Connect
To Top

MotoGp 2014, tra Open e Factory: facciamo chiarezza

Dopo la parentesi poco felice della CRT, da quest’anno in MotoGp arriva la Open. I prototipi si divideranno in Open e Factory. Scopriamo le differenze.

[divider]

Dopo appena due stagioni, la Dorna ha deciso di rivedere la tanto criticata classe CRT, proponendo una nuova categoria con nuovi regolamenti. Le “classiche” MotoGp, che prenderanno la dicitura Factory, quindi, verranno affiancate dalle “Open”, che saranno di fatto prototipi, ma in versione per così dire “low cost”.

Le nuove moto, con cui correranno 13 dei 24 piloti iscritti al Campionato 2014, sono state pensate per offrire alla griglia di partenza della MotoGp un miglior livellamento delle prestazioni, senza però tralasciare la voce “costi”. Grazie anche al nuovo regolamento, la classe Open si rivela molto interessante sotto il profilo tecnico e prestazionale, tanto che già qualche costruttore ipotizza un reindirizzo del programma MotoGp verso la nuova categoria (leggi Ducati).

Serbatoio, numero dei motori e centralina “bloccata”

Le varie RCV1000RR, le FTR Kawasaki, ART Aprilia e Ducati Desmosedici (quella di Hernandez), avranno dalla loro la possibilità di poter adottare un serbatoio di maggior capacità (24 litri, contro i 20 delle Factory), di utilizzare 12 motori in luogo dei 5 per pilota, ma dovranno obbligatoriamente montare la centralina Magneti Marelli con software e datalogger unico per tutti.

Le Factory saranno invece libere di poter adottare software sviluppati ad hoc. Per le Case, ci sarà inoltre l’obbligo di comunicare quali piloti disputeranno la stagione con moto Open e quali con moto Factory: per ogni costruttore sono ammessi un massimo di 4 piloti Factory, ed in nessun modo si potrà cambiare tipologia di moto durante la stagione.

Meglio tardi che mai…

A ben guardare, la nuova categoria Open rappresenta ciò che le varie Case (Honda esclusa) reclamarono a gran voce da tempo. Dopo il deludente esperimento CRT, forse adesso si è imboccata la strada giusta da percorrere per ridare dignità e spettacolo ad una categoria che, nelle ultime stagioni, ha visto un drastico calo di appeal, nonostante protagonisti vecchi e nuovi.

2 Comments

  1. Pingback: MotoGP 2014: lista provvisoria dei piloti iscritti

  2. Pingback: Test MotoGP Sepang 2014: pronti, via!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in MotoGp