Connect
To Top

Prova Piaggio MP3 500 2014: commuting a 3 ruote

Presa di contatto con il nuovo Piaggio MP3 500 2014, sofisticato 3 ruote dalla ricca dotazione: test, opinione, voti, scheda tecnica e Gallery foto

[divider]

Da quando (nel lontano 2006) Piaggio mise in campo il primo MP3, l’offerta di veicoli a 3 ruote è cresciuta enormemente, dando vita ad un vero e proprio segmento che – soprattutto su alcuni mercati – è diventato un autentico must in fatto di mobilità urbana. Alla Casa di Pontedera, va quindi riconosciuta la paternità di una intuizione vincente, che oggi rilancia forte nella sfida con gli arrembanti avversari, grazie all’arrivo del nuovo MP3 500 my 2014. Abbiamo avuto modo di “assaggiarlo” sulle trafficate strade parigine: scopriamo insieme com’è andata!

[divider]

DESIGN E FILOSOFIA DEL MEZZO

_4MC2161

Stile e funzionalità

Che è un MP3 lo si capisce subito, soprattutto dal frontale. A ricevere maggiori modifiche in fatto di design, è stata infatti la parte posteriore del veicolo, con linee ora più filanti che esaltano il senso di dinamicità dell’insieme. Modifiche non solo estetiche, ma anche funzionali, nell’ottica di una migliore ergonomia che ha portato – tra le altre cose – all’allungamento della sella, a una maggiore ampiezza delle pedane, con più spazio a disposizione per i piedi, e al riposizionamento del manubrio per una più corretta postura di guida. Nel complesso, pochi interventi mirati, che non stravolgono il progetto, ma ottimizzano numerosi aspetti in fatto di estetica e comfort di bordo.
Si conferma il capiente vano sotto-sella in grado di ospitare 2 caschi integrali (e dotato di presa 12 volt e luce di cortesia), caratteristica assai gradita dai più esigenti commuter urbani. Non dimentichiamo infatti che, pensato come alternativa all’auto, Piaggio Mp3 fa del comfort e della capacità di carico elementi imprescindibili. In tal senso, annoveriamo anche Il nuovo parabrezza fumé, più protettivo, e regolabile in altezza in tre posizioni, mentre i nuovi cerchi ruota, ora cresciuti fino a 13”, propongono un inedito disegno a 5 razze sdoppiate, con un chiaro rimando al mondo delle berline sportive e di lusso.

Nuovo telaio ed elettronica al Top

Comodità, sicurezza e precisione su strada. Queste, quindi, le linee guida seguite dai tecnici Piaggio nel realizzare il nuovo Mp3 500, a partire dal riprogettato telaio, volto a migliorare ulteriormente la vita a bordo, insieme alle riviste geometrie  della triangolazione manubrio-sella-pedana. Ma è soprattutto in fatto di elettronica che il 3 ruote di Pontedera va alla ricerca del primato tecnologico: si tratta, infatti, del primo veicolo nel suo segmento, disponibile con ABS e ASR (Acceleration Slip Regulation, ovvero, controllo di trazione), oltre a disporre di 2 mappature per il motore, una standard ed una ECO.

Motore 

Il propulsore 500cc rappresenta una radicale evoluzione della precedente unità “mezzo litro”. Con 4 valvole, raffreddato a liquido, alimentato a iniezione elettronica, è il più potente della categoria, e propone un tecnologico sistema di acceleratore elettronico “Ride-by-Wire” multimappa che migliora l’erogazione, lasciando al pilota la possibilità di privilegiare le prestazioni o il contenimento dei consumi, grazie alla possibilità di cambiare la mappatura motore, con le summenzionate opzioni “Standard” e “Eco“.

[divider]

LA PROVA SU STRADA

MTF_0015

In sella al Piaggio MP3 si percepisce immediatamente lo sforzo compiuto per rendere ancora più confortevole e “automobilistico” questo 3 ruote. Le finiture e i materiali sono di ottima qualità, e si apprezzano particolari utilissimi nella vita di tutti i giorni in città, come il pratico vano (sopra la strumentazione) in cui è presente anche una porta USB cui collegare ad esempio lo smartphone (ed eventualmente beneficiare del sofisticato Piaggio Multimedia Platform, offerto in optional, che offre una quantità di funzioni davvero esagerata). Un colpo al pulsante dello start  e si parte. Il meccanismo di blocco della sospensione anteriore, che consente al Piaggio Mp3 di rimane in equilibrio sulle tre ruote, si disabilita automaticamente non appena si agisce sul comando del gas (o sull’apposito pulsante di sblocco, azionabile anche da fermi). Un sistema che, una volta compreso il semplice funzionamento, in pratica consente di guidare per un’intera giornata senza mai poggiare i piedi a terra.

Agile, nonostante la taglia, scatta bene al semaforo

Con MP3, nel traffico ci vai praticamente ovunque. Esattamente come faresti con un classico maxi-scooter. La manovrabilità è buona, anche a bassa velocità, e il veicolo si infila nei corridoi tra le auto in coda senza problemi. A ritmi più sostenuti, colpisce positivamente la reattività nei cambi di direzione,  che stupirà chi ha poca pratica con questo genere di mezzi e guarda ai tre ruote con un pizzico di sospetto. Per quanto riguarda le prestazioni, lo scatto da fermo è adeguato all’indole del mezzo, con uno spunto al semaforo che consente di sopravanzare facilmente le auto al via; diversamente, non sarebbe guastata un po’ di reattività in più in fase di ripresa. Da segnalare, poi, che l’indole del mezzo cambia abbastanza sensibilmente in relazione alla mappa motore selezionata. Con  ECO si perde qualcosa in termini di brillantezza, ma migliorano sensibilmente i consumi, rendendo questa opzione prefetta quando si tratta di macinare strada a velocità costante – autostrade e tangenziali – dove si fa apprezzare anche la buona protettività offerta dallo scudo anteriore. Nota di merito, infine, al sistema di controllo della trazione ASR, che infonde un notevole senso di sicurezza durante la conduzione del mezzo.

Il punto debole…

Ciò che ci è piaciuto meno in sella al Piaggio MP3 500 è la caratteristica del cavalletto centrale di toccare l’asfalto un po’ troppo presto in piega. Ben prima dei reali limiti ciclistici del mezzo. Anche la frenata, in talune occasioni, ha mostrato meno incisività di quanto si sarebbe desiderato, rendendo necessario strizzare a fondo le leve. Di converso, davvero ottimo il funzionamento dell’ABS, sempre efficace e preciso, anche sull’insidioso pavè parigino.

[divider]

CONCLUSIONI

066 MP3 Business Sport 500

Oramai un vero must have tra i commuters d’oltrealpe, Piaggio MP3 è il capostipite di un segmento in grande espansione che, in quest’ultima declinazione, alza ulteriormente l’asticella per un deciso passo in avanti evolutivo. Il mezzo ideale per sostituire l’utilitaria in città, senza troppe rinunce. Piaggio Mp3 è disponibile nelle versioni Business e Sport, sostanzialmente uguali, ma contraddistinte da accessori e gamma colori a ognuno dedicate: Bianco Iceberg e Nero Universo per il primo; Nero Carbonio, Argento Cometa e Blu Laguna per il secondo. Prezzi: MP3 500 Business € 9.090 (9.690 in versione ABS); Piaggio MP3 Sport  € 8.990 (9.590 in versione ABS).

A seguire, i nostri voti al Piaggio MP3 500 2014, la Gallery fotografica, la scheda tecnica e un “box di approfondimento” con un interessante intervento del Presidente Colaninno sul futuro della ricerca sulla mobilità urbana e importanti collaborazioni.

[review] [toggle title=”Scheda Tecnica MP3 500” state=”close” ]
  • Motore Monocilindrico MASTER, 4 tempi
  • Cilindrata 493 cm3
  • Alesaggio x Corsa 94 mm x 71 mm
  • Potenza 29.5 kW (40,1 CV) a 7.250 rpm
  • Coppia 45,5 Nm a 5.250 rpm
  • Distribuzione Monoalbero a camme in testa (SOHC) a 4 valvole con punterie a rulli
  • Alimentazione Iniezione elettronica
  • Accensione Elettronica a scarica induttiva ed anticipo variabile integrata nella centralina di iniezione. Sistema closed loop mediante sonda Lambda allo scarico. Immobilizer elettronico, blocco pompa di iniezione con veicolo inclinato. Doppia candela. Doppia mappa di gestione della farfalla (STD ed ECO). Traction control (ASR)
  • Raffreddamento A liquido
  • Lubrificazione A carter umido
  • Avviamento Elettrico
  • Cambio Variatore automatico CVT con asservitore di coppia
  • Frizione Centrifuga automatica a secco
  • Telaio Doppia culla in tubi di acciaio ad alta resistenza
  • Sospensione Anteriore A quadrilatero articolato – Corsa: 85 mm. Impianto elettroidraulico di blocco delle sospensioni
  • Sospensione Posteriore Doppio ammortizzatore idraulico regolabile nel precarico molla su 4 posizioni – Corsa: 108 mm
  • Freno Anteriore Doppio disco Ø 258 mm
  • Freno Posteriore Disco Ø 240 mm
  • Cerchio Ruota Anteriore In lega d’alluminio 13″ x 3,00
  • Cerchio Ruota Posteriore In lega d’alluminio 14″ x 4,50
  • Pneumatico Anteriore Tubeless 110/70-13”
  • Pneumatico Posteriore Tubeless 140/70-14”
  • Lunghezza / Larghezza 2.205 mm / 775 mm
  • Passo 1.550 mm
  • Altezza Sella 790 mm
  • Capacità Serbatoio Carburante 12 litri (di cui 1,8 litri riserva)
[/toggle] [box type=”shadow” ]

Abbigliamento tecnico della Prova

MTF_9943

  • CASCONOLAN N40 (Open dalle elevate caratteristiche di comfort, propone grande qualità costruttiva, oltre a praticità nell’utilizzo urbano e nel turismo disimpegnato. Presente un pratico visierino per proteggersi dai raggi del sole).
  • GIUBBOTTOIXON Titanium VX (giubbotto tecnico in tessuto, con imbottitura impermeabile e traspirante removibile, per la brutta stagione, e un efficace ventilazione tramite zip sul petto e schiena per quando il caldo inizia a farsi sentire. Un capo perfetto per l’utilizzo sport disimpegnato, città e naked).
  • GUANTIIXON RS Trigger HP (confortevoli, in morbida e resistente pelle di capra, questi guanti tecnici, dal taglio corto, offrono un livello di protezione ottimale per la mano, ed una notevole sensibilità quando si guida).
[/box] [box type=”shadow” ]

Intervento Colaninno presentazione nuovo MP3 Parigi

Lo scooter a tre ruote Mp3, che oggi debutta nella sua seconda generazione, è il perfetto emblema di quanto sappiamo fare in Piaggio e di quanto intendiamo sempre più fare in futuro. Vogliamo fare cose del tutto nuove, non solo introdurre costanti innovazioni. Lo scooter a tre ruote prima non esisteva, poi con Mp3 è nato. Lo stesso accadde con Vespa quasi settant’anni fa, e il mondo delle mobilità è cambiato.”

A proposito delle strategie del Gruppo Piaggio nel futuro imminente, Roberto Colaninno ha poi aggiunto:

“Nei prossimi dieci anni cambierà completamente il mondo della mobilità. Saranno totalmente diverse le richieste dei clienti, sorgeranno nuovi bisogni che saranno sempre più legati allo sviluppo delle grandi aree metropolitane, penso a realtà quali Parigi, Londra, New York ma anche Il Cairo, San Paolo, Delhi, Hanoi, Shanghai. Lo avevo annunciato all’EICMA di Milano nello scorso novembre: per capire e anticipare le nuove richieste di mobilità dobbiamo pensare a qualcosa che oggi non c’è. Non sto parlando di evolvere forme di mobilità già esistenti ma di immaginarne di completamente nuove, che siano in grado di creare una vera discontinuità con l’esistente. E’ questa la strada che vogliamo percorrere Per questo abbiamo iniziato a dialogare con grandi centri di ricerca di assoluta eccellenza, come Harvard e il MIT di Boston, presso i quali abbiamo trovato un interesse comune verso queste grandi temi.

Abbiamo riscontrato che anche lì si lavora per immaginare le forme di mobilità che si diffonderanno nel mondo nell’arco dei prossimi dieci anni, soprattutto nelle grandi metropoli.

Affrontando temi quali l’attenzione su un tema centrale come il tasso di inquinamento, su come si svilupperà la domanda di mobilità. Noi vogliamo essere parte in questo confronto, anche a fianco di questi importanti centri di ricerca, ragionare insieme su come ci muoveremo nel prossimo decennio, e sfruttando la nostra presenza negli USA che è fatta non solo della nostra filiale commerciale a Manhattan, ma anche e soprattutto del Piaggio Advanced Design Center che abbiamo creato a Pasadena, in California“.

[/box]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in prove