Connect
To Top

Delirio di un duetempista

Quando al Gran Premio d’Aragona, quint’ultimo appuntamento della stagione 2013, ho visto volare via Daniel Pedrosa a causa di un high-side provocato dalla rottura del sensore del traction control, avvenuta a seguito del contatto con Marc Marquez, mi sono detto, in tutta sincerità – ecco la MotoGP che piace a me, la MotoGP “ignorante”. Anche se mi è dispiaciuto per il povero Pedrosa. Anche se trovo giustissima l’attenzione sulla sicurezza.

Ma è questo quello che ho spontaneamente pensato. E subito mi sono tornate alla mente le vecchie 500 a due tempi, quelle sì che erano moto “ignoranti”… e anche molto: se si usava loro troppa delicatezza, in uscita dalle curve si restava al palo; se invece si osava troppo, in un batter di ciglio ci si trovava stesi per terra, a pochi metri dalla moto che andava in pezzi.

Le gare si vincevano anche grazie ai maghi del due tempi che, chinati sui  motori, tiravano fuori i cavalli a colpi di lima, e non da sofisticati software, comodamente seduti davanti ad un computer. Certo, i motori a due tempi si usuravano prima, erano meno affidabili ed inquinavano di più, ma erano più emozionanti.

Adesso mi direte che la mia passione per le 500 a due tempi è proprio una fissa, che devo smetterla di pensare al passato e pensare di più al futuro. Siamo ormai nel 2014, e sono i motori a quattro tempi e l’elettronica a farla da padroni. E avete ragione, ma sono fatto così e non ci posso far niente. Certamente l’essere cresciuto in sella ai due tempi mi ha profondamente influenzato.

Così, almeno per una volta, mi piacerebbe vedere i vari Lorenzo, Marquez e gli attuali “alfieri” della MotoGP battagliare in sella ad una vecchia e scorbutica 500. Ma soprattutto mi piacerebbe vedere quanti di loro sarebbero in grado di terminare la gara, e con che distacchi. Vi dirò di più, richiamerei in pista anche due “vecchi” leoni come Loris e Max.

Io, un’idea di come finirebbe ce l’avrei… e voi?


6 Comments

  1. Fil Ronzulli via facebook

    2013/12/03 at 10:36 AM

    io credo che i vari fenomeni spagnoli li vedremmo stesi tutti prima di metà gara…ha ragione stoner a dire “togliete l’elettronica e torno”

  2. Mauro Bellucci

    2013/12/03 at 9:58 AM

    Io direi che gli attuali piloti di moto gp,non riuscirebbero a percorrere nemmeno la prima curva,perchè su una 500 il controllo di trazione,lo fà il cervello collegato al polso…..

  3. Luca Giamma

    2013/12/03 at 10:24 AM

    che delirio……è pura e santa verità…I LOVE TWO STROKE… o sto delirando anchiooooo 😀

    magariiiii tornare negli anni 90 cazzzzzzzzzzo!!!!

  4. Fil Ronzulli

    2013/12/03 at 3:44 PM

    Non credo sia una questione di 2 o 4 tempi…il vero problema è la troppa elettronica

  5. ado

    2013/12/03 at 5:46 PM

    Pensare che nella foto sopra ci sono ben 9 titoli mondiali della 500 in bagarre…

  6. Giovanni Passarella

    2013/12/03 at 3:48 PM

    Io sarei curioso di vederli guidare con le stesse moto togliendo il controllo di trazione ..ci sarebbe da ridere 🙂 Figurati con le 500..

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in racconti