Connect
To Top

Parlamento Europeo: ABS obbligatorio per le moto e norme anti-inquinamento più severe

Il Parlamento Europeo ha deciso: ABS obbligatorio per tutti e norme anti-inquinamento più severe, già a partire dal 2014. Ecco cosa cambia e alcune considerazioni

Eravamo tutti in attesa di scoprire l’esito della Riunione Plenaria che oggi, a Strasburgo, ha impegnato i membri del Parlamento Europeo su importanti decisioni per quanto riguarda il settore delle due ruote. Esito piuttosto scontato e regolamento approvato con una maggioranza schiacciante.

In sintesi: ABS obbligatorio per tutti e severe norme anti-inquinamento scagionate in più tappe. Ma scopriamo nel dettaglio cosa prevede il regolamento che – lo ricordiamo – è solo un primo passo, visto andrà in seguito recepito dai singoli stati membri con una normativa “interna” ad hoc. Noi qualche riserva l’abbiamo, ma procediamo con ordine.

ABS obbligatorio per tutti dal 2016

Tutti i motoveicoli di nuova immatricolazione, a partire da questa data, dovranno obbligatoriamente essere muniti di sistema ABS se di cilindrata superiore ai 125cc (inclusi i veicoli a 3 ruote e i quadricicli). Al di sotto di tale soglia, i veicoli a due ruote dovranno adottare un sistema di frenata integrale.

Normativa anti inquinamento

Dalla Metà del 2014 tutti i CICLOMOTORI (quindi non si parla di Motocicli) dovranno obbligatoriamente essere EURO 3. Mentre dal 2016, in concomitanza con l’ABS obbligatorio, i motocicli di nuova immatricolazione dovranno obbligatoriamente essere omologati Euro4 (dall’anno successivo, tale omologazione sarà estesa anche ai ciclomotori, ai 3 ruote e ai quadricicli). Dal 2020, infine, arriva la Euro 5 per i mezzi di categoria L (sostanzialmente, ciclomotori da 50cc e mezzi, anche a 3 o 4 ruote, che – a prescindere dalla cilindrata – non superino i 45 Km/h). Normativa Euro 5 che dall’anno successivo (2021) sarà estesa a tutti.

Qualche considerazione

In realtà solo una: premesso che a chi scrive stanno seriamente a cuore l’ambiente e le sorti del Pianeta, è credibile una regolamentazione che in sostanza punta al rinnovamento del parco circolante in un periodo di grave crisi economica mondiale? Come faranno, in tempi di “magra”, i tanti motociclisti/scooteristi che utilizzano la propria 2 ruote quotidianamente, davanti agli inevitabili “blocchi” normativi che si presenteranno a mano a mano che il processo di rinnovamento andrà avanti? E questo appare poco sensato, soprattutto alla luce degli studi che dimostrano come, in realtà, siano ben altre le fonti di inquinamento che determinano le situazioni di “rischio” per la salute che si verificano, periodicamente, nelle grandi città. 

In merito all’ABS, invece, nulla questio. Sacrosanto e giusto. A patto che le Case Costruttrici si adoperino a escogitare sistemi sempre più leggeri, poco invasivi e (perché no) all’occorrenza disinseribili (che non guasta mai…)


8 Comments

  1. Jvan Jnet via Facebook

    2012/11/21 at 10:59 AM

    Anche se l’ABS di oggi lavora egregiamente anche in pista preferirei sempre poter scegliere…

  2. Anthony Nikolaus Alisei via Facebook

    2012/11/21 at 11:07 AM

    Meglio morire

  3. Pianeta Riders via Facebook

    2012/11/21 at 11:08 AM

    ci stavo riflettendo proprio adesso: ABS disinseribile, per moto strada/pista oppure in/off road sarebbe più che sensato. Ma una volta che se ne stabilisce l’obbligatorietà, le implicazioni sono varie e molteplici: basti pensare, banalmente, a quelle assicurative in caso di sinistro.

    Fortuna che i nuovi sistemi sono sempre più evoluti e “digeribili”… e sicuramente andranno a migliorare ulteriormente col tempo

  4. Anthony Nikolaus Alisei via Facebook

    2012/11/21 at 11:42 AM

    Bugie

  5. Anthony Nikolaus Alisei via Facebook

    2012/11/21 at 11:42 AM

    In pista nessuno lo usa

  6. Anthony Nikolaus Alisei via Facebook

    2012/11/21 at 11:42 AM

    Basta sempre essere istituzionali, che schifo

  7. Anthony Nikolaus Alisei via Facebook

    2012/11/21 at 11:43 AM

    Su strada va bene forse su moto da 300 kili

  8. Anthony Nikolaus Alisei via Facebook

    2012/11/21 at 11:44 AM

    Un altro modo per decimale il motociclismo e fare soldi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in News