Connect
To Top

Rossi e Biaggi alla luce degl’ultimi fatti: destini incrociati, coincidenze e un Fato beffardo. Una rivincita a distanza?


Suggestioni. Gli appassionati di cabala e misteri dell’universo potranno adesso sbizzarrirsi a trovare mille significati, recondite motivazioni e segni del Destino nella bizzarra serie di coincidenze che sto per proporre. Riscatto, legge universale, giustizia divina, un clamoroso colpo di teatro. Oppure semplice casualità? Il dato di fatto è che c’è un Fato beffardo, ironico, e un po’ perverso che in pochi giorni si è divertito a giocare con le vicende di due dei più celebrati campioni del motociclismo di tutti i tempi, acerrimi nemici, rimettendoli ancora una volta (in un certo senso) uno di fronte all’altro. Fu Vale anni fa a spodestare Max dal trono. Ci ha pensato il Fato, oggi, nel giro di una settimana, a rimettere i conti in pari, e a modo suo.

Superbike. Miller Park. 30 maggio 2010: una giornata assurda. Gara 1: il Fato prende Checa e gli rompe il motore poco prima del traguardo mentre era al comando. Biaggi vince. Gara 2: il Fato prende Checa e gli rompe la moto mentre era al comando. Un’altra volta. Biaggi Vince. Sempre il Fato prende Haslam, avversario diretto di Max nel mondiale delle derivate di serie, e lo fa cadere mentre era in netta rimonta. Biaggi conquista il primo posto provvisorio nel mondiale Superbike scavalcando Haslam. Una fortuna sfacciata

MotoGp. Mugello.  5 giugno 2010: una giornata assurda. Il Fato prende Rossi, il candidato favorito alla vittoria, il pilota lanciato alla rincorsa del suo decimo titolo, e lo butta a terra. Quello che normalmente sarebbe stato un semplice  high side lo concia, invece, per le feste. Rossi deve rinunciare definitivamente al mondiale. Una sfortuna nera.

Rossi Biaggi, Biaggi Rossi, una rivalità, uno scontro, una guerra  che infiammò gli animi dentro e fuori dai circuiti. Una diatriba che prosegue ancora oggi nelle chiacchiere dei tifosi benché i due siano oramai protagonisti in campionati diversi. Storie vecchie eppure vive, fatte di ripicche, rospi mai digeriti e recriminazioni senza fine. Il Fato, evidentemente appassionato di motociclismo, ha voluto dare la sua opinione su tutta questa storia facendo giustizia a modo suo. E allora, non se ne abbia a male Max, e neanche il Fato, ecco un piccolo contributo per riequilibrare un po’ le cose.  Era il 2005, ancora una volta il Mugello, lo stesso Mugello dell’incidente di Vale (e questa è la coincidenza delle coincidenze, la beffa delle beffe in tutta questa faccenda. Quasi da brividi, a pensarci bene). La coppia Rossi  Biaggi dà vita, sul circuito toscano, ad una delle sue più epiche battaglie. Quella che forse segnò definitivamente il futuro di entrambi. Vale ebbe la meglio e scalzò una volta per tutte il suo avversario dalla competizione diretta; e forse Max, finito dall’anno successivo a militare nel mondiale superbike, chi lo sa… avete presente quella storia del cinese che se ne sta tranquillo, sul letto del fiume, ad aspettare che passi, prima o poi, il cadavere del proprio nemico? Ecco, appunto…
Schiacciate play e buona visione!

httpv://www.youtube.com/watch?v=1D6bG-dpCdY 

4 Comments

  1. Duca Rosso

    2010/06/08 at 9:51 AM

    ‘zzarola, davvero incredibile la coincidenza. Mi era completamente sfuggita 😯
    Comunque, secondo me, Biaggi (partendo dalla considerazione che l’incidente di Rossi non ha avuto conseguenze drammatiche) una risatina soddisfatta nel buio della sua stanza se l’è fatta 😆

    Il Duca

    p.s.
    il video è uno spettacolo. Ma fu proprio quella gara a essere uno spettacolo e non furono solo Rossi e Biaggi, ma anche Capirossi e Melandri i protagonisiti. Che belle gare a quei tempi. Sigh! 😕

  2. thedobermann

    2010/06/08 at 10:44 AM

    io credo che la politica rovini sempre tutto, soprattutto in Italia e gli italiani.
    abbiamo nomi nel motociclismo che mettono i brividi ma che non hanno vinto un mondiale in motogp.
    Cadalora…
    Biaggi…
    Capirossi…
    seguo assiduamente le gare almeno dal 1990 e di ingiustizie ho sempre sentito la puzza.
    ci sono tanti nomi da aggiungere come Melandri, Dovizioso, Simoncelli.
    una volta c’e’ lo zampino del megamenager giapponese, un’altra del team manager spagnolo, una volta le gomme del sabato notte della michelin…

    io sono tifoso di Biaggi e avrei molto da recriminare, ma lasciamo stare, il motociclismo ha bisogno di appassionati, non di tifosi.
    ora che Vale non c’e’ non cambiate canale, al massimo aprite gli occhi e date un’occhiata anche alla SBK che di spettacolo ne da a non finire.

    saluti

  3. Maurizio

    2010/06/08 at 11:07 AM

    altroché, Biaggi se la starà ridendo come un matto :mrgreen:

  4. EL VECIO

    2010/06/08 at 7:26 PM

    thedobermann Ha Scritto:

    io credo che la politica rovini sempre tutto, soprattutto in Italia e gli italiani.
    abbiamo nomi nel motociclismo che mettono i brividi ma che non hanno vinto un mondiale in motogp.
    Cadalora…
    Biaggi…
    Capirossi…
    seguo assiduamente le gare almeno dal 1990 e di ingiustizie ho sempre sentito la puzza.
    ci sono tanti nomi da aggiungere come Melandri, Dovizioso, Simoncelli.
    una volta c’e’ lo zampino del megamenager giapponese, un’altra del team manager spagnolo, una volta le gomme del sabato notte della michelin…
    io sono tifoso di Biaggi e avrei molto da recriminare, ma lasciamo stare, il motociclismo ha bisogno di appassionati, non di tifosi.
    ora che Vale non c’e’ non cambiate canale, al massimo aprite gli occhi e date un’occhiata anche alla SBK che di spettacolo ne da a non finire.
    saluti

    Ciao Doberman mi trovi sulla tua stessa lunghezza d’onda !!! 😉

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *