Connect
To Top

Test Honda NC750X DCT 2014: esame di maturità

Cilindrata maggiore, diversi miglioramenti, look invariato: il CrossOver Honda NC750X si presenta agli esami di maturità. Scopriamo come se la cava e cosa cambia rispetto al modello precedente: prova, giudizio e scheda tecnica

[divider]

NC_750X_sea

Se lo guardi, sembra sempre lo stesso. Sarà così? Forte degli ottimi dati di vendita in tutta Europa, il crossover Honda giunge alla sua seconda generazione: più prestazioni, meno consumi, oltre a diverse migliorie. Abbiamo deciso di mettere alla prova la versione DCT, quella con cambio manuale/automatico, irrinunciabile per chiunque – appassionato di questo genere di moto – abbia avuto modo di saggiarne i benefici. I più tradizionalisti, invece, potranno rivolgersi alla versione con cambio tradizionale: 7.990 euro il prezzo della prima, 6.990 (1.000 euro in meno) quello della seconda. Ma adesso, infiliamo il casco e scopriamo insieme come va… promossa o bocciata? Leggi i voti a fine test.

[divider]

Design e filosofia del mezzo

NC_750X_design

Cosa cambia rispetto al passato

Da un punto di vista estetico, assolutamente nulla. Esattamente come non ci sono cambiamenti di rilievo per quanto riguarda la posizione di guida e l’impostazione generale della moto, ergonomia in sella e quant’altro. A cambiare, invece, è il propulsore, il due cilindri in linea Honda, che cresce fino a raggiungere quota 745 cm3 (75 in più rispetto ai 670 di prima), esattamente come la potenza, ora pari a 55 cavalli a 6.250 giri/min. Tutto questo si traduce in prestazioni maggiori (aumenta la punta velocistica e, in generale, la verve in allungo) e in una maggiore riserva di potenza quando si guida a pieno carico.

Per quanto riguarda, in particolare, il modello DCT oggetto della prova, il cambio a doppia frizione Dual Clutch Transmission ha ricevuto un aggiornamento del software di gestione, che ne migliora la risposta in generale, ora più pronta e “immediata”, soprattutto quando si scala marcia. Il tutto a vantaggio del feeling di guida. Inoltre, i rapporti della NC750X con cambio DCT sono stati allungati (nelle prime 5 marce del 6%  e del 3% nella sesta) per amplificare i benefici della nuova configurazione del motore. Rimangono 3 le modalità di cambiatamanuale, attraverso lo switch sul lato sinistro del manubrio; automatica, con opzione Drive (D) o Sport (S). La prima, più “tranquilla”, è adatta alla guida in città, oppure sul bagnato o quando si va a passeggio; la seconda, più “allegra”, è da sfoderare sui percorsi guidati e – in generale – in ogni occasione in cui ci si vuole divertire. I consumi ne risentiranno un po’ ma, vista  la poca sete di carburante del propulsore Honda, è un lusso che ci si potrà permettere. Tra l’altro, l’ultimo aggiornamento ha portato benefici anche in questo ambito: come abbiamo potuto verificare, i 28,9 chilometri con un litro di benzina (prima erano 27,9) sono un dato assolutamente veritiero.

Ciclistica collaudata e ABS di serie

Pressoché invariata la dotazione ciclistica a bordo della NC750X, che potete approfondire direttamente nella dettagliata scheda tecnica in coda al test. Ricordiamo, che la moto monta di serie l’evoluto impianto frenante dotato di ABS Honda a due canali. Nuovi anche gli pneumatici di primo equipaggiamento, con una maggiore propensione all’utilizzo su fondi difficili

[divider]

La prova su strada

NC_750X_dinamic2

Tutta mia la città

Honda NC750X sfoggia un’invidiabile disinvoltura nel day by day metropolitano. Rotaie del tram, traffico congestionato, follia da ora di punta… nulla lo spaventa, grazie alla facilità con cui se la cava dappertutto. L’agilità a bassa velocità è molto buona e, unita ai pesi ben distribuiti e alla possibilità di piantare i piedi a terra senza troppi problemi (anche se non siete dei watussi), rende davvero poco impegnative anche le manovre in spazi angusti. Un perfetto anti-stress contro il logorio della vita moderna, per chi non vuole cedere alla tentazione di inforcare uno scooter.

Su strade aperte

Con la città alle spalle, arriva finalmente il momento di mettere alla prova gli upgrade presenti sulla NC750X 2014, versione DCT. Rispetto al precedente modello di cilindrata inferiore, l’iniezione di potenza è immediatamente percepibile: basta girare con decisione il comando del gas, per avvertire subito una risposta più pronta e corposa, che rende decisamente più piacevole la progressione tra una piega e l’altra. Piacevolezza che si percepisce su entrambe le opzioni “automatiche” del DCT, Drive e Sport, sebbene sia proprio quest’ultima a beneficiarne di più. A rendere più gustosa la danza tra le curve, anche l’ottimizzazione del sistema di cambiata automatica, ora privo di incertezze e più reattivo. La ciclistica sana e “sincera” di questo CrossOver consente poi di guidare anche un pelo sopra le righe, mantenendo sempre un deciso margine di sicurezza. L’agilità nei cambi di direzione è buona e la percorrenza in curva è neutra e rigorosa, rimanendo valida anche sul veloce. All’occorrenza, il sistema frenante garantisce ottimi spazi di arresto (nonostante il disco singolo all’anteriore), ben supportato dall’ineccepibile ABS a doppio a canale firmato Honda. Un riferimento in quanto a efficacia e bassa intrusività.

Si, viaggiare…

Nc_750x_dinamic1

Formidabile arma da viaggio, questo CrossOver ha nella capacità di cavarsela con facilità in ogni situazione, nei bassi consumi, nella possibilità di carico e nelle elevate doti di comfort le sue armi migliori. Se siete degli escursionisti su due ruote, soprattutto se amanti delle foto, non potrete più fare a meno del capiente vano collocato al posto del serbatoio (una soluzione geniale. Incredibile non trovarla su ogni maxi-enduro/crossover da viaggio in commercio). L’ideale per riporre la reflex velocemente tra una sosta fotografica e l’altra e/o per stivare accessori di ogni genere da tenere sempre a portata di mano. Soprattutto in questa versione DCT, Honda NC750X trova in questo genere di utilizzo la sua massima espressione.

Il passeggero dice che…

Nessun problema ad affrontare lunghe percorrenze. La seduta è comoda, l’appiglio solido (grazie alle ampie maniglie), mentre la posizione delle gambe naturale scongiura indolenzimenti alle ginocchia col passare dei chilometri. Voto: 8 1/2.

Terreni difficili

NC_750X_off

I nuovi pneumatici di serie offrono maggiore confidenza in off-road, senza andare a sacrificare troppo le performance stradali della moto, che rimangono più che buone anche quando si guida forte. In genere, grazie alla facilità e alle reazioni sempre prevedibili, condurre la NC750X su percorsi sterrati non è mai un problema, sebbene non si tratti di un mezzo specialistico e quindi non sia particolarmente idoneo ad affrontare passaggi troppo impegnativi.

Il punto debole…

La mancanza, in catalogo, di una versione di questa moto maggiormente predisposta ad affrontare percorsi accidentati e fondi difficili. Una versione, in altre parole, che possa esaltare il lato avventuroso cui questo modello si presterebbe alla perfezione con l’aggiunta di alcuni accorgimenti (quali, ad esempio, sospensioni con una maggiore escursione, una maggiore altezza da terra e – perché no – uno pneumatico anteriore da 19”). Tralasciando questo aspetto, sulla versione DCT – come già rilevato in passato – ci piacerebbe qualche accorgimento in più (rispetto alla sola spia sul cruscotto) per scongiurare involontarie partenze col freno di stazionamento inserito.

[divider]

Conclusioni

MC_750X_conclusioni

Se cercate un mezzo dalla dotazione completa, ma economico e parco nei consumi… se siete appassionati di mototurismo, con un occhio di riguardo alla praticità… se volete scorrazzare agevolmente in città, senza cedere alla tentazione dello scooter… e se piuttosto che arrivare primi in cima al passo, preferite arrivarci rilassati e sorridenti, anche in coppia, avete trovato il mezzo che fa per voi. Colori disponibili: Sword Silver Metallic, Graphite Black, Mat Pearl Cool White e Candy Arcadian Red. Tanti, infine, gli accessori nel catalogo ufficiale Honda per andare incontro ad ogni esigenza… e buona strada! 

[button color=”black” size=”big” link=”http://www.pianetaridersmultimedia.it/gallery/gallery-test-honda-nc750x-2014/” target=”blank” ]Super Gallery foto[/button] [review] [toggle title=”Scheda Tecnica NC750X DCT” state=”close” ]

PROPULSORE

Tipo Bicilindrico parallelo, 8 valvole SOHC, raffreddato a liquido
Cilindrata 745 cc
Alesaggio x corsa 77 x 80 mm
Rapporto di compressione 10.7 : 1
Potenza massima 40,3 kW (55 CV) / 6.250 giri/min (95/1/EC)
Coppia massima 68 Nm a 4.750 giri/min (95/1/EC)
Capacità totale olio 4,1 l

ALIMENTAZIONE

Alimentazione Iniezione elettronica PGM-FI
Capacità serbatoio carburante 14,1 litri
Consumi 28,9 km/l (ciclo medio WMTC, testato in D-Mode)

IMPIANTO ELETTRICO

Accensione Elettrico
Capacità batteria 12 V / 11,2 Ah
Potenza alternatore 450W a 5000 giri/min

STRUMENTAZIONE E LUCI

Strumentazione LCD, tachimetro numerico, contagiri a barre, orologio, indicatore livello carburante, contachilometri con due parziali, indicatore marcia inserita, trip computer, spie di servizio
Sistema di sicurezza HISS
Faro anteriore 12V; 60 W x 1 (Abbagliante) / 55 W x 1 (Anabbagliante)
Faro posteriore 5 W x 1

TRASMISSIONE

Frizione Doppia frizione idraulica multidisco in bagno d’olio
Tipo di cambio A 6 rapporti
Trasmissione finale Catena

TELAIO

Configurazione A diamante in tubi di acciaio

CICLISTICA

(LxLxA)Dimensioni 2.210 x 780 x 1.285
Interasse 1.540 mm
Inclinazione cannotto di sterzo 27°
Avancorsa 110 mm
Altezza della sella 830 mm
Altezza da terra 165 mm (minimo)
Peso in ordine di marcia 229 kg (con pieno di benzina)

SOSPENSIONI

Anteriore Forcella telescopica da 41 mm, escursione 153.5 mm
Posteriore Monoammortizzatore con Pro-Link, escursione 120 mm

RUOTE

Anteriore In alluminio pressofuso a 10 razze
Posteriore in alluminio pressofuso a 10 razze

CERCHI

Anteriore 17M/C x MT3.5
Posteriore 17M/C x MT4.5

PNEUMATICI

Anteriore 120/70ZR17 M/C (58W)
Posteriore 160/60ZR17 M/C (69W)

FRENI

Tipo ABS a 2 canali
Anteriore Disco wave singolo da 320 mm, con pinza a 2 pistoncini, pastiglie in metallo sinterizzato
Posteriore Singolo disco wave idraulico da 240 mm pinza a pistoncino singolo, pastiglie in resina stampata
[/toggle]

14 Comments

  1. Pingback: Latest Moto Nuovi Modelli 2014 News | motoalert.it

  2. Alessio DC

    2014/03/18 at 9:03 AM

    Buongiorno. Questa moto mi interessa molto, ma è vero che vibra?

  3. Mr D

    2014/03/18 at 10:11 AM

    Ciao Alessio,
    sinceramente no. Nessuna vibrazione fastidiosa. Anzi, il comfort è decisamente di buon livello… vai tranquillo 😉

  4. riccardo

    2014/03/18 at 5:53 PM

    Buongiorno,
    possiedo un ottima xt660x del 2009 da un anno..
    dispiace ma la sto’ per sostituire con nc750x manuale..
    vado tranquillo..?
    Grazie e saluti.

  5. Mr D

    2014/03/18 at 7:03 PM

    Ciao Riccardo,
    si tratta di due mezzi validi ma differenti e non proprio assimilabili. Se quello che cerchi è una moto polivalente, pronta a macinare chilometri ovunque (in città, in viaggio e nelle gite del w.e.), la Honda non ti deluderà. Facci sapere 😉

  6. franco

    2014/06/05 at 9:46 PM

    è un’ ottima moto, se devo trovargli un difetto ha la sella un po’ dura e dopo un ‘ ora il fondoschiena ne risente. i consumi sono veramente ottimi, in autostrada a 120/130 ho fatto i 29,2 misurati da pieno a pieno. stentavo a crederci ma è proprio così.

  7. guido

    2014/06/19 at 7:00 PM

    Sono Guido ho testato la moto 750 x in Marocco con quasi 3000 km e devo dire che e’ eccezionale nella guida e confort anche della sella con chilometraggi di media giornalieri di 350 400 km la cosa insolita e’ che le gomme dopo 3500 km erano esaurite .

  8. Roberto

    2014/10/04 at 2:57 PM

    salve a tutti, in questi giorni dovrei acquistare questa, a mio giudizio, fantastica moto….il mio dilemma, qualora lo sia, è che ero convintissimo di prenderla rigorosamente con cambio manuale ma dal concessionario ho potuto provare solo quella con DCT, ora tenuto conto che quest’ultima l’ho trovata favolosa….qualcuno mi sa dire se con cambio manuale è altrettanto valida? Ringrazio in anticipo chi volesse darmi delle delucidazioni 🙂

  9. Struffolino vincenzo

    2015/12/22 at 4:01 PM

    Salve a tutti ho una 750 DCT, è un po un problema con il cambio sequenziale quando bisogna fare manovre a stretto raggio partendo da fermo in quando la moto è gestita solo con l’accelleratore, i piedi sono ancora a terra e non si può frenare o rallentere con il freno a pedale, perchè se uno da un po più di accelleratore è costretto a frenare per rallentare con il freno anteriore situato sulla manopola di dx.
    Quindi uno si trova a gestire due cose contemporaneamente freno e accelleratore e a volte rimane un po difficoltoso specialmente se a volte uno si trova che il fondo stradale è privo di asfalto e quindi con il brecciolino. Io personalmente ho effettuato un amodifica installando sulla monopola di sx con una pompa idraulica a leva il frenere posteriore per tenere sotto controllo quei spostamenti che prima mi rimanevano un po difficoltosi mi trovo cosi molto meglio mi sento più sicuro.

  10. domenico

    2016/01/03 at 11:53 PM

    salve sono domenico,ho da poco comprato una 750 ncx. il venditore mi ha detto che la moto è dotata di marce in modo manuale S e cambio automatico D. una volta in sella, ho notato che sia in automatico che in manuale, posso mettere comunque io le marce o me le mette la centralina. leggendo sopta questa inserzione, leggo che i modi di cambio sono 3, manuale e automatica in drive D e sport S. non ci sto capendo più nulla, mi potete aiutare a far capire come funziona per favore?

  11. Fabio

    2016/01/05 at 10:43 PM

    In realtà è tutto molto semplice:
    1) modalità manuale e devi mettere le marce te con le palettine situate sulla manopola sinistra, come un cambio ‘normale’ solo che lo usi con le suddette palettine.
    2) cambio automatico in modalità DRIVE, fa tutto lui cambia e scala (se rallenti o freni). In più la centralina ‘legge’ come vai e se sei calmo lascia le marce anche a basso regime di giri motore, se sei più allegro cambia un pò prima.
    3) cambio automatico in modalità SPORT, fa tutto da solo cambia e scala ma con più grinta e nervosismo. Anche qui la centralina legge come vai: se sei sportivissimo è più veloce se sei meno aggressivo resta un pò meno sportivo.
    Nelle modalità DRIVE e SPORT puoi sempre modificare le marce con le palette: anticipare una scalata di marcia o passare alla successiva. Spero di essere stato sufficientemente chiaro e comunque ti parlo del cambio della penultima versione della 750. ciao!

  12. elio rossaini

    2016/08/10 at 11:42 AM

    ho comprato nc 750 a maggio nuova mi trovo bene in uno ma in due sulla partenza da fermo mi capita che si spegne di colpo perche?

  13. Vicki

    2016/08/21 at 12:46 AM

    Gonzo will be the first to admit (and has admitted) that he has more enemies than your typical manne-cojfrreoce coach. One of those enemies — possibly someone with ties to Dom Cheek — is clearly trying to stick it to him by leaking this to the SI.com writer.

  14. 25 julio, 2007AnónimoAl ejecutar el programa me sale error: Stream read error.Aunque aparece el programa con la última actualización, por ejemplo no deja ejecutar el test de velocidad diciendo que da error el servidor.He probado a reparar con el instalador del programa, pero sigue dando el mismo error. ¿Que puedo hacer para arreglarlo  

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in prove