Connect
To Top

TriBsa cafè-racer: fascino e contaminazione

TriBsa. Mai sentita questa sigla?

Siamo negli anni 1960s-1970s e nel mondo del motociclismo impazza il fenomeno cafè racer. Sono gli anni delle corse all’Ace-cafè, dei Rockers, del chiodo di Marlon Brando e di una passione Riders vissuta intensamente, senza paura di sporcarsi le mani tra cilindri ed elaborazioni.

È in questo contesto che nascono interessanti ibridazioni tra motociclette da cui prendono vita café-racer uniche come le TriBsa, ovvero, l’unione di parti di moto Tri(umph) e Bsa, con lo scopo di prendere il meglio da ognuna.

Nel caso delle TriBsa si cercava di sfruttare la potenza e l’erogazione dell’ottimo bicilindrico in linea di casa Triumph, abbinandolo alla ciclistica Bsa. Esattamente come avveniva per un altro famoso ibrido tra café racer, la Triton, dove il motore Triumph era incastonato in un telaio Norton.

Il risultato erano moto emozionali e di gran fascino con cui lanciarsi in ogni sfida, e su qualunque percorso.


Il mondo delle cafè-racer vi affascina? Allora non mancate una bella visita al Rocket-garage.


1 Comment

  1. Pingback: Moto Guzzi V7 Cafè Classic: il Video | Pianeta Riders

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Cafe racer