Connect
To Top

L’ACEM promuove una campagna di sicurezza in moto attraverso il fumetto Lucky 13


 

Parola d’ordine Sicurezza. Dopo le numerose iniziative che in questo periodo stanno interessando il mondo del motociclismo (come quella organizzata dal motoclub Ting’avert di cui si è già parlato su Pianeta Riders QUI e QUI), finalmente anche i costruttori di moto si sono decisi a fornire il proprio contributo per concorrere ad accrescere la sicurezza di motociclisti e scoteristi.

l’ACEM (l’associazione europea dei costruttori di motocicli) ha recentemente deciso di promuovere una campagna di sicurezza stradale rivolta a tutti i centauri, con lo scopo di accrescerne la consapevolezza in merito ai pericoli che si possono incontrare giornalmente sulla strada: asfalto dissestato, buche, incroci pericolosi, presenza di oggetti fissi non protetti, e soprattutto i famigerati guard rail (utili per le autovetture, ma micidiali per tutti i Riders che avessero la sventura di finirci contro).

A tal scopo, è stata organizzata la campagna “Lucky 13“, una serie di 13 fumetti per altrettanti episodi, ciascuno dei quali affronta un diverso capitolo della sicurezza stradale. Secondo quanto risulta dal Maids (Motorcycle Accident In Depth Study) – la più completa ricerca sull’incidentalità delle due ruote a motore oggi disponibile – circa un incidente su dieci è provocato dalle infrastrutture, ed in moltissimi casi la presenza di un dispositivo stradale provoca un sensibile aggravamento delle conseguenze dell’incidente. Per tali motivi sarebbe opportuno che le Amministrazioni responsabili riprogettassero le strade adeguandole, così come fatto per gli automobilisti anche alle esigenze degli utenti delle due ruote.

Arriveremo mai ad un tale livello di virtuosismo da parte delle nostre amministrazioni?

A dire il vero sarebbe già un passo insperato poter giungere ad aprire un serio tavolo di confronto sul quale poter discutere proficuamente piani di intervento realistici, mirati e di pronta efficacia.

(news by Il Tempo)

1 Comment

  1. Pingback: diggita.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in curiosità