Connect
To Top

SBK Australia 2014: vittoria di Laverty in Gara 1 e di Guintoli in Gara2

Risultati SBK Australia, Phillip Island, 2014. La Suzuki di Eugene Laverty si impone sulle Aprilia di Melandri e Guintoli in Gara1. Nel secondo round, invece, rottura del motore, bandiera rossa, e vittoria all’Aprilia. Commento e ordine d’arrivo

[divider]

GARA 1

Esordio pirotecnico di Eugene Laverty sulla Suzuki del Team Crescent nella gara inaugurale della stagione 2014 a Phillip Island. Il Rider in sella alla sua Gixxer SBK compie una spettacolare rimonta dalla seconda fila che, al 17° giro, gli vale la testa della gara dopo aver fatto fuori il trio in fuga formato da Melandri, Giugliano e Guintoli. Dopodiché, Eugene corre dritto a impallinare la bandiera a scacchi, con una bella soddisfazione nei confronti di quell’Aprilia che, per questa stagione, gli ha preferito Marco Melandri, secondo alle sue spalle davanti al compagno di squadra Guintoli.

Medaglia di legno per Davide Giugliano su Ducati Panigale, che conclude al quarto posto, precedendo Baz, Rea e Sykes, decisamente più attardati rispetto al gruppo di testa. Peccato per l’arrembante Alex Lowes che – in piena bagarre nel gruppo di rincalzo – abbandona la gara al 4° giro a causa di un brutto volo.

Per quanto riguarda la classe EVO, si impone David Salom su Kawasaki (9° posto assoluto) davanti a Canepa e Allerton. La MV Agusta F4 RR di Claudio Corti conclude 13°, mentre la EBR 1190RX di Aaron Yates subisce l’onta del doppiaggio.

Risultati Gara 1 SBK Australia

01- Eugene Laverty – Voltcom Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 22 giri in 33’39.440
02- Marco Melandri – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 2.959
03- Sylvain Guintoli – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 3.034
04- Davide Giugliano – Ducati Superbike Team – Ducati 1199 Panigale R – + 6.972
05- Loris Baz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 11.132
06- Jonathan Rea – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR SP – + 11.718
07- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 15.612
08- Chaz Davies – Ducati Superbike Team – Ducati 1199 Panigale R – + 25.724
09- David Salom – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 37.407 (EVO)
10- Niccolò Canepa – Althea Racing – Ducati 1199 Panigale R – + 37.468 (EVO)
11- Glenn Allerton – BMW Motorrad Italia Superbike Team – BMW S1000RR – + 39.271 (EVO)
12- Fabien Foret – MAHI Racing Team India – Kawasaki ZX-10R – + 45.212 (EVO)
13- Claudio Corti – MV Agusta Reparto Corse Yakhnich Motorsport – MV Agusta F4 RR – + 50.249
14- Jeremy Guarnoni – MRS Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 1’17.134 (EVO)
15- Sheridan Morais – IRON BRAIN Kawasaki SBK Team – Kawasaki ZX-10R – + 1’23.686 (EVO)
16- Imre Toth – BMW Team Toth – BMW S1000RR – + 1’30.651
17- Aaron Yates – Team Hero EBR – EBR 1190RX – a 1 giro
[divider]

[divider]

GARA 2

Poteva essere il giorno del trionfo assoluto, per Eugene Laverty, se la rottura del motore della sua Suzuki – uno degli 8 disponibili per l’intera stagione – non fosse arrivata a rovinare la festa. Tutto si decide al 15° giro, mentre il Campione nord-irlandese era in lotta con Guintoli e con le Kawasaki di Baz e Sykes per la vittoria della gara. Una nuvola di fumo alla “Siberia”, e va in fumo il sogno di una doppietta nel primo GP della stagione… un vero peccato, ma un Laverty così forte e determinato, potete scommetterci, saprà rifarsi con gli interessi. L’esito della gara è così deciso dalle bandiere rosse sventolate sul circuito per il rischio di olio in pista fuoriuscito dal motore: la vittoria va all’Aprilia di Guintoli, mentre Baz e Sykes chiudono il podio, rispettivamente con il secondo e il terzo posto.

Ancora quarto Davide Giugliano su Ducati, che precede le Honda Fireblade di Rea e Haslam, mentre Marco Melandri si deve accontentare dell’ottava posizione dopo un errore nei primi giri che lo ha mandato a spasso fuori pista. Stessa sorte anche per Lowes: un doppio errore per lui nel corso della gara, e 13° sotto alla bandiera a scacchi.

Risultati Gara2 SBK Australia

01- Sylvain Guintoli – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – 14 giri in 21’34.034
02- Loris Baz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 0.283
03- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 1.103
04- Davide Giugliano – Ducati Superbike Team – Ducati 1199 Panigale R – + 2.052
05- Jonathan Rea – Pata Honda World Superbike – Honda CBR 1000RR SP – + 4.951
06- Leon Haslam – Pata Honda World Superbike – Honda CBR 1000RR SP – + 5.673
07- Chaz Davies – Ducati Superbike Team – Ducati 1199 Panigale R – + 9.664
08- Marco Melandri – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 10.574
09- Toni Elias – Red Devils Roma – Aprilia RSV4 Factory – + 11.682
10- David Salom – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 15.065 (EVO)
11- Niccolò Canepa – Althea Racing – Ducati 1199 Panigale R – + 16.294 (EVO)
12- Fabien Foret – MAHI Racing Team India – Kawasaki ZX-10R – + 16.919 (EVO)
13- Alex Lowes – Voltcom Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 19.694
14- Sheridan Morais – IRON BRAIN Kawasaki SBK Team – Kawasaki ZX-10R – + 27.266 (EVO)
15- Glenn Allerton – BMW Motorrad Italia Superbike Team – BMW S1000RR – + 27.845 (EVO)
16- Jeremy Guarnoni – MRS Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 29.431 (EVO)
17- Alessandro Andreozzi – Team Pedercini Racing – Kawasaki ZX-10R – + 36.393 (EVO)
18- Claudio Corti – MV Agusta Reparto Corse Yakhnich Motorsport – MV Agusta F4 RR – + 37.018
19- Imre Toth – BMW Team Toth – BMW S1000RR – + 54.093
20- Aaron Yates – Team Hero EBR – EBR 1190RX – + 1’13.385

5 Comments

  1. Ezio Balsamo

    2014/02/23 at 7:35 AM

    sono contentissimo anche se speravo in Giugliano (che si rifarà…) 🙂

  2. Luca Rigo

    2014/02/23 at 11:36 AM

    Se non rompeva il motore poteva essere doppietta…..

  3. Niko Martorana

    2014/02/23 at 12:43 PM

    da tifoso aprilia, sono contentissimo x Eugene k merita tanto… credo k già in aprilia avranno capito k non dovevano mandarlo via…

  4. schumacherPRO

    2014/02/26 at 11:37 AM

    Laverty il migliore!

  5. Pingback: Test Jerez SBK 2014, Melandri: ad Aragon mi aspetto un salto di qualità | Pianeta Riders

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in SuperBike