Connect
To Top

Triumph Daytona 675 2013: la sportiva 3 cilindri si rinnova!

Triumph Daytona 675 si rinnova. Per il 2013, l’affilata tre cilindri inglese propone un nuovo motore, telaio e linee della carrozzeria riviste. Due le versioni: Base e “R”. Info, caratteristiche, foto e prezzi. 

In sei stagioni, la 675, la sportiva a tre cilindri di casa Triumph, ha saputo ritagliarsi un’ampia fetta di estimatori in tutto il mondo. I meriti sono da ricercarsi, oltre che nella grande efficacia di guida sfoderata dalla media inglese, anche nelle superbe doti del suo motore tre cilindri. Un’architettura che riesce a garantire elevate performance sia in termini di erogazione che di potenza massima… una garanzia, sia su strada che tra i cordoli.

Per il 2013, i tecnici di Hinkley hanno deciso di rimettere mano ad un progetto che cominciava ad  accusare il peso degli anni, rivisitando la 675 in ogni suo comparto, sia tecnico che estetico.

Motore più potente e un deciso incremento di coppia!

Il conosciuto tre cilindri frontemarcia ha beneficiato di alcuni aggiornamenti, che gli garantiscono un irrobustimento della curva di coppia e più verve nei valori di potenza e allungo. I tecnici inglesi dichiarano 3 CV in più a 12.600 giri. Quindi siamo a quota 128 CV, con allungo del motore che vede il range portarsi fino ai 14.000 giri/min. La coppia è aumentata su tutto l’arco di erogazione con picco di 75 Nm (+2 Nm rispetto al my2012).

Questi valori sono stati ottenuti rivisitando le camere di scoppio, con maggiore misura dell’alesaggio e riduzione della corsa. Il motore così può permettersi regimi più spinti grazie alle minori sollecitazioni meccaniche ed assorbimenti di potenza. Sempre per favore l’allungo, senza però penalizzare l’elasticità, la testata presenta delle valvole in titanio; quest’ultima soluzione, abbinata ad una nuova batteria di doppi iniettori, consente una migliore risposta del motore al comando del gas. Il tutto è supportato da un basamento irrobustito, separato dal blocco motore, e da cilindri in alluminio con riporto ceramico.

Telaio più compatto ed ABS disinseribile

Il nuovo elemento portante ha visto razionalizzata la sua costruzione. In questa versione è realizzato con meno sezioni, ed è stato rivisto nelle quote, ora più compatte, per avere una migliore risposta alla inedita distribuzione delle masse, dovuta in gran parte al nuovo scarico basso, ai valori di interasse più contenuti, e di un piano seduta con altezza sella diminuita di 10mm. Dietro troviamo un nuovo telaietto in alluminio pressofuso, con un design più aggressivo che slancia il posteriore, ma allo stesso tempo lo rende più elegante.

Per quel che riguarda le sospensioni sul modello 2013 è presente una nuova forcella a cartuccia ed un mono rivisitato nell’idraulica. Le ruote in allumminio sono state allegerite, mentre ai freni troviamo l’ormai indispensabile unità ABS dal peso di 1,5 kg, con possibilità di disinserimento immediato in pista, per favorire il movimento della ruota posteriore. Di serie la frizione antisaltellamento. Tutte queste modifiche hanno portato tra l’altro ad una diminuzione sul peso dichiarato di 1,5 kg.

Estetica rivista e presa d’aria maggiorata

Anche la carenatura non è sfuggita ad un attento lavoro di make-up. La fiancate in quattro pezzi donano eleganza ed aggressività, mentre nella parte frontale troviamo una presa d’aria maggiorata e dal disegno inedito. L’attenzione ai dettagli su questa nuova 675 si nota anche dal nuovo disegno della piastra di sterzo, dalla bulloneria lavorata,  dal gruppo portatarga facilmente smontabile per l’utilizzo in pista, e dalla nuova strumentazione con display predisposto per visualizzare il comodo indicatore di pressione pneumatici quando è montato come accessorio il Triumph Tyre Pressure Monitoring System (TPMS).

Per i Riders insaziabili, c’è anche la “R”

Anche per il 2013, Triumph ha previsto una versione “R”. Simile in tutto e per tutto alla “base” si differenzia per alcuni accessori di gran pregio, volta a renderla una macchina perfetta per la pista, ma anche per piacere di più al bar. Troviamo ammortizzatori Ohlins (TTX al posteriore, e NIX 30 all’anteriore) che garantiscono maggiori possibilità di regolazione. Ai freni ci si affida a Brembo, con pinze monoblocco e ABS di serie.

Altre chicca è rappresentato dal cambio elettronico e dai fianchetti carenatura e parafango posteriore realizzati in nobile carbonio. La versione “R” presenta anche un sottotelaio posteriore rosso e dettagli riusciti come le strisce rosse dei cerchi.

PREZZI, ACCESSORI E GARANZIA

La Dayotona 675 sarà disponibile presso la rete Triumph ai seguenti prezzi: Daytona, Euro 12.290; Daytona R, Euro 13.900. ABS opzionale Euro 400. 

Per le Daytona 675 e 675R, Triumph mette a disposizione, inoltre, una vasta gamma di accessori originali dedicati allo stile quanto alla funzionalità. Come ad esempio le protezioni motore,  forcellone e telaio. La gamma offre una scelta di componenti lavorati CNC che includono serbatoi e leve per i freni, aste di livello olio colorate e tappi per serbatoi olio. È disponibile un silenziatore Arrow omologato. Disponibile l’antifurto, gli alloggiamenti per le luci e indicatori LED. Il sistema di cambio elettronico può essere aggiunto come opzione alla Daytona 675.

Daytona 675 e Daytona 675R vengono fornite con due anni di garanzia di fabbrica a chilometraggio illimitato, così come tutte le altre motociclette Triumph.

4 Comments

  1. Ricky Jake Cappelletti via Facebook

    2012/11/13 at 12:39 PM

    l’inglesina ha sempre spaccato 😀

  2. Nicola Giammancheri via Facebook

    2012/11/13 at 12:42 PM

    si può anche rinnovare ma ormai sarà dura con la F3 nei concessionari

  3. Fabrizio Risso via Facebook

    2012/11/13 at 1:56 PM

    la vecchia (che io possiedo) ha vinto le più importanti comparative contro la F3…

  4. Pingback: Video Triumph Daytona 675 2013: scopriamola nel dettaglio | Pianeta Riders

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in News