Connect
To Top

SBK, Corti e la MV: “Non è facile, ma siamo all’inizio”

Continua incessante il lavoro per Corti sulla F4. Tanti i nodi da sciogliere, ma di tempo ce n’è poco. Il team paga lo stop invernale forzato.

[divider]

Dura, per ora, l’avventura, per il Claudio Corti ed il Team Yakhnich. Lo sviluppo della MV F4, sta creando qualche grattacapo di troppo, anche per il poco tempo avuto fino ad ora per poter accelerare lo sviluppo della moto. Dopo un primo approccio con la pista di Phillip Island nella prima giornata di prove, con brevi run intervallati da tanto lavoro ai box, il secondo giorno, Corti, ha provato a girare con più continuità (62 giri in totale). Risultato? Il miglior tempo per il pilota MV, penalizzato anche da una scivolata che gli ha tolto concentrazione, è stato di 1’32″858, a circa due secondi e mezzo dal leader Sykes: ” Lunedi tutto sommato andava bene – le parole del 26enne comasco– abbiamo lavorato sodo, cercando di raggiungere i nostri obiettivi. Martedì non è iniziata come ci aspettavamo. Purtroppo ho fatto un errore e sono caduto e questo mi ha impedito di lavorare come volevo.”

Lo sviluppo della F4 però, richiede un po’ di pazienza, e si sta rivelando complicato: “Abbiamo avuto più problemi a Phillip Island che in Portogallo, a Portimao, a causa delle diverse condizioni che impone la pista. L’importane però è ricordarsi che siamo solo all’inizio, e lo sviluppo in questa fase non è mai facile. “

1 Comment

  1. Fabio Cannas

    2014/02/19 at 11:14 AM

    Ma un mese fa non ha detto che vinceva il titolo???

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Personaggi