Connect
To Top

SBK Silverstone Inghilterra 2012: orari e programmazione TV, presentazione della gara e spiegazione del tracciato

Il duello Biaggi-Melandri promette scintille, ma occhio ai piloti di casa: è con loro che si dovranno fare i conti! Le dirette TV, il commento pre-gara e la spiegazione del circuito

Domenica si corre a Silverstone. Sull’ex aereoporto della RAF, andrà in scena l’ultimo appuntamento del mondiale SBK prima della pausa estiva. Si prevedono due manches tiratissime con Biaggi che vorrà cancellare l’opaca Brno, mentre Melandri, che vola sulle ali dell’entusiasmo dopo le due gare capolavoro in Repubblica Ceca, ha oramai nel mirino il campione romano e in Inghilterra tenterà il sorpasso.

Prima di proseguire con la presentazione della gara inglese, diamo però uno sguardo alla programmazione TV delle dirette TV

[divider]

Orari e programmazione TV Silverstone 2012

Venerdi 03 Agosto 2012

  • 12.30, Superbike, Prove libere 1
  • 16.30, Superbike, Qualifica 1

Sabato 04 Agosto 2012

  • 12.15, Superbike, Qualifica 2 – LA7 diretta
  • 14.50, Superbike, Prove libere 2
  • 16.05, Superbike, SUPERPOLE – LA7 diretta

Domenica 05 Agosto 2012

  • 10.20, Superbike, Warm up
  • 12.10, Superbike, GARA 1 – LA7 diretta
  • 16.10, Superbike, GARA 2 – LA7, diretta



[divider]

Alla luce del ridotto distacco di soli 22 lunghezze in testa alla classifica, per Biaggi e Melandri una vittoria (o anche un deciso guadagno di punti sull’avversario) consentirebbe di trascorrere la pausa estiva con uno stato d’animo più favorevole. Un fattore che potrà essere determinante per il rush finale che partirà con il GP di Mosca di fine Agosto. Per Biaggi, l’imperativo categorico è ricacciare l’avversario a debita distanza. Il compito non sarà facile, considerando lo stato di forma del ravennate. Per il pilota Aprilia, un passo falso a Silverstone, potrebbe costare la testa della classifica. Dopo il travagliato week-end di Brno, si è deciso di correre ai ripari con un test al Mugello, nel tentativo di porre rimedio al chattering che ha tarpato le ali alla sua RSV4.

Melandri, dal canto suo, punta a sfruttare il momento delicato di Max per cercare il sorpasso in classifica. La Bmw S1000RR appare in gran forma, così come il suo alfiere. Tutto sembra girare per il verso giusto, ma quei 22 punti in classifica rappresentano uno scoglio durissimo, che solo un Macio versione Brno può annullare.

Attenzione però. Mai, come in questo caso, non bisogna fare i conti senza l’oste. A Silverstone, i vari Sykes, Haslam, e Rea, non hanno alcuna intenzione di recitare la parte delle comparse. Sul circuito di casa saranno il vero ostacolo da superare. Sono soprattutto Sykes e Rea a fare forse più paura. Il pilota Kawasaki, nell’ultima gara, è apparso in grande spolvero, e solo un super Melandri ha negato la vittoria al Rider N. 66. Rea, pur non avendo offerto prove all’altezza, nelle ultime gare, ha dalla sua quel talento e quella grinta che, quando riesce ad esprimere, sono dolori per tutti. Silverstone e l’aria di casa sembrano il terreno adatto ad una “fiammata” delle sue. Haslam, invece, appare come un pugile che ha gettato la spugna. Dall’inizio del campionato sembra soffrire le prestazioni di Melandri, e Silverstone, per lui, potrebbe essere l’occasione per recuperare morale e correre una gara che possa riscattarne la stagione.

La pista

Nato come aeroporto militare per gli aerei della RAF (Royal Air Force), cominciò ad essere utilizzato come circuito per gare automobilistiche nel dopoguerra, nel 1950.  Silverstone è lungo 5,67 Km (0,53 km in più che in passato) e mantiene gran parte del vecchio tracciato con l’aggiunta di un tratto inedito nella parte interna, “the Arrowhead“, caratterizzato da una chicane e da un rettilineo che precede una brusca curva a sinistra che in teoria dovrebbe favorire i sorpassi. La sua posizione, su di un altopiano dove spesso soffiano forti venti, porta ad una spiccata variabilità del clima, determinando condizioni incerte durante le gare. Andiamo a conoscere meglio il tracciato di Silverstone con un video onboard, buona visione:


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in SuperBike