Connect
To Top

MotoGp Giappone 2009: vittoria di Lorenzo e doppietta Yamaha


lorenzo_gara_piega

A Motegi va in scena il Jorge Lorenzo Show. Grande gara per lo spagnolo della Yamaha che vince il secondo gran premio in carriera nella classe MotoGp dopo quello del Portogallo dello scorso anno. Lorenzo parte bene, dopodiché, senza troppi convenevoli, svernicia nell’ordine Pedrosa e Rossi con due sorpassi decisi e ben assestati. Autentica prova di carattere. Il ragazzo è di quelli che brillano di talento, lo diciamo noi da sempre, lo aveva detto un po’ di tempo fa anche Giacomo Agostini.

Ma vediamo i primi otto a passare il traguardo.

  • Lorenzo
  • Rossi
  • Pedrosa
  • Stoner
  • Dovizioso
  • Melandri
  • Capirossi
  • Kallio

Rossi, secondo, e Pedrosa, terzo, sono autori di un’incredibile bagarre negli ultimi giri di gara. Alla partenza, Rossi accende subito i reattori della M1 e si fionda primo davanti a tutti; fa ancora meglio lo spagnolo della Honda che dalle retrovie spiazza il gruppo e si porta subito tra  i migliori; poi arriva Lorenzo, guasta la festa, e se ne va. Parte, allora, una lotta per la seconda posizione che culmina nella parte finale di gara in cui The Doctor e Camomillo iniziano a darsele di santa ragione: una serie di sorpassi e controsorpassi al cardiopalma che terminano con una staccata antigravitazionale di Valentino che chiude la partita. Rossi seconda piazza sul podio e Pedrosa appena più in basso a dimostrazione di una forma fisica perfettamente ritrovata. In Yamaha si festeggia una meritatissima doppietta.


Stoner, quarto, oggi è apparso decisamente fuori forma. Una Ducati che brilla di rosso opaco al sole del Giappone. Ma si sa, tra l’italiana e il mondo Jap non è mai corso buon sangue. Tempi discreti, a tratti, per l’australiano, ma una moto che è sembrata a più riprese nervosa e meno “guidabile” del solito.

Dovizioso, quinto, fa una gara onesta, ma da lui ci si aspetta di più. Aspettative, invece, più che rispettate da Marco Melandri che fa volare in sesta posizione la sua Kawasaki Hayate: un campione ritrovato, ed un progetto -quello del team Hayate- che acquista sempre più concretezza. Tutto loro il casco d’oro di Pianeta Riders sul circuito di Motegi!

Da segnalare, infine, la settima posizione di Capirossi, deludente rispetto alle potenzialità mostrate dalla Suzuki 2009, e la brutta caduta di Nicky Hayden tamponato malamente nei primi giri di gara. Maledizione rossa? Be’, in questo caso direi proprio “sfiga nera“!

Da Motegi è tutto, Palla Racing, passo e chiudo…

More in MotoGp