Connect
To Top

MotoGP Le Mans 2011: risultati e commento prove libere del Venerdì. Honda irraggiungibili, strepitoso Stoner, sorprendente Ducati

Casey Stoner si impone senza mezzi termini nella prima giornata di prove sul circuito Francese, prima tappa d’avvicinamento alla gara di domenica. In generale, sono le Honda ad essere apparse le più in forma sull’asfalto del “Bugatti”, inseguite dalla Yamaha M1 di Jorge Lorenzo, che stacca pesantemente il compagno di squadra Spies relegato in decima posizione durante entrambe i turni di prove. Acuto inatteso, invece, da parte della Ducati durante le prove libere 2. Ma stavoltta non è Rossi a mettersi in evidenza, bensì il compagno di squadra Hayden che strappa un inatteso quarto tempo mettendosi dietro persino il campione del mondo Lorenzo. Valentino, da parte sua, va discretamente nel primo turno e perde qualcosa nel secondo. Di seguito il commento e i risultati delle due sessioni.

MATTINA – Prove Libere 1

Il primo feedback tra i cordoli francesi è interamente marcato Honda. Le 3 HRC seguite dalla San Carlo Gresini di Simoncelli monopolizzano la parte alta del tabellone con tempi “fuori portata” per gli altri Riders in pista. È solo il primo round di un lungo week-end, ma la piega che potrebbero prendere le cose sembra già piuttosto chiara. Stoner – in cima al gruppo Repsol – sembra ver ritrovato lo spirito giusto col quale aveva esordito a Losail. A seguire, Dani Pedrosa, gli sta costantemente col fiato sul collo, e anche Andrea Dovizioso sembra essersi finalmente “sbloccato”.

Alle spalle dello squadrone Honda si fa vedere la prima Yamaha, quella di Jorge Lorenzo, più lenta di oltre un secondo rispetto alla testa della classifica. Sesto tempo, invece, per Valentino Rossi che trae evidentemente vantaggio dal nuovo telaio della sua Ducati riuscendo a non perdere il contatto con i migliori nonostante un setting della moto non ancora perfetto.

Tra i big, si segnala la decima posizione di Ben Spies, apparso in difficoltà durante questo primo “assaggio” di Le Mans. Il californiano finisce col farsi mettere le ruote davanti anche dalla Yamaha Tech3 di Cal Crutchlow, al suo debutto su questo circuito. Di seguito i risultati con i tempi delle prime prove libere

Classifica Prove Libere 1

  • Casey Stoner – Repsol Honda Team – Honda RC212V 1’34.133
  • Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC212V + 0.298
  • Andrea Dovizioso – Repsol Honda Team – Honda RC212V + 0.675
  • Marco Simoncelli – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V + 0.896
  • Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing Team – Yamaha YZR M1 + 1.032
  • Valentino Rossi – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP11 + 1.281
  • Randy De Puniet – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP11 + 1.554
  • Nicky Hayden – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP11 + 1.588
  • Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 + 1.598
  • Ben Spies – Yamaha Factory Racing Team – Yamaha YZR M1 + 1.610
  • Colin Edwards – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 + 1.738
  • Loris Capirossi – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP11 + 2.277
  • Hiroshi Aoyama – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V + 2.315
  • Alvaro Bautista – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R + 2.377
  • Toni Elias – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V + 2.864
  • Hector Barbera – Mapfre Aspar Team – Ducati Desmosedici GP11 + 2.903
  • Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – Ducati Desmosedici GP11 + 3.021
[divider]

[divider]

POMERIGGIO – Prove Libere 2

Ancora Casey Stoner mattatore del venerdì. Stavolta il distacco sugl’inseguitori è ancora più netto, con Marco Simoncelli staccato di ben 4 decimi e Dani Pedrosa di 7. L’australiano ha costantemente martellato l’asfalto con un passo strepitoso, fino al giro veloce di 1.33.782.

Quarto tempo, a sorpresa, per Nicky Hayden che irrompe nella parte alta del tabellone con un giro messo a segno nel finale. Prestazione, quella dell’americano, che stride col passo indietro fatto registrare da Rossi che passa dalla 6° posizione nelle libere 1 alla 9° di questo secondo turno.

Rispettivamente quinto e sesto, invece, Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso, mentre Ben Spies fa registrare per la seconda volta un laconico decimo crono che lo relega nelle retrovie, proprio alle spalle di Rossi.

Classifica Prove Libere 2

  • Casey Stoner – Repsol Honda Team – Honda RC212V 1’33.782
  • Marco Simoncelli – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V + 0.404
  • Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC212V + 0.696
  • Nicky Hayden – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP11 + 0.870
  • Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing Team – Yamaha YZR M1 + 0.877
  • Andrea Dovizioso – Repsol Honda Team – Honda RC212V + 0.923
  • Colin Edwards – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 + 1.157
  • Hiroshi Aoyama – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212 + 1.177
  • Valentino Rossi – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP11 + 1.184
  • Ben Spies – Yamaha Factory Racing Team – Yamaha YZR M1 + 1.194
  • Randy De Puniet – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP11 + 1.216
  • Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 + 1.376
  • Loris Capirossi – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP11 + 1.601
  • Hector Barbera – Mapfre Aspar Team – Ducati Desmosedici GP11 + 2.120
  • Alvaro Bautista – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R + 2.210
  • Toni Elias – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V + 2.522
  • Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – Ducati Desmosedici GP11 + 2.545

6 Comments

  1. Alesanto

    2011/05/13 at 4:07 PM

    HAYDEN QUARTO!!!!!!

    Che smacco per il dottorino

  2. Pingback: Rossi e Hayden: opinioni discordanti | Pianeta Riders

  3. SKDXOAWELFEVJV

    2018/08/29 at 9:31 PM

    Together with the whole thing which appears to be building throughout this particular subject matter, all your perspectives are relatively stimulating. However, I beg your pardon, but I do not subscribe to your whole theory, all be it refreshing none the less. It seems to everybody that your opinions are not totally justified and in actuality you are yourself not entirely convinced of your assertion. In any event I did enjoy looking at it.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in honda