Connect
To Top

Crisi Aprilia: Colaninno preoccupato, produzione crollata del 75% in 5 anni

Dai 98.000 pezzi prodotti nel 2008 alle 24.000 unità del 2013, la situazione di Aprilia preoccupa il management Piaggio e i sindacati. Tra le cause, il crollo delle moto sportive.

[divider]

Pur essendo un Marchio che nelle corse registra grandi risultati, a destare preoccupazione è ciò che accade sull’altro fronte dell’attività dell’azienda del Gruppo Piaggio, quello commerciale. Il crollo delle moto sportive, ma anche la fase congiunturale che da anni sta triturando l’economia italiana ed europea, sono tra le cause di un tracollo di vendite e produzione che sta mettendo a serio rischio il futuro di Aprilia. Roberto Colaninno, come riportato dal Sole24Ore si dice “preoccupato”, per questa situazione sul fronte della produzione.

L’incontro tra il presidente della Piaggio Roberto Colaninno (avvenuto in data 16 Ottobre, ndr) e le organizzazioni sindacali, tenutosi i presso lo stabilimento di Pontedera in Toscana, ha evidenziato una situazione di crisi del mercato delle due ruote in Italia e in Europa.”  Tra le cause del tracollo di vendite per Aprilia, è da annotarsi anche “il crollo delle vendite delle moto sportive “. Così il Segretario nazionale Fim Cisl Ferdinando Uliano, che aggiunge “siamo all’esaurimento degli ammortizzatori sociali con i contratti di solidarieta’ al quarto anno per Scorze’ a fine gennaio 2014 e al terzo anno a Noale. Abbiamo cosi’ chiesto l’apertura di un confronto con l’azienda, che ha dimostrato disponibilita’, sulle prospettive occupazionali e sulla strategia complessiva per Aprilia.” Le parti ora si ritroveranno a Novembre, per discutere ed approntare una strategia di rilancio per lo stabilimento di Scorzè,dove al momento, le catene di montaggio restano ferme.

 

 

14 Comments

  1. Roberto Bartoli

    2013/10/17 at 8:59 AM

    Non mi piace!

  2. Carlo Calienno

    2013/10/17 at 9:02 AM

    E´ normale, specie in una citta´ come Napoli dove si paga, per una stessa moto e stessa classe, il 500% in piu che a Torino e Milano e tale cifra corrisponde a circa il 200% di una normale polizza di una macchina nella stessa citta´!!!!!

  3. Donato Di Ruberto

    2013/10/17 at 9:06 AM

    Moto ottime e marketinf scarso.La shiver è stravalidissima e non se la fila nessuno.Come mai?

  4. Fabio Pitone Dell´Oro

    2013/10/17 at 9:14 AM

    Massimo Mangili

  5. Andrea Corrado

    2013/10/17 at 9:16 AM

    Mah

  6. Andrea Corrado

    2013/10/17 at 9:17 AM

    Mr. Colaninno non dovrebbe essere preoccupato perchè ci ha abituato a mere speculazioni e non ad attività di rinascita aziendale. Vedi caso Alitalia ..

  7. Nguyen Paolo

    2013/10/17 at 9:23 AM

    Christian Nebbia Giacometti hai ahi ahi… Melandri e la sua sfiga continuano a dare news importanti….

  8. Stefano Razzolini

    2013/10/17 at 9:23 AM

    Siamo tra i maggiori produttori di moto al mondo…..le aziende chiudono….e chi ci governa nn ha mai preso in considerazione tutto l´indotto….è una vergogna.

  9. André Fiori

    2013/10/17 at 9:24 AM

    Concordo con Donato, Aprilia è un marchio validissimo che non gode né del sostegno d´immagine necessario né di una rete di distribuzione ed assistenza ottimale (come del resto Moto Guzzi).

  10. costassero meno….

  11. Maurizio R. Medici

    2013/10/17 at 9:37 AM

    L´ rsv o la shiver sono moto stupende, per carità, ma gli scooter fanno cagare e costano un botto!
    In questo periodo di crisi sono questi ultimi a tirare il mercato….

  12. Giovanni Casey Argiolas

    2013/10/17 at 10:45 AM

    Vedrete che ci perdiamo anche Aprilia che se la prendono i tedeschi….

  13. Ruccolo Anthony

    2013/10/17 at 11:05 AM

    Io ho da poco comprato un Aprilia,la mia prima moto italiana, moto bellissima ma il prezzo un po alto non accessibile a tutti…..

  14. marco

    2013/10/21 at 10:05 AM

    Moto validissime con piccoli difetti. Marketing è centri assistenza preparati scarsissimi. Manager da mandare in esilio, dopo aver bruciato Alitalia pure l’Aprilia. Questo è il vero problema delle aziende italiane, manager da prendere a calci in culo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Aprilia