Connect
To Top

Sistema Bike Sense by Jaguar e Land Rover per la sicurezza dei motociclisti

Bike Sense è una nuova tecnologia sviluppata da Jaguar e Land Rover per migliorare la coabitazione di auto e moto sulle strade di tutti i giorni e favorire la sicurezza di chi viaggia su due ruote

[divider]

Molta della casistica riguardante sinistri tra auto e moto è riconducibile alla minore visibilità – su strada – dei mezzi a due ruote. Circostanza, questa, aggravata dai cosiddetti “angoli morti“, ovvero punti che sfuggono facilmente all’attenzione di chi si trova al volante di un’auto e in cui, fatalmente, ci andiamo ad infilare quando siamo in sella ad una moto o ad uno scooter.

Per ovviare a tutto questo, e rendere più semplice la coabitazione su strada tra mezzi a 2 e a 4 ruote, Jaguar e Land Rover hanno studiato un sofisticato sistema di sensori (denominato Bike Sense), che, installato su un’auto, è in grado di percepire la presenza di una moto in un punto generalmente fuori visuale o in posizione “pericolosa”. In caso ciò si verifichi, il guidatore viene subito avvisato attraverso una spia sul cruscotto, accompagnata da un segnale sonoro, una vibrazione generata da un apposito airbag integrato nel sedile di guida e da un’ulteriore (leggera) vibrazione sul pedale dell’acceleratore. Il tutto, per consentirgli di accorgersi del rider e di regolarsi di conseguenza.

Bike Sense svolge la sua utile funzione anche nei confronti di ciclisti e pedoni.

Un sistema decisamente interessante, che ci auguriamo possa presto trovare seguito anche altrove. Se poi fosse reso obbligatorio su ogni auto, sarebbe veramente il TOP.


3 Comments

  1. Lyda Redivo Zaglia

    2015/01/22 at 11:39 AM

    … Peccato che nel video siano contemplate solo biciclette…

  2. Pianeta Riders

    2015/01/22 at 11:47 AM

    Lyda, se leggi bene, all’inizio del video – è in inglese, ma si capisce – viene spiegato che il sistema funziona con bici, MOTO (e anche pedoni) 😉

  3. Lyda Redivo Zaglia

    2015/01/22 at 12:00 PM

    Grazie avevo letto ma… L’esempio video mi sembrava un po univoco… O no?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in News