Connect
To Top

MotoGP Barcellona, Spagna, 2013: orari, programmazione TV e introduzione alla Gara

Il circus della MotoGP raggiunge la Catalunya, a 20 Chilometri da Barcellona, per scatenarsi tra i cordoli del Montmelò. Orari, programmazione TV e presentazione della Gara con spiegazione del circuito (video)

[divider]

Yamaha e Honda sono di nuovo pronte per darsi battaglia in questo spettacolare Campionato 2013. Dalle parti dei 3 Diapason, opposte motivazioni spingono Lorenzo e Rossi a tentare il tutto per tutto nel GP Catalano. Il primo, forte dell’ultima vittoria al Mugello, è desideroso di bissare il risultato davanti al pubblico di Casa; il secondo, invece, dopo la debacle proprio davanti al pubblico di casa è in cerca di risultati importanti che diano una svolta alla stagione. Prima di addentrarci nella consueta panoramica sui protagonisti del Motomondiale, però, diamo uno sguardo agli orari di gara e alle DIRETTE TV.

[divider]

ORARI E PROGRAMMAZIONE TV MotoGP Barcellona 2013

Venerdì 14 giugno 2013

      • Ore 09:00 – Moto3 FP1 – Italia2
      • Ore 09:55 – MotoGP FP1 – Italia2
      • Ore 10.55 – Moto2 FP1 – Italia2
      • Ore 13:15 – Moto3 FP2 – Italia2
      • Ore 14:10 – MotoGP FP2 – Italia2
      • Ore 15.10 – Moto2 FP2 – Italia2

Sabato 15 giugno 2013

      • Ore 09:00 – Moto3 FP3 – Italia2
      • Ore 09:55 – MotoGP FP3 – Italia2
      • Ore 11:00 – Moto2 FP3 – Italia2
      • Ore 12:35 – Moto3 Qualifiche – Italia2
      • Ore 13:30 – QUALIFICHE MOTOGP – diretta Italia1
      • Ore 15.10 – Qualifiche Moto2 – diretta Italia1

Domenica 16 giugno 2013

      • Ore 08:40 – Moto3 WUP – Italia2
      • Ore 09:10 – Moto2 WUP – Italia2
      • Ore 09:40 – MotoGP WUP – Italia2
      • Ore 11:00 – Moto3 Gara – diretta Italia1
      • Ore 12:120 – Moto2 Gara – diretta Italia1
      • Ore 14:00 – GARA MOTOGP – diretta Italia1



[divider]

Pista tosta per Gomme e freni che mette a dura prova, non solo la ciclistica, ma anche il fisico dei Riders. In casa Honda si ripropone la sfida nella sfida: quella per la leadership all’interno dei BOX, e quella per la leadership nel cuore degli appassionati che accorreranno in massa a tifare i due piloti marcati HRC. Pedrosa è sempre andato forte sul Montmelò, ma il giovane Marquez non gli è da meno!

Sempre pericolosi, poi, i soliti Crutchlow e Bradl, mentre, per quanto riguarda i Ducatisti, sebbene il circuito non sia esattamente favorevole alla GP13, sia Dovizioso che Iannone amano particolarmente questa pista (il primo, terzo nelll’edizione 2012, il secondo, 1° lo scorso anno nella categoria Moto2)… e proprio sul Montmelò, entrambi potrebbero trovare le motivazioni giuste per un bel colpo di reni.

LA PISTA

Nel’attesa che si accendano i riflettori sul Gp di Barcellona, allora, impariamo a conoscere meglio la pista una curva dopo l’altra. La prima che si incontra, la Elf, disegna una esse alla fine del rettilineo di partenza, sul quale si raggiungono velocità particolarmente elevate. Qui è necessario calibrare molto bene i tempi della forte staccata per non arrivare troppo pinzati e ritrovarsi lenti all’uscita della esse.Una buona uscita dalla Elf, infatti, è fondamentale per affrontare in modo efficace il lungo curvone Renault, la cui caratteristica è quella di apparire praticamente infinito. Qui è importante riuscire a non far derapare troppo il posteriore. La curva successiva è la Repsol, forse quella, che più di tutte, può influire sui tempi di percorrenza sul giro se non affrontata a dovere. A seguire, la curva Seat, che si percorre in discesa snocciolando marcia dopo marcia, e quasi costantemente piegati a sinistra con una brusca chicane nel finale che va infilata con grande decisione. Poi c’è la Campsa, e subito dopo il breve rettilineo che porta alla Caixa e alla successiva Banco de Sabadell. Qui la staccata è molto forte ed è sicuramente uno dei punti migliori per tentare un sorpasso. Passata la Europecar, infine, arriviamo alle ultime 2 curve, molto rapide e fondamentali (soprattutto l’uscita dalla ultima, la Holland) per ottenere un buon tempo sul giro, e impostare al meglio il successivo.

Pista impegnativa e veloce, dunque, con un rettilineo di 1.047 metri (su cui si raggiungono velocità prossime ai 330 Km/h), caratterizzato da violentissime staccate con la ruota che si solleva da terra. Un tracciato che mette a dura prova la bontà ciclistica delle moto e la resistenza dei piloti. E adesso, verifichiamo il tutto con un bel video on-board.

5 Comments

  1. Emanuele Borgonovo

    2013/06/12 at 11:11 AM

    no no manca camomillo

  2. Pianeta Riders

    2013/06/12 at 11:13 AM

    dovevamo sacrificare quacuno purtroppo in mancanza di un podi a 4. Questo secondo noi (Marquez, Lorenzo, Rossi)… tu che podio proponi? 🙂

  3. Emanuele Borgonovo

    2013/06/12 at 11:15 AM

    pedrosa marquez rossi

  4. Riccardo Petrucci

    2013/06/12 at 12:17 PM

    Rossi ci metterebbe la firma ad arrivare terzo……….

  5. Ezio Balsamo

    2013/06/12 at 12:19 PM

    chiedo scusa ma non capisco proprio perché mettete la foto dei primi 3 più il 6° in classifica…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in MotoGp