Connect
To Top

Risultati SBK Portimao 2014: vittoria di Sykes in Gara 1. Rea conquista Gara 2

SBK Portimao, Portogallo, 2014: risultati, momenti salienti e ordine d’arrivo di Gara 1 e Gara 2

[divider]

Una domenica a due facce, quella vissuta oggi sul circuito di Portimao dai piloti della SuperBike: una Gara 1 dominata dal talento verde di Tom Sykes; una difficilissima Gara 2, sul bagnato che, alle spalle del vincitore Jonathan Rea, vede – per i colori italiani – un doppio trionfo con Ducati e una doppia debacle con Aprilia. La sfortuna di Marco Melandri non conosce tregua.

GARA 1 – eventi salienti e ordine d’arrivo

C’è poco da dire su un match interamente dominato da un Tom Sykes, in stato di grazia, che – subito in testa –  centra la settima vittoria stagionale. Un missile Verde sparato dritto contro la bandiera a scacchi, seguito da Sylvain Guintoli e da Loris Baz che completano in podio, mentre Marco Melandri e Davide Giugliano non riescono ad andare rispettivamente oltre la 4° e la 7° posizione.

01- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – 20 giri in 34’45.568
02- Sylvain Guintoli – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 2.539
03- Loris Baz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 3.175
04- Marco Melandri – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 4.042
05- Jonathan Rea – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR SP – + 7.791
06- Alex Lowes – Voltcom Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 14.772
07- Davide Giugliano – Ducati Superbike Team – Ducati 1199 Panigale R – + 14.877
08- Eugene Laverty – Voltcom Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 14.941
09- David Salom – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 26.018 (EVO)
10- Sylvain Barrier – BMW Motorrad Italia Superbike Team – BMW S1000RR – + 26.032 (EVO)
11- Leon Haslam – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR SP – + 33.041
12- Ayrton Badovini – Team Bimota Alstare – Bimota BB3 – + 34.442 (EVO) *
13- Christian Iddon – Team Bimota Alstare – Bimota BB3 – + 38.246 (EVO) *
14- Jeremy Guarnoni – MRS Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 38.385 (EVO)
15- Niccolò Canepa – Althea Racing – Ducati 1199 Panigale R – + 42.237 (EVO)
16- Riccardo Russo – Team Pedercini Racing – Kawasaki ZX-10R – + 47.908 (EVO)
17- Alessandro Andreozzi – Team Pedercini Racing – Kawasaki ZX-10R – + 1’03.502 (EVO)
18- Aaron Yates – Team Hero EBR – EBR 1190RX – a 1 giro
19- Gabor Rizmayer – BMW Team Toth – BMW S1000RR – a 1 giro
20- Chaz Davies – Ducati Superbike Team – Ducati 1199 Panigale R – a 5 giri

[divider]

[divider]

GARA 2 – eventi salienti e ordine d’arrivo

Lo scenario in pista muta profondamente al via del secondo round. Pioggia, asfalto bagnato e inevitabile partenza con gomme rain. A mettersi in evidenza è subito il talento nordirlandese Johnny Rea, che conquista la testa della gara con la sua Honda Fireblade. Alle sue spalle, incalzano velocemente le Aprilia che, deglutito Sykes in un sol boccone, gli si piazzano col muso negli scarichi. Uno strepitoso Melandri, seguito da un altrettanto determinato Guintoli, mostrano i muscoli e spingono al massimo le loro RSV4 sull’acqua. Forse troppo. In piena piega, nel tentativo di sopravanzare il compagno con un sorpasso all’interno, Guintoli perde aderenza e sboccia Melandri come un birillo, mandando alle ortiche tutto il lavoro fatto fino a quel momento. L’italiano è costretto al ritiro, mentre Sylvain, tornato in pista, chiuderà settimo. Una manovra azzardata, da parte del francese, che forse poteva fare più attenzione in una situazione di asfalto così difficile. Tanta dunque l’amarezza di Marco, perseguitato a oltranza dalla sfortuna. Ma si sa, le gare sono fatte così. Di certo, una probabile vittoria (con una quasi certa doppietta Aprilia), che sarebbe stato facile ottenere con un pizzico di attenzione in più.

A trarre beneficio da questa clamorosa debacle, oltre al vincitore Rea, le due Ducati di Giugliano e Davies, che si ritrovano proiettate dritte sul podio. Gara spenta, invece, per Tom Sykes, appena 8° sotto la bandiera a scacchi.

01- Jonathan Rea – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR SP – 18 giri in 34’55.154
02- Davide Giugliano – Ducati Superbike Team – Ducati 1199 Panigale R – + 6.817
03- Chaz Davies – Ducati Superbike Team – Ducati 1199 Panigale R – + 8.676
04- Alex Lowes – Voltcom Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 9.740
05- Leon Haslam – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR SP – + 11.289
06- Loris Baz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 11.808
07- Sylvain Guintoli – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 14.169
08- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 17.164
09- Ayrton Badovini – Team Bimota Alstare – Bimota BB3 – + 26.263 (EVO) *
10- Eugene Laverty – Voltcom Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 26.406
11- Toni Elias – Red Devils Roma – Aprilia RSV4 Factory – + 30.168
12- Christian Iddon – Team Bimota Alstare – Bimota BB3 – + 33.831 (EVO) *
13- Sylvain Barrier – BMW Motorrad Italia Superbike Team – BMW S1000RR – + 41.820 (EVO)
14- Sheridan Morais – IRON BRAIN Grillini Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 47.434 (EVO)
15- Jeremy Guarnoni – MRS Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 50.045 (EVO)
16- Bryan Staring – IRON BRAIN Grillini Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 1’17.436 (EVO)
17- Riccardo Russo – Team Pedercini Racing – Kawasaki ZX-10R – + 1’24.500 (EVO)
18- Alessandro Andreozzi – Team Pedercini Racing – Kawasaki ZX-10R – + 1’30.563 (EVO)
19- David Salom – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 1’34.242 (EVO)
20- Niccolò Canepa – Althea Racing – Ducati 1199 Panigale R – + 1’34.647 (EVO)
21- Gabor Rizmayer – BMW Team Toth – BMW S1000RR – + 1’47.422

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in SuperBike