Connect
To Top

MotoGP e dintorni: l’Italia delle moto torna a ruggire

È uno dei dati più evidenti di questa stagione 2015, che esplode forte nella domenica di Le Mans: il motociclismo italiano torna a ruggire tra i cordoli del Motomondiale






Dopo anni di ‘dominio’ spagnolo. Di campioni oltreconfine, oltregalassia, che sembravano definitivamente aver offuscato la gloria del recente passato motociclistico made in Italy, qualcosa sembra finalmente cambiato, in questa stagione 2015.

La rinascita di Rossi, ex bollito che ribolle come lava vulcanica; le arrembanti Ducati con i due Andrea, così diversi, così fondamentali nella riscossa delle Rosse: solido, il Dovi, costante nel rendimento e nella capacità di sviluppo della moto sotto la guida del ‘nuovo box’; entusiasmante, Iannone, generoso, eroico, capace di farti rimbalzare come una Palla impazzita sulla sedia, quando battaglia come un titano contro il Marquez delle meraviglie, nella domenica di Le Mans. Ok, forse Marc non era al meglio, ma neanche la spalla di Andrea se la passava poi così bene.
Senza dimenticare Danilo Petrucci che, con la ‘vecchia’ DesmoPramac, è costantemente capace di guizzi, col mirino puntato sui big. Chissà con una moto ufficiale…

Detto questo, d’accordo, gli spagnoli continuano ad essere fortissimi e – per certi versi – ancora favoriti. Ma quel suggello di imbattibilità, quella costante sensazione di impotenza, sembra oramai essersi dissolta, acqua passata.
In altre parole, la sensazione è che ora: S I . P U Ò . F A R E  !

Rossi e le Ducati nella classe Regina, d’accordo. Ma cosa dire del podio tutto tricolore in Moto3?

Nella domenica di Le Mans, brilla anche il vivaio Italia, che prende d’assalto gli ambiti 3 gradini guidato da  Fenati, cui fanno seguito Enea Bastianini e Francesco Bagnaia. Una gara spettacolare, entusiasmante… un Romano (Fenati), dal carattere talvolta pessimo ma dal polso destro spesso irresistibile.

Forse non tutto avverrà, e forse non avverrà presto e subito, ma… si intravede, finalmente, la luce oltre il tunnel. E tra un po’… si torna tutti al Mugello!


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in MotoGp