Connect
To Top

Test Quadro 350S: si piega, ma non si spezza!

Abbiamo messo alla prova l’innovativo veicolo a 3 ruote Quadro 350S della Quadro Vehicles, in occasione di un recente Test tra Svizzera e Italia. Ecco com’è andata!

[divider]

Non è uno scooter. Non è una moto. Il 350S è l’innovativo veicolo a 3 ruote proposto dalla Quadro Vehicles, un mezzo ricco di tecnologia con la particolarità di poter essere guidato con la sola patente B. Il classico “aggeggio” che chiunque, in fondo in fondo, avrebbe una gran voglia di provare… vuoi per curiosità, vuoi per rispondere a semplici quesiti quali: funziona davvero? È pratico da guidare? Ci si diverte? Quanto va?

Oltralpe, soprattutto in Francia, questo segmento è già un successo. Scopriamo insieme, allora, cos’ha da offrire il nuovo 3 ruote Quadro 350S.

[divider]

DESIGN E FILOSOFIA DEL MEZZO

QuadroS-TEST-9

Stile e funzionalità… non a caso!  

Il tocco “Marabese Design” (di cui Quadro Vehicles è una diretta emanazione) è del tutto evidente nell’accurato studio delle linee. Il Quadro 350S è un veicolo elegante, caratterizzato da un equilibrio stilistico non facile da raggiungere, vista la particolarità del mezzo. Un Design, quindi, bello da vedere ma anche funzionale: i volumi sono compatti, al punto che – diversamente da come saremmo portati a pensare – gli ingombri laterali sono pari (e in alcuni casi anche inferiori) a quelli di un Maxi scooter di uguale cilindrata.

Operazione Comfort

La seduta è davvero comoda, con una bella sella morbida e accogliente (per pilota e passeggero), e un’ergonomia corretta che invita a fare tanta strada senza patimenti. Solo lo spazio per i piedi del pilota, ai lati del voluminoso tunnel centrale, potrebbe risultare un po’ risicato, soprattutto sul lato destro, dov’è presente il comando del freno a pedale. Ad ogni modo, se non si vanno a cercare quelle posizioni di guida tipiche di certi scooteristi contorsionisti,  nessun problema. Numerosi, poi, i vani per lo stivaggio. A partire da quello sottosella, in grado di ospitare 2 caschi (due “open”, oppure uno integrale e uno aperto), passando per i numerosi vani presenti nello scudo anteriore, dove riporre guanti, piccoli oggetti, smartphone (è presente anche la presa di corrente per ricaricare la batteria) o il classico biglietto autostradale.

Non si finisce mai coi piedi in terra

Nulla, sul Quadro 350S, è lasciato al caso… e una volta acquisiti determinati automatismi (si fa molto in fretta), sfruttandone le possibilità tecniche si può trascorrere un’intera giornata in sella senza mai poggiare i piedi in terra, neanche durante le soste (avete presente quelle giornate di pioggia e pozzanghere, mentre state andando in ufficio, in scooter, con quelle scarpe costosissime appena acquistate?). Vi basterà sfruttare la pratica leva sul retro dello scudo anteriore, che aziona il freno di stazionamento posteriore (e il sistema HTS), per rimanere sempre perfettamente in verticale, fermi, ancorati all’asfalto in perfetto equilibrio, anche su pendenze assassine o con le ruote anteriori “piegate”. Una cosa che – una volta provata – è difficile poi farne a meno!

HTS – un brevetto esclusivo

HTS, ovvero, Hydraulic Tilting System, è l’esclusivo brevetto che consente al Quadro gran parte delle magie di cui è capace. Oltre a governare le due ruote anteriori, consentedogli di piegarsi sotto i comandi del pilota, garantendo così elevata agilità e maneggevolezza, si occupa di ammortizzare l’avantreno offrendo un livello di sicurezza eccellente in ogni condizione. Potete provare a piegare il 350S all’inverosimile, anche da fermo, e il sistema reagirà sempre in maniera ottimale, comprimendosi e indurendosi all’occorrenza, senza praticamente possibilità di “ribaltamento” del mezzo.

Motore e ciclistica

A spingere il nuovo 3 ruote della Quadro Vehicles, un 4 valvole da 348 cm3, in grado di erogare 27 Cavalli a 7.000 giri/min. La velocità massima si attesta intorno ai 130 Km/h, ma sono le buone doti di accelerazione e robustezza di erogazione a convincere di più, come sperimentato direttamente sulle ripide e tortuose strade tra Svizzera e Italia. Per quanto riguarda i freni, il 350S è equipaggiato con una coppia di dischi anteriori da 240mm e un disco posteriore da 246mm. L’impianto frenante, un sistema a frenata combinata, può essere azionato dalle due leve al manubrio (con un’azione differente tra la destra e la sinistra, con quest’ultima che aziona dischi anteriori e posteriori in base alla pressione esercitata), oppure dal fremo a pedale (anch’esso con frenata combinata anteriore/posteriore). Tutte le altre caratteristiche tecniche del veicolo le potete approfondire nella dettagliata scheda tecnica in coda al Test.

[divider]

SALTIAMO IN SELLA

QuadroS-TEST-26

Qualità percepita

La prima cosa che si avverte in sella al Quadro 350S è una piacevole sensazione di qualità percepita. Le plastiche, i raccordi della carena, i blocchetti dei comandi al manubrio, tutto è solido e realizzato con cura. I piedi poggiano bene a terra (anche se capita di rado, sul Quadro) grazie all’altezza sella di 780mm, e la capacità di controllo del mezzo appare subito ottimale. Un colpo al comando dello start e il motore si accende subito, silenzioso e regolare nel suo borbottio.

Protettivo sul veloce e sorpassi “no problem”

Un primo tratto autostradale consente di verificare quella che forse è una tra le caratteristiche principali per un mezzo che deve garantire praticità nell’ambiente urbano ma anche elevata protettività sul veloce. Lo scudo anteriore svolge alla perfezione il suo compito, ben coadiuvato dal plexiglas che devia l’aria sul casco senza mai innescare fastidiosi vortici. E persino con un casco come quello utilizzato durante il test – non esattamente l’ideale sui lunghi tratti autostradali, per la mancanza di una visiera lunga – il comfort di marcia è stato pressoché perfetto. Al momento di effettuare un sorpasso, poi, nessun problema… si ruota con decisione la manopola del gas e il Quadro 350S risponde con prontezza, raggiungendo in un attimo la velocità di punta di 130 Km/h effettivi (circa 136 indicati dallo strumento).

Si piega ma non si spezza

È al momento di affrontare il tratto guidato dell’itinerario, però, che le doti di questo 3 ruote emergono in tutta la loro evidenza. Il tracciato è tortuoso, a tratti strettissimo, con pendenze notevoli sia in salita che in discesa e zone di umido in alcuni passaggi nel fitto dei boschi. Il feeling, dopo qualche chilometro di apprendistato, è subito buono e invita ad osare, supportati da una sensazione di sicurezza davvero appagante (anche sul viscido). Sui tornantini più stretti, le tento poi tutte per far perdere “l’equilibrio” all’anteriore, forzando un ipotetico ribaltamento a ruote inclinatissime, ma il sistema HTS non ne vuole sapere e non c’è verso di metterlo in crisi: angoli di piega da moto vera, ma con tanta sicurezza e divertimento assicurato. Sul piano dinamico, a colpire di questo Quadro 350S  non è tanto la velocità nei repentini cambi di direzione, quanto l’invito ad osare e a buttare giù il veicolo in piega, con il piacere di guida che sale a mano a mano che si prende confidenza. Sui curvoni ad ampio raggio, poi, si ha quasi la sensazione di planare inclinati come su una potente moto d’acqua.

Sensazione di Leggerezza e frenata potente

Le buone doti dinamiche del Quadro 350S derivano, oltre che dalla bontà ciclistica del progetto e dal baricentro basso (il più baso della categoria), anche dall’elevata leggerezza del mezzo che pesa solo 200 Kg a secco (per intenderci, quasi 20 Kg in meno di un TMAX). Altra caratteristica saliente, l’ottima frenata, potente (anche troppo, quando si strizza forte la leva sinistra) ma sempre ottimamente modulabile. Quando si guida in relax, comodo anche il freno a pedale posto sulla parte destra della pedana, un po’ spugnoso nella’zione, ma “riposante” quando si va a passeggio sul dritto.

Qualche vibrazione agli alti regimi

Forse si tratta dell’unico vero neo di questo mezzo. Intendiamoci, nulla di preoccupante, ma qualche vibrazione intorno ai 130 Km/h indicati effettivamente la si avverte, soprattutto sulla pedana, oltre a un lieve “scotimento” quando si aziona il gas, con decisione, a veicolo fermo. Nel complesso, però, nulla che vada a incidere troppo sul comfort di marcia: provare per credere!

[divider]

CONCLUSIONI

QuadroS-TEST-24

Il 3 ruote Quadro 350S è un mezzo dal Target trasversale che piacerà molto a chi ama esplorare nuove dimensioni in fatto di mobilità: automobilisti stufi del traffico (ricordiamo che questo veicolo può essere guidato anche con la sola patente B), scooteristi e motociclisti a caccia di sensazioni nuove, tutti coloro (donne incluse) che cercano un mezzo pratico, funzionale, “facile” – ma anche e soprattutto divertente – per affrontare i percorsi di tutti i giorni, in città e fuori. I consumi sono contenuti e le prestazioni non deludono, esattamente come la qualità del prodotto che – gliene va dato atto – sa coniugare gusto e design tipicamente italiani, con la proverbiale precisione svizzera. Quadro 350S è in vendita presso la rete di concessionarie della Casa elvetica al prezzo di 6.990 euro, nelle 4 colorazioni: White Snow, Blue Ocean, Row Black e Steel Grey.

[review] [toggle title=”SCHEDA TECNICA” state=”close” ]

Motore

Tipo Monocilindrico, 4 tempi, 4 valvole
Cilindrata 346 cc
Raffreddamento A liquido
Distribuzione SOHC, monoalbero, camme in testa – catena silenziata
Potenza massima 27 CV a 7.000 giri/minuto (19,8 Kw)
Coppia massima 28,8 Nm a 5.500 giri/minuto
Alimentazione Iniezione elettronica
Lubrificazione Con pompa pressurizzata a carter umido
Accensione Elettronica
Frizione Automatica centrifuga a secco
Trasmissione primaria CVT – cinghia trapezoidale e variatore di velocità automatico
Emissioni Euro 2 L5e – motore conforme alle specifiche Euro 3

Ciclistica

Telaio Tubi in acciaio
Sospensione anteriore Sistema HTS (sospensione pendolante oleo-pneumatica)
Sospensione posteriore Doppio ammortizzatore telescopico
– escursione ruota 100 mm
Freni anteriori Due dischi con Ø 240 mm – pinza idraulica
Freno posteriore Disco con Ø 256 mm – pinza idraulica
Pneumatici anteriori 110/80 – 14
Pneumatico posteriore 140/70 – 15
Cerchio anteriore 2,75 x 14
Cerchio posteriore 3,75 x 15

Dimensioni

Lunghezza 2.270 mm
Larghezza 800 mm
Altezza sella 780 mm
Angolo di sterzo 40°
Peso a secco 200 kg
Capacità serbatoio 13 litri

[/toggle] [box type=”shadow” ]

ABBIGLIAMENTO TECNICO DELLA PROVA

  • GIUBBOTTO: DAINESE G-Tourage Pelle (Capo in morbidissima pelle, di utilizzo polivalente, perfetto per lo stile Crusier, grazie al piacevole look vintage e all’elevata vestibilità che lo rendono bello e confortevole anche giù dalla sella);
  • CASCO: MOMODesign Cruiser (pratico, elegante e leggero, Cruiser è quel che serve per distinguersi in città e nelle “passeggiate” disimpegnate. Linee senza tempo e grande qualità costruttiva);
  • GUANTI: DAINESE Carbon Cover S-ST (guanto corto in pelle bovina, con inserti brevettati Microelastic, ed ergonomia studiata per la guida anche sportiva. Molto confortevole e protettivo, garantisce un’ottima sensibilità durante l’azione di guida.
[/box]

9 Comments

  1. Luca Scrascia

    2013/09/15 at 1:12 PM

    Sarei curioso di sapere come se la cava con i crash test.

  2. Dorin Gega

    2013/09/15 at 1:49 PM

    abigliamento del test CASCO: X-LITE X-702, sicuri?

  3. Pianeta Riders

    2013/09/15 at 2:04 PM

    Ahahah… grazie Dorin. Abbiamo confuso con la scheda del prossimo test in uscita in cui abbiamo utilizzato l´ X-lite. Appena possibile correggiamo, chiaramente si tratta di un Momo

  4. mary

    2013/09/15 at 4:38 PM

    Molto interessante e convincente soprattutto l’argomentazione sulle scarpe 😀 … solo il prezzo mi sembra un po’ troppo elevato.

  5. Giuseppe Dalia

    2013/09/17 at 7:13 AM

    Lo scooter sembra bello e ben fatto, però non conosco molto bene questo marchio. C’è da fidarsi?

  6. Alvaro Sguanci

    2013/09/19 at 6:23 PM

    questo fa la fine del chooper honda presentato in pompa magna e poi li trovi fermi in concessionaria a prezzi stracciati

  7. Nebojsa Jeremic

    2013/09/19 at 6:28 PM

    Bello e migliore di piaggio!

  8. Pingback: Quadro4 ad EICMA 2013

  9. Pingback: QUADRO S in prova a Genova e provincia | Pianeta Riders

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in prove