Connect
To Top

Ducati, la fabbrica dei sogni: Superleggera vs Desmosedici RR

Dopo sette anni, una nuova dream’s bike da Borgo Panigale: la Ducati 1199 Superleggera va a raccogliere l’eredità della Desmosedici RR. Le abbiamo messe a confronto.






(articolo di William Toscani)

Stesso schema di marketing per entrambi i modelli, prezzo simile, forte impatto estetico ed emozionale, a Borgo Panigale hanno deciso di stupire gli appassionati ancora una volta: a distanza di 7 anni dalla Desmosedici RR, la V4 derivata dal prototipo della MotoGp, viene presentata una moto che, oltre a far sognare, mette in campo quanto di meglio possa essere trasferito dal mondo delle corse alle strade di tutti i giorni.

Moto in un certo senso simili nell’immagine, ma diverse nella sostanza. Vediamo quali sono le differenze tra Superleggera e Desmosedici RR

Motore

La D16 RR si avvale di una unità 4 cilindri a V derivata dall’esperienza in MotoGp, con angolo tra le bancate di 90°, e con potenza dichiarata, con scarico e centralina, di 200 Cv a 13800 giri\min. La Superleggera invece, punta sul tradizionale “pompone” bicilindrico ad L con potenza di “oltre 200 Cv, ad un regime di 11500 giri\min. Potenza simile, ma coppia maggiore per la Panigale, che guadagna 1,7Kgm rispetto alla rivale, 13,5 kgm contro gli 11,8Kgm della 4 cilindri.

Peso

Qui la Superleggera fa valere il suo nome. Sono 155 i chili dichiarati a secco, contro i 171kg della V4. La differenza principale tra i due modelli risiede, oltre che nella freschezza del progetto 1199, anche in una diversa tecnologia del telaio: la struttura a traliccio in acciaio della D16 fa sentire il suo peso rispetto al pregevole monoscocca in magnesio della rivale. Per il resto, troviamo materiali simili per carena (carbonio) e cerchi (magnesio).

Componentistica

le differenze sostanziali le troviamo soprattutto nella parte elettronica. In questo caso,  7 anni di differenza hanno il loro peso nella dotazione della Superleggera: Ride by Wire, controllo della trazione e dell’impennata, ABS Bosch per la bicilindrica. Per il resto, per le due moto abbiamo cerchi Marchesini in magnesio, mono e forcella Ohlins, freni Brembo, seppur in versioni più evolute sulla Superleggera.

Diversa la scelta delle “calzature”

Sulla falsariga di quanto abbiamo in SBK e MotoGp, sulla V4 troviamo un treno di Bridgestone Battlax BT-01, mentre sulla SBK replica si è optato per un treno di Diablo Supercorsa SP. Cambia la misura del cerchio posteriore: sulla RR è da 16,5”, in linea su quanto utilizzato all’epoca in MotoGp. Classico da 17”per la Panigale.

Prezzo

Per la D16 erano necessari 60.000 euro per aggiudicarsi uno dei 1500 esemplari (anche se all’inizio la produzione prevedeva 1000 unità), di una moto che celebrava le vittorie di Loris Capirossi nel Mondiale prototipi. Per la Superleggera, il prezzo è più alto, 65.000 euro, anche per via di una produzione limitata a soli 500 esemplari, per quella che è la perfetta replica della moto impegnata in SBK.

D16 contro Superleggera

Ad oggi, i risultati in pista nella massima categoria del Campionato delle derivate di serie non sono stati incoraggianti, per la Panigale, ma è da ricordare che, quando venne commercializzata la Desmosedici RR, Stoner, l’anno seguente, portò a casa il Mondiale MotoGp… chissà se la Superleggera riuscirà a ad eguagliare la “rivale” a 4 cilindri.

3-04 1199 Superleggera

DesmosediciRR

5 Comments

  1. Dion McBride

    2013/10/24 at 9:27 PM

    How can I get this awsome site in English ? Thanks

  2. Pingback: Ducati 1199 Panigale Superleggera per 500 fortunati / IL VIDEO – Metro

  3. Pingback: Nuova Ducati 1199 Superleggera, una Ducati da sogno – Motorionline

  4. Pingback: Ducati, la fabbrica dei sogni: Superleggera vs Desmosedici RR – Pianeta Riders

  5. Pingback: Ducati Desmosedici RR “Black Polygon” by Death Spray Custom

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Ducati