Connect
To Top

KTM elimina con Photoshop i “danni” apparsi sulle foto della nuova 1190 Adventure

Curiosa scoperta che apprendiamo sulle pagine di HellForLeather dove – i colleghi d’oltre oceano – si domandano il perché di tale operazione di maquillage da parte della Casa Austriaca sulle immagini “promo” della nuova Maxi-enduro.

In tutta franchezza, ci vuole veramente un occhio allenato per scoprire al volo “la magagna”. Si tratta di un collettore, apparso  dapprima ammaccato, poi improvvisamente tornato a nuova vita dopo un rapido passaggio con un programma di fotoritocco.

Ma perché fare tutto ciò? In fondo, su una motocicletta corposa come la nuova 1190 Adventure, utilizzata in maniera così estrema (come mostrano le foto) un colpo al collettore appare plausibile. Utilizzo estremo mostrato nelle immagini di quasi tutti i prodotti di questo segmento per dare la sensazione che – opportunamente equipaggiate con pneumatici tassellati, e guidate da mani (molto) esperte – anche le corpulente Maxi-Enduro sono in grado di fare salti e derapate di ogni genere.

Senonché, la maggior parte degli acquirenti di questo genere di mezzi, li utilizza – oltre che per il commuting casa/lavoro – prevalentemente per il turismo a medio/lungo raggio, con passaggi in fuoristrada anche lunghi, ma per la maggior parte tranquilli, affrontati ad andatura “panoramica”. Il che, probabilmente, ha indotto gli uomini marketing KTM a non prevedere alcun tipo di protezione per collettori di scarico, onde non offrire un’immagine troppo specialistica e “fuori target” del prodotto. Protezione che, però, vedendo un’ammaccatura sul collettore, chiunque avrebbe detto: ma allora ci vuole! E allora, chi lo sa, magari in KTM avranno pensato… meglio far sparire tutto con Photoshop!

I produttori aftermarket ora sono avvisati… datevi da fare!



2 Comments

  1. Cominciamo bene……..

  2. Grigioscuro Tonyrose via Facebook

    2012/10/10 at 11:08 AM

    ci mancherebbe pure trovare ammaccature su immagini “promo”! sul collettore poi!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in curiosità