Connect
To Top

Ritiro di Stoner dalla MotoGP, dito puntato contro Ezpeleta e la Dorna

E insomma, qualcosa nel rubinetto emotivo di Casey Stoner si è stappato.

Lo si era già intuito nel primo comunicato di Le Mans, durante il quale, annunciando il ritiro a fine stagione, il campione australiano aveva parlato genericamente di una MotoGP diversa dal mondo al quale si era appassionato.

Ora il Pilota della Honda torna a parlare ai microfoni della TV australiana Channel Ten, affondando il colpo e accusando senza mezzi termini la Dorna e le sue recenti decisioni, che avrebbero snaturato il Circus e l’ambiente della MotoGP. Tutto ciò avrebbe ingenerato in Stoner un deficit di Passione e motivazioni. Sotto il fuoco dell’australiano, soprattutto Carmelo Ezpeleta: “Penso che sia in buona parte responsabile della situazione in cui ci troviamo oggiLe decisioni che hanno preso e la direzione che hanno dato alla classe MotoGP non mi piacciono per niente, e certe sue opinioni (ndA, di Ezpeleta) non mi trovano affatto d’accordo.

Stoner parla anche di questioni non direttamente a lui riferibili, ma che reputa “indice” di quanto va accadendo nell’ambiente, criticando alcune regole incomprensibili imposte alle classi minori, o ai piloti come Marquez che – nonostante come sottolinei Casey stesso – sarebbe un suo degno sostituto sulla Honda HRC, è sottoposto ad un regolamento incomprensibile, come quello previsto per i Rookie che corrono per il primo anno nella classe regina (con riguardo ai Team ufficiali): “Naturalmente Marc Marquez sarebbe il candidato perfetto per il mio posto in HRC se non fosse per questa “regola del rookie”, che a mio parere è un’altra decisione sbagliata ed é un’altra delle tante cose che non mi piacciono. (…) Il fatto che nessuno dei piloti della Moto2 e della Moto3 sia autorizzato ad avere il proprio motorhome nel paddock non mi piace: io stesso, per esempio, non sarei stato in grado di arrivare dove sono oggi se non mi fosse stato permesso di avere il camper nel paddock. Ci sono un sacco di cose di questo con cui sono in forte disaccordo.

Poi il due volte Campione del Mondo passa a spiegare i motivi personali che lo hanno spinto a lasciare, e che non hanno nulla a che vedere – come sostenuto da molti – con la sua famiglia o con la neonata primogenita: “Non ha niente a che vedere con la mia bambina o il matrimonio o cose simili, é una scelta che é maturata nel corso degli ultimi anni. In pratica é cominciato tutto nel 2009, quando tutti parlavano della mia ‘malattia misteriosa‘, con tutti quei commenti, tutto ciò che ci é girato intorno e che salta fuori ancora oggi: quello mi ha fatto capire quello che la gente pensa realmente di noi e ciò che noi realmente significhiamo per gente, cioé nullaCi sono cose che sono state fatte alle mie spalle che mi hanno fatto capire che il paddock e tutto il resto non sono altro che un business, non c’è passione. E’ partito tutto da lì: penso che se ora facessi un altro anno poi non sarei in grado di salire su una moto per i prossimi 10 anni. Al momento non sono entusiasta di salire in moto, in nessun posto, e quindi voglio ritrovare definitivamente quella passione a cui ho dedicato – divertendomi – tutta la mia vita. 

Infine si lascia andare a qualche considerazione per il futuro: due o quattro ruote? 

Questo è il punto – spiega – non voglio avere piani. Non voglio avere qualcosa che devo fare per forza in un determinato momento, ho solo voglia di godermi un pò di tempo con la mia famiglia e trascorrere più tempo possibile con loro. Ad essere sincero mi è piaciuto moltissimo il test che ho fatto con la V8 (del Campionato Australiano V8 Supercars): non credo affatto che sia in grado di dare lo stesso tipo di emozione ed adrenalina di una moto, ma allo stesso tempo non é rischioso quanto una moto, e questa é una componente importante del discorsoIl punto é che molta gente non capisce quanto stai rischiando ogni volta che scendi in pista su una moto: ogni volta che sei in sella spingi sempre al limite, anche in cattive condizioni, anche con gomme che non danno un buon feedback. Ci sono un sacco di cose che potrebbero andare storte, e avere quattro pareti intorno [in un’auto] di solito é meglio. Le Supercars V8 sono qualcosa che ho intenzione di prendere in considerazione per il futuro: se potrò davvero farlo sul serio o meno è qualcosa che vedrò più avanti, ma per ora ho solo voglia di godermi il tempo con la mia famiglia e con Adriana, poi vedremo cosa succederà in futuro. ”


VIA| Channel Ten SportMotoblog

5 Comments

  1. Massimiliano Benvenuti via Facebook

    2012/05/24 at 12:52 PM

    ha fatto bene…poi chi deve ringraziare lo ringrazi in privato…

  2. Mauro Bellucci via Facebook

    2012/05/24 at 2:03 PM

    FINALMENTE UNO CHE INIZIA A PARLARE

  3. Alessandra Di Gregorio via Facebook

    2012/06/13 at 5:02 PM

    Agostini la butta lì come se fosse una cosa così folle… Ma io dico, anche se fosse… amare la propria moglie e la propria figlia più di una moto non credo sia un delitto. motociclismo o no… Non è un’uscita splendida…

  4. Riccardo Zafred via Facebook

    2012/06/13 at 5:10 PM

    Ma questo è diventato scemo di colpo oppure la pulce oggi che ha vinto e vince in MOTO GP crede che il suo pensiero anche riguardo a cose che proprio non lo riguardano crede di poter mettere il becco dovunque,cose crede l’ex contadino che il suo subpensiero sia così importante,si spicciasse ad andare via stupido di campagna ,non ha capito che tutti gli altri saranno solo contenti che vada via,ogniuno per un motivo diverrso,ma tutti,poi il discorso giustizialista sui camper,ma fatti i fatti tuoi cretino del lontano villaggetto e ringrazia ancora quel matto di tuo padre che mise in vendita tutto ciò che possedeva per farti fare il mondiale,o meglio la trafila per il motomondiale e ringrazia baciando dove passa gente come lo spagnolo organizzatore,il quale alcuni anni ha pagato lui per farti correre e non certo per ricevere i calci in faccia che oggi brutto ingrato gli stai ingiustamente dando,ringrazia il team di CECCHINELLO che ha creduto in te quando facevi + danni che posizioni a punti,quindi un cattivo affare per chi lavora ed oggi solo stronzate ti escono da dentro te,hai ragione su di un solo fatto,spicciati ad andare via e per sempre,non avevo mai visto un uomo ingrato,velenoso e rancoroso come te,non meriti nulla,ma tanto nella vita quello che semini raccogli e la tua capacità a guidare benissimo non basterà certo a farti passare una bella e buona vita,quando si sputa su tutto e tutti si paga,tranquillo,oggi non ci pensi neanche ,ma tutto il tuo accidio sarà di certo ripagato dal destino verso te,tranquillo vai pure,non sapevo che esistessero piloti così ,se penso al cristallino SCHWANTZ che negli anni 90 al MUGELLO pianse quando disse al mondo che doveva ritirarsi perchè il suo fisico minato in ogni dove non gli permetteva più di fare la cosa + bella del mondo,il pilota della classe 500 mondiale,ingrato e stupido

  5. Francesco Vinz via Facebook

    2012/06/13 at 8:04 PM

    agostini pensi ai fotoromanzi 😉

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in MotoGp