Connect
To Top

Itinerario moto Sardegna. La Costa Verde e il Parco Geominerario nei pressi di Guspini: l’altra isola


Quando si dice Sardegna saltano subito in mente le spiagge e i locali più famosi dell’estate. Ma accanto a quella “Smeralda” vive (per fortuna) un’altra isola, selvaggia, autentica, non ancora presa d’assalto dall’industria del turismo e in grado di regalare emozioni indimenticabili a chiunque vi si avventuri. Un angolo di Sardegna ideale da visitare in moto, per la bellezza delle strade e le suggestioni mozzafiato regalate dai  paesaggi. Un luogo perfetto per fuggire dal caos… anche in alta stagione.

Ci troviamo nella provincia di Carbonia-Iglesias, luogo da intenditori di percorsi tuttecurve. Quella di cui parleremo oggi, però, è una destinazione un po’ differente, che va al di là del puro piacere di guida per avventurarsi alla scoperta di una costa selvaggia e ancora preservata: la meravigliosa Costa Verde all’interno del Parco Geominerario nei pressi di Guspini e Arbus.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Ed è proprio dalla cittadina di Guspini che partiremo alla scoperta di questo affascinante territorio. Dal centro abitato si dovrà prestare attenzione nel seguire le indicazioni per MontevecchioZona Mineraria. La strada, molto piacevole da percorrere in moto, si infila all’interno di una fitta pineta: un’oasi di piacere e frescura durante le torridi estati sarde quando il caldo si fa insopportabile. Prima di raggiungere Montevecchio si incontra, lungo la strada, la vecchia miniera abbandonata tra le cui suggestioni è possibile perdersi prenotando un’interessante visita guidata (consigliatissima). Montevecchio, infatti, è tra gli insediamenti minerari più antichi dell’isola il cui distretto appartiene ad uno degli otto siti che compongono il Parco Geominerario, dichiarato dall’Unesco patrimonio mondiale dell’umanità.

Arrivati a Montevecchio, all’altezza della piccola piazza fittamente alberata, vi troverete davanti ad una biforcazione. Prendendo a destra ci si avventura lungo un percorso selvaggio fino al mare della Costa Verde, bellissima e incontaminata, per raggiungere le località di Porto Palma e Marina di Arbus, per poi proseguire, sulla strada lungomare, fino alle dune nei pressi di Piscinas.
Un misto di paesaggi da sogno e piacere di guida, con la strada che attraversa un gioco di policromie dal blu intenso del mare al verde della macchia mediterranea che risalta sul rosso della roccia viva. Vedute suggestive in un ambiente unico, lontano dal solito chiasso, che vi faranno venire voglia di fermare la moto e regalarvi qualche giorno di autentico relax in un paradiso ancora non invaso dal turismo di massa. Un consiglio? Non indugiate! (chi volesse dedicare a questa zona un paio di giorni, o più, potrebbe decidere per una sosta in uno dei deliziosi B&B o agriturismi nei pressi della Costa verde tra Marina di Arbus e Porto Palma). Se state affrontando questo percorso con una moto da enduro (o una Maxi-enduro) potreste scegliere di proseguire fino a Piscinas (per poi risalire ad Ingurtosu) attraverso un facile sterrato (si tratta di semplice terra battuta, affrontabile persino con una naked dall’impostazione non troppo estrema); chi non se la sente, invece, dovrà tornare indietro fino a Montevecchio per proseguire la strada da lì.

Da Montevecchio (dove si consiglia una sosta ritemprante al piccolo chiosco-bar sotto ai pini, nei pressi della piazzetta) si torna indietro verso Guspini, e adopo qualche centinaio di metri appena  si svolta a destra seguendo le indicazioni per Arbus: strada molto bella da guidare, con un catalogo di curve ben assortito e panorami che lasciano spesso col naso all’in su. Da Arbus si prosegue, poi, in direzione Fluminamaggiore. Nel tratto Arbus  Fluminamaggiore, consigliatissima la deviazione ad Ingurtosu, piccolo e suggestivo centro che rappresenta un gioiello imperdibile di archeologia industriale.

Tutto qui? Direi proprio di no. Quanto visto è appena un accenno di quel che può offrire questo angolo di paradiso a chi decidesse di esplorarlo in moto. Il meglio, soprattutto per gli amanti della bella guida, deve ancora venire… coming soon su Pianeta Riders.it


2 Comments

  1. Emiliano79

    2010/06/14 at 6:02 PM

    Spettacolo ragazzi, COMPLIMENTI!!!
    Non vedo l’ora di leggere il resto 😉

  2. Duca Rosso

    2010/06/14 at 6:45 PM

    e’ una vita che lo dico. Basta con la Sardegna dei fighetti. Anzi no, continuassero ad andarci loro, che noi ci godiamo quella vera 😆
    Il Duca

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *