Connect
To Top

SBK 2013, Sykes: “La Ninja? Una moto che mi ha reso felice!”

Siamo riusciti a strappare due battute al Campione del Mondo SBK Tom Sykes, presissimo dai doveri promozionali. Meritato il suo “magic moment”, ma… quanta fatica per arrivare lassù

[divider]

20 anni dopo Scott Russell, un altro pilota Kawa sul tetto del mondo! Ad Eicma abbiamo incrociato Tom Sykes e ne abbiamo approfittato per due domande al volo sul Titolo Mondiale e su quanto sia stata dura la sua scalata all’Olimpo della SuperBike.

Tom, è stato difficile riuscire a vincere con la Ninja? Una moto che negli anni ha sempre mostrato buon potenziale ma che poi…

Per me è motivo di enorme orgoglio vedere di nuovo il nome Kawasaki sul gradino più alto della Superbike. Riportare in alto la Ninja dà una sensazione incredibile. Detto ciò, vincere non è mai semplice con nessuna moto. Duro lavoro, tanti test per crescere e sviluppare il progetto ZX-10, ma ce l’abbiamo fatta!”

Duro lavoro, e scelte azzeccate…

Abbiamo avuto le nostre difficoltà, non lo nascondo, soprattutto con il bilanciamento della moto. Un lavoro che ha richiesto tempo, ma ora il setting è perfetto e questo ci ha consentito di lottare ad ogni gara per la vittoria; così è decisamente più facile… (ride, ndr)

In effetti, va riconosciuto a pilota e team di esser riusciti ad evolvere enormemente una moto che, pur mostrando grandi doti di motore, mostrava evidenti carenze in un telaio che faticava no poco, tanto da compromettere gare e (possibili) vittorie. Nel 2011 e 2012 appariva evidente come, in uscita di curva, il posteriore tendesse a “danzare” sotto le frustate di potenza dell’enorme cavalleria della Ninja, con slittamenti e inevitabile usura precoce della gomma. Poi il problema sembrava essersi trasferito all’anteriore

“Il bilanciamento non è stato affatto semplice. Da allora ad oggi – le parole di Tom tante persone che hanno dato il loro contributo, portando la Ninja al livello attuale. Grande lavoro sul telaio, dove, dopo qualche difficoltà, siamo riusciti a sistemare le cose. Un impegno che ha interessato tanti settori ovviamente, non ultimo il prezioso contributo della parte elettronica. Piccoli passi, di volta in volta, più su e… siamo riusciti ad avere la moto che mi ha reso felice!”

Come si può non essere d’accordo con te, Tom? Goditi la tua gioia, te la sei meritata!

3 Comments

  1. Francesco Guglielmi

    2013/11/07 at 8:38 AM

    grande Tom!! C´hai fatto godere pure noi!!

  2. Mauro Pezzo

    2013/11/07 at 8:39 AM

    meritato in piu guida kawa eh eh eh eh alla faccia di chi diceva male

  3. Patrizia Chierici

    2013/11/07 at 10:03 AM

    fantastico siamo con te sempre anche quando pieghi !!!!! kisss

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in interviste