Connect
To Top

Itinerario Moto Sardegna: a Ovest di Cagliari tra Capo Spartivento e il parco del Sulcis

Un itinerario a ovest di Cagliari per scoprire tutta la magia del sud della Sardegna: Pula, Teulada, Santadi, Siliqua… 160 Km tra strade curvose, panorami, cielo e mare. Scopriamo insieme questo affascinante percorso.

[divider]

La frastagliata costa di Capo Spartivento e le antiche rocce del Parco del Sulcis sono lo scenario ideale per dare sfogo alla propria voglia di divertirsi in moto. Ed è proprio qui che è ambientato l’interessantisimo itinerario sardo che vi proponiamo di seguito, stra strade mozzafiato, panorami e un’indigestione di pieghe 100% “alto godimento”.

L’Itinerario

Si parte da Cagliari, capoluogo di regione, da cui si imbocca la SS195 in direzione Pula per un rapido spostamento di qualche chilometro, fino a raggiungere Chia e Setti Ballas. Da qui il percorso entra subito nel vivo. Le prime curve servono a far scaldare gli peumatici della moto, poi – addominali contratti – e via, si inizia a danzare su un toboga infernale di curve, un tormentato nastro d’asfalto aggrappato  alle rocce che sovrastano Capo Spartivento, in direzione Teulada, tra incredibili vedute sul mare e curve che si perdeno nel blu. Tutt’attorno, una rigogliosa macchia mediterranea che puntella di verde le rocce, regalando infinite policromie nella stagione delle fioriture. Di tanto intanto, è d’obbligo chiudere la manetta per godersi una sosta contemplativa e ammirare una natura che, da queste parti, si mostra al massimo del suo splendore. Se siete amanti degli scatti panoramici, avrete decisamente di che sbizzarrirvi.

Giunti nei pressi di Teulada, lo scenario cambia completamente volto. Si lascia la SS195 e si prosegue in direzione di Santadi, per poi imboccare la SS293 in drezione Nuxis-Siliqua. Questo tratto, che si infila nell’entroterra del Sulcis, vi scuoterà le terminazioni Riders fin dentro il midollo. Un luna park per motociclisti destinato a finire dritto nell’album dei ricordi. Asfalto perfetto, curve elicoidali e traffico inesistente vi terranno compagnia fin verso Silìqua, da dove – allentando il ritmo – si farà ritorno a Cagliari proseguendo in direzione Assémini. E se siete all’imbrunire, non dimenticate una sosta alle saline di Santa Gilla, nei pressi di Cagliari, per “salutare” i fenicotteri al tramonto.

[divider]

Da non perdere lungo il percorso

[checklist]

  • Una visita alle bellezze della città di Cagliari, in particolare il quartiere Castello col famoso Bastione di  Sain Remy, senza dimenticare una passeggiata sul lungomare Poetto.
  • Le famose dune nei pressi di Chia e una passeggiata a Capo Spartivento col caratteristico faro. L’intera costa, da Chia a Teulada, è disseminata di suggestive torri spagnole sul mare.
  • L’antica città nuragica di Nora, nei pressi di Pula, che vanta 1600 anni di storia, dall’ VIII secolo a.c. all’ VIII secolo d.c.
[/checklist]
[divider]

Dove fermarsi per una sosta golosa

Per assaporare tutto il carattere di una terra dai sapori forti, niente di meglio che una sosta presso la Locanda di Baccalamanza, situata a Capoterra, poco distante da Cagliari. Piatti della tradizione, a base di carne e di pesce, rivisitati con un tocco di stile, che nella bella stagione possono essere gustati all’aperto, nella piacevole Piazzetta dei Limoni. Moto sempre “in vista” nell’ampio parcheggio interno (Tel. 070.728321)

[divider]

Dove dormire

Il Resort Hotel Is Molas, si trova a 33 chilometri da Cagliari, nella zona di Santa Margherita di Pula: campi da golf, mare poco distante e relax, per chi non vuole rinunciare ad un’atmosfera di charme durante il proprio viaggio (Tel. 070.9241006). Sempre in zona, più economico ma ugualmente accogliente, consigliamo l’agriturismo Sa Mitza e s’Orcu sulle colline alle spalle di Chia (Tel. 070.9236207)

[box type=”shadow” align=”alignleft” width=”620″ ]

La moto dell’itinerario

Ad accompagnarci lungo questo affascinante percorso “tutte curve“, l’ultima Aprilia Caponord 1200, un sofisticato CrossOver da viaggio dalle notevoli doti di polivalenza. Una moto capace dii trasformarsi, come poche altre, da comoda e pacifica viaggiatrice a muscolosa e impavida piegatrice. Tra i maggiori pregi, il comfort di marcia e una ciclistica rigorosa, capace di assecondare sempre i desideri del pilota, ben supportata dalla ricca dotazione elettronica che vanta (nella versione Travel Pack) anche la sospensione posteriore semi-attiva. Trovate QUI la prova approfondita di questo modello.

[/box]

[box type=”shadow” align=”alignleft” width=”620″ ]

Abbigliamento tecnico utilizzato

  • CASCO: Nolan N44 (un incredibile trasformista, adatto ad affrontare ogni genere di situazione grazie alla mentoniera smontabile. Un prodotto perfetto per una moto eclettica come la nuova Caponord. Sicurezza, comfort elevatissimo e grande qualità cotruttiva per questo casco tutto italiano).
  • GIUBBOTTO: DAINESE G-Xantum D-Dray (perfetto compagno di viaggio, e su percorsi di tutti i giorni, offre comfort, sicurezza ed un ottimo isolamento dalle intemperie, in inverno, e aerazione efficace, d’estate)
  • GUANTI: IXON RS Rain HP (dal taglio medio, sono dotati di un particolare trattamento che li rende caldi e idrorepellenti, ma poco ingombranti, e quindi molto comodi da indossare, senza essere d’intralcio alla guida).
  • STIVALI: STYLMARTIN Street Carbon (in pelle pieno fiore idrorepellente, questi stivali touring, dal taglio sportivo, si rivolgono al motociclista che non rinuncia ad uno stile sprint anche nelle “scorribande” su strada. Massimo comfort e sicurezza grazie all’elevata cura costruttiva e alle protezioni che “tutelano” con efficacia le zone più esposte del piede in caso di caduta)
[/box]

9 Comments

  1. Nicolò Ercoli

    2013/04/10 at 9:18 PM

    posti bellissimi. MA DEVONO ABBASSARE I PREZZI DEI TRAGHETTI. Una volta costava molto meno andare in Sardegna, ora per due persone più la moto ti arriva un salasso. Molto meglio i traghetti per la Corsica, prezzi più bassi e si trova anche qualche promozione

  2. Mauri

    2013/04/10 at 9:50 PM

    sono anni che vado in moto in sardegna. Un sogno!!!!

  3. Guido Santamaria

    2013/05/05 at 8:22 AM

    non vedo l’ora di andarci quest’estate. Spero solo che ad agosto non ci sia troppo traffico

  4. Fabio Cannas

    2014/01/24 at 11:12 AM

    Venite in Sardegna dove il sole e il mare regna!!! Ci sono posti indimenticabili da vedere. Per chi ha in programma di venire visiti il nostro club Ducatisardiniadoc abbiamo in serbo tante belle sorprese e gite per il 2014!!!

  5. Diego Schirru

    2014/01/24 at 11:19 AM

    Ottimo itinerario!

  6. Ezio Balsamo

    2014/01/24 at 11:50 AM

    è bellissimo pelare le rocce (io lo faccio al massimo a 80km/h) con la faccia… ma occhio se siete in Sardegna a non ritrovarvi un falco che staziona in mezzo alla strada! CHE SPETTACOLO!!

  7. Luca Tiddia

    2014/01/24 at 12:35 PM

    Questo è il giro perfetto ma…sono di parte!

  8. Marco Scipione

    2014/01/24 at 2:04 PM

    FATTA Un MARE Di Volte SpettacolARE

  9. Cristian Bocco

    2014/01/24 at 3:47 PM

    Fatta e’ spettacolare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in itinerari