Connect
To Top

Fine dei rumors, arriva la conferma ufficiale: Stoner alla Honda dal 2011

(articolo di Davide Petrachi)

COME DA COPIONE. Si concluderà con il Gran Premio di Valencia, a novembre, il sodalizio tra la Ducati e il pilota australiano Casey Stoner che approderà alla Honda nella prossima stagione dopo quattro anni in sella alla moto italiana. L’annuncio arriva dalla Ducati che ieri ha diffuso una nota sul suo sito web. Un rapporto caratterizzato da molte vittorie, tra cui la conquista nel 2007 del primo Titolo Mondiale MotoGP, sia per la casa italiana, sia per il pilota australiano.

«Vorrei ringraziare Casey da parte dei nostri tifosi, dei nostri sponsor ma soprattutto a nome di tutte le persone che lavorano in Ducati», ha commentato Filippo Preziosi, Direttore generale Ducati Corse, «perchè le vittorie e le emozioni che ci ha regalato ci hanno ripagato del lavoro e dei sacrifici di tutti questi anni. In queste quattro stagioni insieme ci sono stati tanti momenti belli, come la vittoria del Mondiale nel 2007 e la vittoria nella gara del Mugello del 2009, che non dimenticheremo mai. In Casey abbiamo trovato non solo un pilota dal talento cristallino, ma soprattutto un ragazzo estremamente onesto e leale e per questo rimarremo legati a lui, anche da avversari, da affetto e stima».

«Ringrazio Ducati per avermi dato la grande opportunità di correre e vincere con loro in questi quattro anni». ha commentato Casey Stoner «Hanno scommesso su di me alla fine del 2006 quando ero praticamente uno sconosciuto ma lavorando uniti siamo stati capaci di vincere un mondiale, diverse gare e lottare per il titolo in altre due stagioni. Adesso ho deciso di cercare nuove sfide per il mio futuro e nuovi ostacoli da superare ma non dimenticherò questi quattro anni con la Ducati e le persone con le quali ho avuto il privilegio di lavorare così da vicino. Ancora un grande grazie alla Ducati, ai suoi tifosi, e a tutti gli sponsor con i quali abbiamo condiviso il successo e raggiunto traguardi che rimarranno nel tempo».

Via|(Red/Ct/Adnkronos

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Ducati