Connect
To Top

Test Aprilia RSV4 RF 2015: alla ricerca dello stato dell’arte

 

Più potente, più leggera, più performante e, soprattutto, ancora più facile da portare al limite. Queste, in estrema sintesi, le doti della nuova Aprilia RSV4 2015, proposta in versione RR, alla quale si affianca, in tiratura limitata a soli 500 pezzi, la più prestigiosa versione RF, dotata di cerchi forgiati e sospensioni Ohlins (in luogo delle Sachs della RR).
Entrambe “figlie” della moto campione del mondo 2014 con Guintoli, rappresentano oggi le moto di serie più vicine alle versioni ufficiali.
Scopriamo insieme come se la cava, in azione, la nuova ‘arma da pista’ della Casa di Noale.

Test Aprilia RSV4 RF 2015 | Design  

Rispetto alla precedente versione, sulla nuova Aprilia RSV4 RR arriva un nuovo frontale, ancora più aggressivo, ma anche più protettivo, in grado di offrire un maggiore riparo aerodinamico a piloti di ogni statura. Una novità che migliora la fruizione del mezzo, soprattutto in occasione dell’utilizzo su strada.
Sempre sulla parte anteriore, elemento estetico caratterizzante è il nuovo, particolare, triplo proiettore, con luce di posizione a LED; mentre dietro, è l’uncinato codino corto e smilzo, dalla linea inconfondibilmente sexy, inconfondibilmente RSV4, a provocare irrimediabili, incondizionati, innamoramenti folli.

Aprilia_RSV4_RR_2015_Prova_TEST-1

Test Aprilia RSV4 RF 2015 | Dotazione tecnica

Tutto nuovo il V4 Aprilia. La potenza aumenta di ben 16 cavalli, sfondando complessivamente il muro dei 200, mentre il peso scende di 2,5 Kg rispetto all’unità precedente. Un risultato raggiunto ottimizzando e rinnovando in maniera certosina ogni componente del 4 cilindri a V di 65°; giusto per fare un esempio, al fine di aumentare il regime massimo di rotazione, i diabolici tecnici Aprilia hanno condotto scrupolosi studi di alleggerimento dell’equipaggio mobile degli elementi inclusi nelle testate. Basti pensare che tutte e quattro le valvole sono ora in pregiato e leggero titanio (quelle di aspirazione hanno diametro maggiorato a 33 mm); in generale, tutto il lavoro sul propulsore è andato alla ricerca dello stato dell’arte in quanto a efficienza, leggerezza, sfruttabilità, resa e potenza pura. Tre le mappe motore disponibili: Sport, Track e Race.

Vedremo più avanti se il risultato è stato raggiunto. Prima, però, diamo uno sguardo alla dotazione ciclistica ed elettronica chiamata a “governare” tanta esuberanza prestazionale.

Aprilia_RSV4_RR_2015_Prova_TEST-9il lavoro sul propulsore è andato alla ricerca dello stato dell’arte in quanto a efficienza, leggerezza, resa e potenza pura.

Gli interventi più importanti sono stati rivolti alla redistribuzione dei pesi e ad una messa  a punto generale, in grado di tenere a bada la potenza bruta del motore. Confermato il pregiato telaio in alluminio, il forcellone è stato allungato di 4 mm per contenere al meglio i ruggiti di potenza del V4, garantire maggiore trazione e ridurre al massimo la tendenza all’impennata nelle manate di gas senza riguardo. Rivista anche l’avancorsa, ridotta per una maggiore maneggevolezza nei passaggi più spinti, mentre le sospensioni (pluriregolabili) sono state riviste nel set-up complessivo per una maggiore efficacia nella guida al limite.
Al resto pensa l’immancabile elettronica fornita dal sofisticato pacchetto APRC (Aprilia Performance Ride Control):

  • ATC: Aprilia Traction Control, il controllo di trazione regolabile in corsa, senza chiudere il gas, su 8 livelli grazie ad un pratico joystick sul semimanubrio sinistro, con raffinatissime logiche di intervento;
  • AWC: Aprilia Wheelie Control, il sistema di controllo di impennata, regolabile su tre livelli, è stato ricalibrato per la massima performance nel livello 1, il più libero;
  • ALC: Aprilia Launch Control, il sistema di asservimento alla partenza per esclusivo uso pista, regolabile su 3 livelli;
  • AQS: Aprilia Quick Shift, il cambio elettronico, per cambiate rapidissime senza chiudere il gas e senza usare la frizione.

Ma oltre all’APRC di seconda generazione, RSV4 RR e RF adottano di serie l’evoluto sistema di antibloccaggio delle ruote “Race ABS”, studiato e sviluppato da Aprilia in collaborazione con Bosch per garantire non solo estrema sicurezza su strada, ma anche la migliore performance in pista. Nel ricchissimo catalogo di accessori, consultabile direttamente sul sito www.aprilia.it, si trova anche il Kit V4-MP: il kit d’installazione della piattaforma multimediale dedicata ai modelli V4 Aprilia che è formata dalla centralina bluetooth e dai cablaggi necessari per il montaggio. Si tratta di un’ evolutissima versione del Multimedia Platform, che trasforma il proprio smartphone in uno strumento semiprofessionale dalle eccezionali capacità d’informazione. Un’esclusività del Gruppo Piaggio, capace di connettere il veicolo allo smartphone per ‘monitorare’, e successivamente analizzare, l’intera attività tra i cordoli.

Aprilia_RSV4_RR_2015_Prova_TEST-10

Test Aprilia RSV4 RF 2015 | Scendiamo in pista

Ebbene, abbiamo provato la nuova belva Aprilia, nella raffinata versione RF, sul celebre tracciato del “Marco Simoncelli” di Misano, una delle piste più famose del mondo… e non stavamo nella pelle! La moto ci è stata consegnata con mappatura Race, Traction Control settato su livello 5 (configurazione ottimale, sperimentata dai collaudatori Aprilia per il tracciato di Misano) e pneumatici Pirelli Diablo SC2 (gonfiati a 2,0 bar al posteriore e 2,4 all’anteriore).

Basta appena un istante, per capire l’intima natura di questo mezzo. Basta appena salire in sella. La RSV4 ha una sola, unica, guduriosa missione nella vita: sgranocchiare cordoli in pista! E più che su di una Superbike, sembra di essere seduti su una 250 GP, per quanto è compatta.
Imbocchiamo la corsia di uscita box con il gasante sound del V4, che borbotta desideroso di sfogarsi. Già dai primi metri, si entra in confidenza con la moto e la voglia di divorare i cordoli di Misano si fa sempre più incontenibile. Tutto merito di una impostazione generale appositamente studiata per sentirsi a proprio agio tra i cordoli, e che invita ad andare forte fin da subito.

Aprilia_RSV4_RR_2015_Prova_TEST-4

L’ingresso in curva è fulmineo, così come l’uscita. Grazie ai sofisticati sistemi “on board”, tra cui spicca anche un efficace quick shift, per cambiate super fast, la RSV4 fila via come un missile, senza mai scomporsi. Neanche nella guida più ruvida e aggressiva. Pensate che, al rampino, si può uscire anche in prima marcia e spalancare completamente il gas, senza che succeda nulla di irreparabile, o che possa mettere in difficoltà il pilota. È tanto veloce ed efficace, quanto incredibilmente sfruttabile, e questo è certamente il suo punto di forza. La mappatura scelta per Misano, e i rapporti piuttosto lunghi, non costringono ad un uso frequente del cambio tanto che al Curvone, sfruttando appieno le marce, non si va oltre alla quarta ma, se lo si desidera, la RSV4 accetta volentieri anche la quinta, senza perdere tono.
Va forte, accelera forte, piega forte e frena forte, la nuova RSV4. Più della precedente. E te ne accorgi soprattutto guardando il cronometro, mentre giro dopo giro il divertimento aumenta. Incredibile, poi, la capacità del propulsore di girare sempre in “presa diretta”, senza picchi di erogazione improvvisi, ma in un’unica, rullante, omogenea, forzuta, progressione fino alla zona rossa del contagiri.

Test Aprilia RSV4 RF 2015 | Conclusioni

Insomma la regina delle Superbike non solo è cresciuta nelle prestazioni, ma è diventata anche più efficace, matura e facile da portare a limite. Un invito alla pista, per tutti gli sport-Riders più accaniti, che non teme di competere con la migliore concorrenza sul mercato. Un consiglio, se sceglierete lei come arma spacca-cordoli, non fatevi mancare il Kit V4-MP. A guidare con lo smartphone davanti al casco, ci si deve abituare un po’, ma la possibilità di analizzare con tale estrema semplicità le proprie performance, garantisce curve di miglioramento davvero elevate… provare per credere!
I prezzi franco concessionaria: Aprilia RSV4 RR 18.300 €; RSV4 RF 21.590 €

Aprilia_RSV4_RR_2015_Prova_TEST-6

Scheda Tecnica

Tipo motore: Aprilia 4 cilindri a V longitudinale di 65°, 4 tempi, raffreddamento a liquido, distribuzione bialbero a camme (DOHC), quattro valvole per cilindro
Alesaggio e corsa 78 x 52.3 mm
Cilindrata totale 999.6 cc
Rapp. di compressione 13.6:1
Potenza max all’albero 201 CV (148 kW) a 13.000 giri/min
Coppia max all’albero 115 Nm a 10.500 giri/min
Alimentazione Airbox con prese d’aria dinamiche frontali.
Cornetti di aspirazione ad altezza variabile controllati da centralina controllo motore; 4 corpi farfallati Marelli da 48 mm con 8 iniettori e gestione Ride-by-wire di ultima generazione.
Multimappa selezionabile dal pilota in marcia: T (Track), S (Sport), R (Race)
Accensione Elettronica digitale Magneti Marelli integrata nel sistema di gestione motore, con una candela per cilindro, bobine tipo “stick-coil”

Avviamento Elettrico
Scarico Schema 4 in 2 in 1, due sonda lambda, mono silenziatore laterale con valvola parzializzatrice comandata dalla centralina gestione motore e catalizzatore trivalente integrato (Euro 3)
Generatore Volano con magneti alle terre rare da 450 W Lubrificazione A carter umido con radiatore olio/aria, doppia pompa olio (lubrificazione e raffreddamento)
Cambio Estraibile a 6 rapporti
1°: 39/15 (2.600)
2°: 33/16 (2,063)
3°: 34/20 (1.700)
4°: 31/21 (1.476)
5°: 31/23 (1.348)
6°: 34/27 (1.259)
Comando cambio con sistema elettronico Aprilia Quick Shift (AQS)
Frizione Multidisco in bagno d’olio con sistema antisaltellamento meccanico

Trasmissione primaria
A ingranaggi a denti dritti e parastrappi integrato, rapporto di trasmissione: 73/44 (1.659)
Trasmissione secondaria
A catena: Rapporto di trasmissione: 41/16 (2.562)
Gestione della trazione Sistema APRC (Aprilia Performance Ride Control) che comprende controllo di
trazione (ATC), controllo di impennata (AWC), controllo di partenza (ALC) tutti settabili e disinseribili indipendentemente

Telaio
Telaio in alluminio a doppia trave con elementi fusi e stampati in lamiera.
Regolazioni previste:
· posizione e angolo cannotto di sterzo
· altezza motore
· altezza perno forcellone
Ammortizzatore di sterzo Sachs non regolabile
[Ammortizzatore di sterzo Öhlins regolabile] Sospensione anteriore
Forcella Sachs steli Æ 43 mm; [Forcella Öhlins, con trattamento superficiale TIN].
Piedini forgiati in alluminio ribassati per fissaggio pinze radiali. Regolabile in precarico molle, estensione e compressione idraulica. Escursione ruota 120 mm
Sospensione posteriore
Forcellone a doppia capriata in alluminio; tecnologia mista di fusione a basso spessore
e lamiera. Monoammortizzatore Sachs regolabile in: idraulica in estensione e compressione, precarico della molla, lunghezza interasse [monoammortizzatore Öhlins Racing con piggy-back completamente regolabile in: precarico molla, lunghezza interasse, idraulica in compressione ed estensione].
Biellismo progressivo APS. Escursione ruota 130 mm.
Freni Ant: Doppio disco diametro 320 mm flottante con pista frenante in acciaio inox alleggerito e flangia in alluminio con 6 nottolini. Pinze Brembo M430 monoblocco a fissaggio radiale a 4 pistoncini Æ 30 mm contrapposti. Pastiglie sinterizzate. Pompa radiale e tubo freno in treccia metallica
Post: Disco diametro 220 mm; pinza Brembo a 2 pistoncini isolati Æ 32 mm. Pastiglie sinterizzate. Pompa con serbatoio integrato e tubo in treccia metallica ABS Bosch 9MP, regolabile su 3 mappe, dotato di strategia RLM (Rear wheel Lift-up Mitigation) e disinseribile.
Cerchi Aprilia in lega d’alluminio a 3 razze sdoppiate [forgiati in lega d’alluminio, completamente lavorati, a 5 razze sdoppiate].
Ant: 3.5”X17”
Post: 6”X17”
Pneumatici Radiali tubeless.
ant: 120/70 ZR 17
post: 200/55 ZR 17 (in alternativa 190/50 ZR 17; 190/55 ZR 17)
Peso a secco 180 kg*
Serbatoio 18,5 litri (4 di riserva)
* Peso dichiarato a secco, senza batteria e senza liquidi.


2 Comments

  1. Alberto Bonanni

    2015/04/25 at 1:09 PM

    Moto stupenda anche se preferisco la tuono

  2. Pianeta Riders

    2015/04/25 at 2:08 PM

    Il test della tuono lo pubblichiamo lunedì 😉

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in prove