Connect
To Top

MotoGP 2015: il punto dopo la 3 giorni di test a Sepang

Terminato il secondo blocco di test a Sepang, MotoGP 2015, facciamo il punto: Marquez è ancora il Rider da battere, bene Yamaha e Ducati, ma non solo. Melandri non decolla

[divider]

Anzi, sprofonda! Partiamo proprio da lui, Marco Melandri, che si trova di nuovo alle prese con uno di quei difficili momenti che, a fasi alterne, hanno gettato ombre sulla sua carriera. Umanamente ci dispiace per il pilota dell’Aprilia Racing Team Gresini, costantemente ultimo in fondo al gruppo durante questi primi test della stagione 2015. La mission, l’esordio in MotoGP con una moto tutta da “costruire”, non era certo di quelle semplici ma, quell’incapacità di schiodarsi dall’ultima posizione, a quasi 4.5 secondi di ritardo dalla vetta (tempi di chiusura di oggi), ti spossano l’anima, quasi quanto i 40° del circuito malesiano ti stremano il fisico. Non aggiungiamo altro e facciamo a Marco Melandri, all’uomo e al pilota, un grande in bocca al lupo per le prossime uscite.

Dalla coda alla vetta. Ancora Honda, ancora Marc Super Marquez. Un ritmo impressionante, quello dello spagnolo, che completa ben 75 giri, tutti con un ottimo passo nonostante il caldo, e rifila più di 3 decimi all’inseguitore Lorenzo, impegnato a prendere le misure alle ultime succose novità tecniche a bordo della sua Yamaha.
In un’ipotetica trasferta a Sepang, a spasso tra i box, la celebre Sibilla avrebbe sentenziato che saranno loro i protagonisti della stagione prossima al via.

Ma non c’è Sibilla, o novello Nostradamus dei motori, che possa in realtà fare i conti con la proverbiale imprevedibilità delle gare motociclistiche. Alle spalle del temibile duo, una Ducati in grande spolvero – ottima la performance di Iannone – e un Rossi che sembra averne più di quanto sembri, schiacciano a sandwich un ringalluzzito Crutchlow, 4° crono, sulla sua nuova Honda LCR.

Meno brillante Daniel Pedrosa, impastato tra Smith e Barberà col 7° tempo, mentre le Suzuki fanno i primi – neanche troppo timidi – tentativi di avvicinamento al gruppo dei trascinatori: Espargarò, Aleix, è un gran manico… non si escludono zampate feline, già dopo le prime gare, all’aumentare del feeling con la moto.

A seguire, classifica e tempi finali Sepang 2, Day 3

01- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – 1’59.115 (75 giri)
02- Jorge Lorenzo – Movistar Yamaha MotoGP – Yamaha YZR M1 – + 0.322 (55 giri)
03- Cal Crutchlow – CWM LCR Honda – Honda RC213V – + 0.543 (57 giri)
04- Andrea Iannone – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP15 – + 0.607 (59 giri)
05- Valentino Rossi – Movistar Yamaha MotoGP – Yamaha YZR M1 – + 0.718 (59 giri)
06- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.768 (41 giri)
07- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.797 (51 giri)
08- Hector Barbera – Avintia Racing – Ducati Desmosedici GP14 – + 1.129 (52 giri)
09- Aleix Espargaro – Team Suzuki MotoGP – Suzuki GSX-RR – + 1.160 (50 giri)
10- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP15 – + 1.353 (43 giri)
11- Pol Espargaro – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.375 (36 giri)
12- Danilo Petrucci – Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP14 – + 1.441 (56 giri)
13- Yonny Hernandez – Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP14.2 – + 1.488 (56 giri)
14- Maverick Vinales – Team Suzuki MotoGP – Suzuki GSX-RR – + 1.489 (54 giri)
15- Stefan Bradl – Forward Racing Team – Forward Yamaha – + 1.570 (45 giri)
16- Scott Redding – Estrella Galicia 0,0 Marc VDS – Honda RC213V – + 1.580 (57 giri)
17- Nicky Hayden – Drive M7 Aspar – Honda RC213V-RS – + 1.698 (49 giri)
18- Michele Pirro – Ducati Test Team – Ducati Desmosedici GP15 – + 1.760 (49 giri)
19- Alvaro Bautista – Aprilia Racing Team Gresini – Aprilia RS-GP – + 2.195 (58 giri)
20- Mike Di Meglio – Avintia Racing – Ducati Desmosedici GP14 – + 2.372 (37 giri)
21- Karel Abraham – AB Motoracing – Honda RC213V-RS – + 2.421 (30 giri)
22- Jack Miller – CWM LCR Honda – Honda RC213V-RS – + 2.478 (40 giri)
23- Eugene Laverty – Drive M7 Aspar – Honda RC213V-RS – + 2.700 (61 giri)
24- Loris Baz – Forward Racing Team – Forward Yamaha – + 3.472 (47 giri)
25- Alex De Angelis – Octo Iodaracing Team – ART GP14 – + 4.185 (52 giri)
26- Katsuyuki Nakasuga – Yamaha Factory Test Team – Yamaha YZR M1 – + 4.333 (39 giri)
27- Marco Melandri – Aprilia Racing Team Gresini – Aprilia RS-GP – + 4.454 (48 giri)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in MotoGp