedicato alla modern-classic Honda che, come oramai è noto, per il momento è commercializzata sul solo mercato giapponese. Lo scopo del sito, che potete raggiungere cliccando QUI, è quello di portare avanti una petizione per convincere la Honda ad importare la moto anche da loro.

Ma il caso francese non è l’unico. Da più parti monta il desiderio di vedere questa moto gironzolare sulle strade, come un recente caso in USA di cui vi abbiamo già parlato. Certo, non in tutti i paesi il senso dell’iniziativa raggiunge l’apice dei cugini francesi (che con battaglie di rivendica e rivoluzioni hanno un patto storico), ma il segnale è evidente. Si sta scatenando una sorta di psicologia del contrario per la quale più Honda continua a dichiarare che non importerà la moto più tutti gliela chiedono. Più non ve la do, più la desiderate (già… messa così sembrerebbe che si parli d’altro).

Di fatto, si tratta di un fenomeno commercialmente assai curioso che andrebbe indagato meglio dagli esperti del marketing: si mostra un oggetto potenzialmente accattivante. Lo si lascia bramare per un po’, poi si dice “spiacenti, per voi niente!”; dopodiché si aspetta che tutti comincino a reclamarlo. Insomma, una rivoluzione copernicana: non più il commerciante che deve convincere l’acquirente a vendergli un prodotto, ma l’esatto contrario. E in fondo, che il desiderio nasca dalla privazione non è poi un segreto.

Detto ciò, come si regolerà la casa giapponese nei confronti di questo bizzarro fenomeno? Continuerà a rimanere arroccata sulle sue posizioni (e nel mercato di casa)? oppure Honda deciderà di cavalcare l’onda della sommossa in atto?

Eppure, a questo punto strano che non si fiuti l’affare. Se il problema sono i rischi commerciali di un’ipotetica esportazione del modello (leggi, paura che poi non si venda) sarebbe sufficiente mettere in piedi un sistema di prenotazione della moto online per far contenti tutti, rischiare il minimo, e soddisfare la voglia di CB che dilaga incontenibile. Come realizzare tutto ciò? Be’, io un paio di idee le avrei… ma nel frattempo, godiamoci il bel video della CB1100F in azione

httpv://www.youtube.com/watch?v=3Dn19VbH_98


1 Comment

  1. Alessandro

    2010/04/20 at 12:34 PM

    Un vero peccato per questa moto. Certo quella della vendita online potrebbe essere una buona trovata. Già altre case lo fanno. Poi ci sarebbero i costi di omologazione e altro, ma non penso che per un colosso come Honda possa essere questo il problema. Chissà cosa accadrà, comunque complimenti ai motociclisti francesi, poche chiacchiere e soprattutto fatti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in curiosità