Connect
To Top

SBK 2014 pronti al via: tutti all’assalto della Ninja di Sykes

Tutto pronto per la prima gara 2014 a Phillip Island. Il campione del Mondo SBK, Tom Sykes, dovrà difendersi dagli attacchi degli agguerriti avversari… Aprilia e Ducati in testa, ma occhio agli outsider.

[divider]

Oramai è finito il tempo delle attese. Si stanno per accendere i riflettori sul Campionato mondiale delle derivate dalla serie che, il prossimo week-end, esordirà sul veloce tracciato di Phillip Island, Australia (QUI tutti gli orari di SuperPole e Gare). E se nei Box fervono i preparativi e si affilano i cilindri, nella testa dei piloti c’è un solo unico pensiero dai contorni verde-lime: battere Tom Sykes e la Ninja, per fregiarsi dell’ambito alloro iridato.

Melandri e la freccia d’argento

Tra i più agguerriti pretendenti al trono 2014, c’è sicuramente Marco Melandri che, tornato in famiglia, tenterà il tutto per tutto con l’Aprilia RSV4, pronta a sgranocchiare i cordoli con la nuova livrea argento. Una stagione fondamentale per un pilota che, promessa irrisolta del motociclismo contemporaneo, manca da troppo tempo l’appuntamento con un destino chiamato “mondiale”.

Ducati e Suzuki

Se da un lato è evidente la voglia del Team Ducati di tornare a brillare nel firmamento delle Derivate, con una moto, la Panigale, fino ad oggi poco capace di esprimere al meglio il proprio potenziale, dall’altro piace vedere una Suzuki GSX-R di nuovo competitiva e arrembante. Tutto questo lo si può sintetizzare in due nomi: Davide Giugliano ed Eugene Laverty, due Riders talentuosi e determinati a vincere, che potrebbero portare sconquasso in vetta al tabellone.

La stagione dei Record

25 piloti al via e 8 case costruttrici. Un campionato, quello 2014, rimpolpato di presenze e arricchito dalla nuova e frizzante classe EVO. Tre (al momento) le facrtory italiane schierate in griglia – Ducati, Aprilia e MV Agusta – cui potrebbe aggiungersi Bimota, in corso d’opera, laddove si sciogliessero i nodi legati alle omologazioni. Per la prima volta, inoltre, nella storia della SuperBike, correranno moto di costruzione americana: le EBR di Casa Buell.

Quattordici, infine, gli appuntamenti previsti, con tappe italiane ad Imola e Misano, rispettivamente l’11 maggio e il 22 giugno, mentre il gran final si correrà sullo spettacolare circuito del Qatar il 2 novembre.


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in SuperBike