Connect
To Top

MotoGP Assen 2012: Bridgestone nel mirino per i problemi alle gomme di Rossi e Spies

Nel GP d’Olanda, evidenti i problemi alle gomme sia per Rossi che per Spies. Bridgestone avvia un’indagine tecnica, e intanto: “Chiediamo scusa ai nostri piloti”

Rossi pesantemente danneggiato, Spies al traguardo, ma rischiando la frittata. Il problema era nello pneumatico posteriore che cominciava a perdere pezzi. Blisteraggio del battistrada dovuto al caldo? Si pensava, ma probabilmente il fenomeno è da ricondursi ad altro. C’è da sottolineare che la temperatura dell’asfalto ad Assen ha toccato i 40°, 20° in più rispetto al GP dello scorso anno, non pochi. La perdita di pezzi del battistrada, in gergo chiamato “chunk”, a differenza del “blistering” non porta alla formazione di bolle nella zona supeficiale del battistrada, ma determina un vero e proprio distacco di pezzi di gomma con rischio esplosione. Ricordate Nakano sulla Kawasaki al Mugello? Il risultato finale può essere quello!

I tecnici della Bridgestone, scusandosi con i piloti per l’accaduto, sono ora impeganti in un severo controllo per capire cosa non abbia funzionato. Ecco cosa dichiara Shinichi Yamashita, Direttore R&D Bridgestone Motorsport:” Purtroppo oggi alcuni piloti hanno avuto problemi con il pneumatico posteriore e porgiamo le nostre scuse più sentite ai piloti interessati. Abbiamo dato inizio a un’indagine approfondita e domani porterò personalmente le gomme in questione al Technical  Centre di Bridgestone in Giappone, dove saranno sottoposte a un’analisi dettagliata per determinare la causa del problema


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in MotoGp