Connect
To Top

Tutti i segreti della Tuta Dainese D-AIR Racing: la protezione intelligente!

Il Metzeler Safety Day on Track è stata l’occasione, non solo per passare una piacevole giornata in pista, ma anche per conoscere più da vicino il D-Air, l’ultima avveniristica novità firmata Dainese. Info, caratteristiche e prezzi.

40 anni di esperienza Dainese e più di dieci anni di studi e  di test in laboratorio e sul campo. 5.000 ore di rilevamento dati con piattaforma inerziale dedicata e un centinaio di cadute. Questi sono solo alcuni dei dati che vi permettono di capire l’impegno e le energie che la casa di Molvena ha profuso, in questi anni, nel rendere più sicure le nostre scampagnate domenicali e le uscite in pista a full-throttle.

Il D-air, l’Air Bag intelligente progettato da Dainese, è infatti stato sviluppato in due differenti varianti, Racing e Street (presentato di recente a Roma), proprio perché le tipologie di pericoli e di crash, a cui un Riders può andare incontro, sono completamente differenti: Highside, lowside e rotolamenti, per quel che concerne la pista; impatti con cartelli stradali, guard-rail, pali della luce, marciapiedi, veicoli o muri di cemento, per quanto riguarda la strada – a pensarci bene vengono i brividi!

Ma andiamo per ordine. Oggi parliamo del D-Air Racing.

Il “cervello” di quel genio del D-Air Racing è racchiuso tutto nella gobba. Tre accelerometri, tre girometri, un sensore GPS e una batteria ai polimeri di litio, stazionano proprio dietro la vostra testa, pronti a elaborare i dati, capire la dinamica della caduta e attivare repentinamente la sacca 3D da 4 litri – brevettata direttamente da Dainese – attraverso un generatore di Gas a tecnologia “fredda” posto sempre sulla vostra schiena. Il tutto in soli di 45 millisecondi; 15 ms per attivarsi sommati ai 30 ms che impiega per gonfiarsi – Roba da lasciar di stucco anche il velocista Usain bolt!

Tutta questione di sensori.

Un sistema innovativo che non intacca, in un nessun modo, l’ergonomia del capo il quale, per sua natura, deve permettere movimenti agili e funzionali senza togliere concentrazione al pilota durante la guida. Proprio per questo motivo, gli ingegneri Dainese hanno scartato, fin dapprincipio, il tradizionale sistema a cavo: potrebbe, di fatto, attivarsi inavvertitamente in caso di movimenti eccessivi del pilota – pensate a quando la moto si trasforma in un vero e proprio toro imbizzarrito – o, addirittura, non entrare in funzione nel caso in cui la moto, in caso di scivolata, rimanga vicino al pilota. Proprio per questi motivi, nel D-Air, tra moto e pilota non esistono collegamenti fisici.

Dove le protezioni standard non arrivano

Collo, spalle e clavicola potranno, d’ora in poi, dormire sogni tranquilli prima di affrontare una giornata tra i cordoli. La piattaforma lavora infatti in combine con le consuete protezioni che sono installate sulle tute della linea Dainese. Risultato? Riduzione dell’85% dell’energia trasmessa in caso di impatto: si passa dai 23-34 kn garantiti dalle protezioni tradizionali ai soli 3 kn con il sistema D-Air.

Rapido, sicuro e molto astuto.

Il D-Air Racing è un “tipo” davvero intelligente con QI da primato. La CPU, infatti, elabora immediatamente i dati che vengono rilevati e attiva l’airbag solo nel caso in cui sia strettamente necessario. Per esempio, la sacca non si gonfia per una banale scivolata, nelle cadute al disotto dei 50 km/h o in quelle la cui dinamica non richiede l’extra protezione dell’air bag. Si gonfierà all’istante, invece, negli impatti più violenti: dal momento in cui comincerete a rotolare, oppure dopo che sarete stati disarcionati dalla moto – si spera di no – e vi garantirà una copertura di 5 secondi. Dopodiché il sacco si sgonfierà – e non somiglierete più ad Arnold Schwarzenegger!!

Non solo protezione. Tanta utile telematria per la pista.

Gli smanettoni apprezzeranno. Il prodotto estremamente racing, sfruttando la tecnologia GPS, consente di scaricare dati, contenuti nei 2 GB di memoria, sulle proprie perfomance in pista: velocità massima, tempi sul giro, accelerazioni, telemetria Gps della moto, valutazione degli spazi di staccata e della distanza con la corda della curva e tanto altro. Insomma, cose che si sentono solo in Formula1 e MotoGP. Il tutto si carica in 1-2 ore e ne dura circa 8 – l’equivalente di una giornata intera tra i cordoli – ed il suo funzionamento è visibile tramite una striscia led posta sulla tuta all’altezza del braccio destro. Quindi protezione e telemetria in un colpo solo.

Tutti voi, adesso, vi starete domandando: una volta che il D-Air Racing si è attivato e mi ha salvato la “pellaccia” è possibile ripristinare il sistema? La risposta è SI. Dainese garantisce per due anni la sostituzione gratuita del sacco – monouso – e il generatore di gas – elio, innocuo per l’uomo – ogni qualvolta il sistema entri in funzione. Ovviamente nessuno di noi, e sicuramente neanche i ragazzi Dainese, vi augura di cambiarlo troppo spesso.

Prezzi e Conclusioni

Il sistema D-Air Racing, pensato esclusivamente per l’habitat pistaiolo, ha lasciato di stucco un po’ tutti. Gli ingegneri e i tecnici non hanno lasciato nulla al caso: dietro ad ogni singolo dettaglio si celano, infatti, migliaia di ore di lavoro, centinaia di test e anni di ricerca.

Pensate che è il primo Airbag per motociclisti a ricevere la prestigiosa certificazione del TÜV SÜD, superando a pieni voti gli 800 estenuanti test a cui è stato sottoposto. Senza nulla togliere all’utile contributo dei piloti MotoGP, che hanno testato questa piattaforma sulla loro pelle a partire dal 2008 – molto spesso li abbiamo visti camminare sulle proprie gambe anche dopo spettacolari carambole!!

Il prezzo? La cifra del pacchetto completo (comprensivo di tuta) si aggira intorno ai 2900 €. Non si parla certo di caramelle. A nostro avviso, l’audace progetto Dainese la dice lunga sulla sicurezza e, quei soldi, se pur a primo impatto possano sembrare tanti, “pesano” molto di meno della nostra salute.

Allora, smanettoni incalliti, fatevi sotto. Che ne pensate del D-Air di Dainese? E se il vostro patema è che il peso della piattaforma possa incidere negativamente sul peso della vostra Race Replica, siete sulla strada sbagliata. Sono solo 350 grammi in più… come un piatto di pasta per intrepide forchette!


2 Comments

  1. Simone Giglio via Facebook

    2012/10/10 at 10:33 AM

    Che la sicurezza dovrebbe costare molto ma molto meno!!!

  2. Stefano Di Concetto via Facebook

    2012/10/10 at 2:31 PM

    Mi chiedo perché se ne parla solo ora che l’ha presentato Dainese…. Tg compresi. Quando sono anni che altri lo producono.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Abbigliamento, ricambi e accessori