Connect
To Top

SBK, test Portimao: Suzuki ben comincia

Sorpresa Suzuki nei test di Portimao. Miglior tempo di Lowes davanti al compagno Laverty (che batte Melandri). La pioggia rovina i piani. Attardata la MV.

[divider]

Nel primo confronto andato in scena sui saliscendi del tracciato dell’Algarve, la Suzuki stupisce tutti, cogliendo le belle prestazioni dei suoi due alfieri. Sia Laverty (1.42,6) , ma soprattutto Alex Lowes (1.42,5), hanno sorpreso tutti andando ad occupare le prime due caselle sulla lista dei tempi ufficiosi di Portimao. Bella prova del Team Crescent Suzuki quindi che si gode il momento, anche se è ancora presto per dire se la Casa di Hamamatsu avrà concrete possibilità di giocarsi il titolo, ma l’inizio è di quelli più che incoraggianti.

Quel che salta subito all’occhio, è vedere Laverty in sella alla GSX-R, davanti a chi oggi ha in mano il manubrio lasciato proprio da Eugene. Quel Melandri che in sella alla più competitiva RSV4, nei test portoghesi non ha fatto meglio di 1.43,1 seppur, come dichiarato dallo stesso Albesiano, direttore tecnico del team Aprilia, la moto ha ancora bisogno di sviluppo per adattarsi alla guida di “Macio”. I test di Jerez del 5-6 Febbraio , ci daranno informazioni più precise.

Lavoro positivo anche per la squadra Ducati, con i due nuovi acquisti Giugliano (1.42,9) e Davies (1.43,2). Per entrambi però (come per altre squadre) lavoro in parte guastato dal mal tempo che ha imperversato per due giorni, mandando in fumo metà delle giornate programmate. La pioggia ha comunque permesso di prendere confidenza con la 1199 in condizioni di bagnato (serve anche questo per vincere). Per il team, lavoro di messa a punto sulle nuove Ohlins portate in Portogallo.

Buoni responsi per il Team Honda Pata, soprattutto da Rea, con tempi costantemente sull’1.42″ alto. Un po’ meno soddisfatto Haslam, mai sotto l’1.43″. Per loro tanto lavoro soprattutto sulla parte elettronica della CBR.

Attardato invece il team Yakhnich e la MV F4. I test sono pochi e poter sfruttare le giornate di Portimao per intero avrebbe fatto comodo. La F4 è un progetto giovane e di chilometri in questo caso non se ne fanno mai abbastanza. Per Corti, attardato da problemi di elettronica, 1.44,5.  Problemi di gioventù, e per cercare di risolverli, prima dell’inizio dei giochi a Phillip Island, rimangono solo due giorni di prove a Jerez…

 

5 Comments

  1. Ezio Balsamo

    2014/01/21 at 7:55 AM

    lo penso da sempre che chi proviene dalla supersport non promette niente di buono per gli avversari, qualunque sia la categoria dove approda (Sofoglu in moto2, Crutclhow in SBK -MotoGP …) 😀

  2. Ezio Balsamo

    2014/01/21 at 8:04 AM

    che gaffe!!! 😀

  3. Ezio Balsamo

    2014/01/21 at 8:05 AM

    Però è bello vedere come è grande il “Pianeta Riders” 😉

  4. Pianeta Riders

    2014/01/21 at 8:05 AM

    no, tranquillo, nel caso di questi due capita spesso 😉

  5. Pianeta Riders

    2014/01/21 at 10:10 AM

    Ezio, Alex Lowes, lo scorso anno, è stato campione della BSB in Inghilterra 😉

    E’ stato il gemello Sam a mettere a ferro e fuoco la SuperSport

    Un bel DNA, in famiglia 🙂

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in SuperBike